Manfredonia

“NO eolico offshore”; le associazioni si riuniscono in Assemblea (FT-VIDEO)


Di:

Manfredonia, assemblea associazioni provinciali: no eolico offshore (statoquotidiano - Benedetto Monaco@)

Manfredonia – “CHE cosa? Offshore? Non sappiamo nulla. Nessuno ci ha informato di niente. Prima le maglie, poi il fermo, dunque le limitazioni, ora gli impianti. Nessuno – tra politici e federazioni – ci ha informato di nulla. Di certo sono un danno: provate a mettere dei pali in mezzo a una strada e poi cercate di guidare”. Una mattina con i pescatori di Manfredonia a poche ore dall’Assemblea pubblica a Palazzo dei Celestini (ore 17 e 30, sabato 19) per informare la cittadinanza sugli impianti eolici offshore prossimi all’installazione. “I nostri rappresentanti? Se ne fregano”, dice sconsolato Giuseppe.

2 I PROGETTI PREVISTI PER UN TOTALE DI 100 KM2 DI MARE. Come risaputo, 2 i progetti previsti: uno della della Parco Eolico Marino Gargano Sud, Ex Ats, sostenuto dalla tedesca Wpd , l’altro della Trevi Energy spa . In totale circa 100 km quadri di area marina occupati, con possibile interdizione perenne, “a partire da Torre Rivoli”. Per i pescatori avvicinarsi dovrebbe essere dunque impossibile, “essendo impianti di utilità nazionale che producono energia”. “I pescatori di Manfredonia – impegnati ad oggi nell’area di Posidonia dalle Isole Tremiti al Nord Barese – dovranno trovare altre zone per effettuare le proprie attività. Dunque la nostra marineria è a rischio”, come già detto a Stato da Enzo Renato, del comitato regionale di Legambiente Puglia.

“Se devono essere installati non devono creare impatto a livello ambientale, né limitare le attività dei pescatori”, dice Antonio Rucher, storico Maestro d’Ascia di Manfredonia. “Quella scelta è forse l’area più pescosa del Golfo. Inoltre c’è vento solo con il cattivo tempo, dunque continuiamo proprio a non comprendere: 100 km2 di area interdetta, oltre 90 palificate alte quasi un centinaio di metri, il tutto a 10 km dalla costa”. “Il settore pesca? Tutti devono darsi una regolata – aggiunge Rucher – il mare è una risorsa per tutti ma bisogna rispettarlo”.

“Vogliono installare gli impianti in mezzo al mare – dice Giacomo – bene allora si ritirassero tutte le licenze e ci pagassero per i prossimi anni. Mi chiedo: a cosa servono questi impianti?”. “Invece dei pesci pescheremo la corrente”, aggiunge un altro pescatore.

“Qualche anno fa si parlava del piano regolatore portuale di Manfredonia, poi bloccato – aggiunge Ernesto Castigliego, maestro d’ascia ed operatore del settore nautica da diporto – al tempo si parlava di navi da crociere che dovevano arrivare nel Golfo di Manfredonia; e dunque? Ora con questi impianti eolici in mezzo al mare cosa succederà? Andiamo incontro ad un nuovo disastro come nel Giglio? La Città cortesemente si concentri sul turismo”.

“Già con gli impianti di miticoltura ed acquacoltura (nei pressi del bacino Alti Fondali,ndr) ci era stata limitata un’importante area di pesca – dice Mimmo Mondelli, pescatore del centro – ora anche questi impianti. La piccola pesca è destinata a scomparire definitivamente. Inutile parlare di misure contro la crisi se poi ci autodanneggiamo. A questo punto meglio fermarsi ora con le nostre attività”.

“Non soltanto la pesca risentirà di queste installazioni – dice il sig. Nobile – ma soprattutto la navigazione. Immaginiamoci in un giorno di maltempo, un veliero, un qualsiasi natante perde il gps: non c’è il rischio di urto contro questi impianti? Non è possibile: creare degli intralci, degli ostacoli nel mare, ma stiamo scherzando? Già 10 km2 sarebbero stati troppi, figuriamoci un’interdizione interessante 100 km2 di acque del Golfo”.

“Relativamente agli impianti – dice il segretario organizzativo della Uila pesca di Manfredonia Luigi Marinaro – la posizione regionale della Uila è prettamente negativa. Noi ci dissociamo completamente dall’installazione previste nel Golfo. Parliamo di un’area di 100 km2. Certo spiace notare la mancanza di interventi da parte di altre sigle sindacali o di federazioni dell’area. Ci chiediamo: quali i reali interessi dietro questi impianti? Sotto quale aspetto socio-economico bisognerebbe giustificare l’installazione di queste impianti?”. Già, quali i reali interessi dietro l’installazione delle palificate previste nel Golfo di Manfredonia.

IL DOCUMENTO SOTTOSCRITTO DAL COORDINAMENTO DELLE ASSOCIAZIONI PROVINCIALI

Focus progetti energia da fonti rinnovabili Manfredonia – Cavidotto Manfredonia/Albania
MACCHIA ROTONDA, L’IMPIANTO JASMINE
MACCHIA ROTONDA, PROGETTO WIND FARM
PROGETTI ENERGY SISTEM E WINDARIA
MACCHIA ROTONDA, Cavidotto Manfredonia/Albania, rilievi marini della Biopower. Il progetto

g.defilippo@statoquotidiano.it

VIDEO

FOTO

Video

VIDEO

“NO eolico offshore”; le associazioni si riuniscono in Assemblea (FT-VIDEO) ultima modifica: 2013-10-18T23:01:15+00:00 da Giuseppe de Filippo



Vota questo articolo:
18

Commenti

  • IERI SERA SONO STATO SUL COMUNE, HO PARLATO CON GLI ASSESSORI DAMIANO D’AMBROSIO,MICHELE GALLIFUOCO E I DUE CONSGLIERI COMUNALI ANTONIO PRENCIPE E GIUSEPPE TITTA CON IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE NICOLA VITULANO, CON MIA PIU’ GRANDE SORPRESA SENTIVO, CHE NESSUNO PARTECIPAVA OGGI 19 OTTOBRE ALL’AUDITORIUM COMUNALE DI PALAZZO CELESTINI, PERCHE’ NESSUNO HA RICEVUTO L’INVITO, E MAI POSSIBILE QUESTO SI O NO…? CHI E’ RESPONSABILE DEL MANCATO INVITO…? O C’E’ QUALCOSA SOTTO..?
    VORREI UNA URGENTISSIMA RISPOSTA DI CHI DI COMPETENZA DELL’ORGANIZZAZIONE, GRAZIE
    GIUSEPPE MARASCO
    PRESIDENTE NAZIONALE *CIVILIS*
    CONFEDERAZIONE EUROPEA ONLUS


  • Vigoli dino

    Mi fà piacere vedere i pescatori preoccuparsi di questo problema,ma alle parole devono seguire i fatti.
    Partecipare questo pomeriggio alle ore 17:30 è un inizio.
    Forze sociali,associazioni culturali e categorie di lavoratori, tutti contro la svendita del nostro territorio.


  • PANDORA

    Fate bene ad opporvi a questo nuovo obbrobrio per Manfredonia, come lo è stato per i pannelli fotovoltaici del cimitero ove il Comune avrebbe riscosso 1000 euro all’anno se tutto andava bene. A proposito per questo nuovo regalo dell’Amministrazione Comunale, il Comune e noi cittadini quanto ci guadagnamo?


  • mario

    L’eolico nel Golfo farà la stessa fine delle Pensilile di Piazzale Cimitero:sono entrate in funzione e nessuno ne parla più,compresi i giornali,carte straccia locali!L’importante è foraggiare chi crea rumore,il resto viene da solo.Tante promesse,dagli attuali Amministratori che non se ne è fatto più nulla.Così accadrà per l’eolico in mare.Basta oleare qualche presidente di cooperativa ed il gioco è fatto.Quando all’inizio se ne è parlato e si facevano i nomi dei politici,anche “Stato Quotidiano”omise il nome del politico che sosteneva tale iniziativa.Oggi ci troviamo a doverci difendere da una cosa quasi certa.Le battaglie serviranno a qualcosa?Non credo,a meno che tutto cio non serva a distogliere la popolazione da altri “gravi problemi”!


  • Redazione

    Ciao Mario, innanzitutto torneremo a parlare del “paradosso” pensiline, ennesima opera non completata nel territorio (al di là della scelta ubicazione); inoltre se vuole fare il nome del politico nell’ambito del diritto di critica siamo qui, grazie per l’intervento; Red.Stato


  • eletra

    perme cuesto pericolo che si commento e veramente esagerato anche perche se verranno messo saranno messo a 10 km dalla riva e cuesto significa che da terra neanche si vedono come pure i pescatori cuale e il danno che fasnno le pale? io penso che danni nonefanno assolutamente forse faranno un po di bene e faranno lavorare un po di gente e percuesto ci pensassere bene perche danni non esistono


  • Realman

    SECONDO I CONTRARI AL PARCO EOLICO…QUAL’E’ L’ALTERNATIVA D’INVESTIMENTO E SVILUPPO ECONOMICO/LAVORATIVO OGGI A MANFREDONIA? FATE PROPOSTE E NON POLITICA SCADENTE, LA POLITICA VERA E’ UN’ALTRA COSA.INOLTRE, IL PARCO EOLICO NON ARRECHERA’ NESSUN DANNO A NESSUNO ANZI SE NE TRARRANNO MOLTI BENEFICI.


  • Redazione

    Naturalmente se avrà letto anche solo un testo – tra i tanti pubblicati – si parla di un’interdizione pari a 100 km2 di un’area di pesca e utilizzo di tecnici specializzati per l’installazione; seguiremo l’evolversi della vicenda; grazie; Red.Stato


  • info

    Realman sei quello che possiede i rimorchiatori vero? anche in un altro forum te l’abbiamo chiesto e non hai risposto. Sei stato azzittito dopo i tuoi post aggressivi e ora vieni qui ad alzare il polverone? per citare il tuo amato Bersani: ti conosco mascherina


  • info

    per Marasco: gli inviti sono stati fatti via PEC. Un invito a tutta la giunta è stato inoltrato all’ufficio del Gabinetto e alla segretaria del primo cittadino di Manfredonia. Poi c’è bisogno dell’invito per partecipare a una cosa cosi importante? Forse non hanno capito che LORO sono al servizio dei cittadini e non il CONTRARIO. Manfredonia è dei suoi cittadini, non dei suoi amministratori


  • La costa dei barbari

    Se è vero quello che ho letto nel forum
    ci sono molti complici più o meno taciti…povera Manfredonia la stanno finendo di distruggere compreso il mare.
    E i pescatori a chi aspettano a ribellarsi?


  • Un cittadino qualunque chiede..

    Gentile redazione due domande:

    ho letto da qualche parte che alle 17 presso il palazzo dei celestini ci sarà un incontro, la domanda è possono accedere tutti i cittadini o ci vuole un invito?
    Grazie anticipatamente x la risposta.


  • Redazione

    Possono partecipare tutti; l’ingresso è libero; Red.Stato


  • BOH

    Una domanda semplice: perchè Sindaco, LUC e Diocesi non hanno rilasciato commenti sulla questione dell’eolico? Il LUC che per ogni ricorrenza (giornata mondiale dei passerotti leopardiani, musica per le mamangiulecchie zoppe… ) si fa promotore e diffusore e ora su una questione cosi GRANDE tace e non aderisce al comitato delle associaizoni? BOH


  • giuseppe

    Vorrei informare il signor luigi marinaro che c’e` un rsa della flai cgil pesca che e` stato il primo a informare tutti i presidenti di cooperative di quanto sta’ per accadere e allo stesso tempo ha consegnato personalmente gli inviti agli stessi presidenti per partecipare all’incontro di questo pomeriggio. Lo stesso rsa non si e` messo in mostra e rilasciare interviste. Ma ha agito nei fatti divulgando la notizia a chi era ignaro


  • Giuseppe Quitadamo

    Tutti gli inviti sono stati consegnati. Ed anche affissi nell’albo del Comune. E comunque l’assemblea pubblica è stata ampiamente pubblicizzata e diffusa attraverso i più disparati mezzi di comunicazione quindi chiunque non abbia avuto anche per sbaglio (ma non credo) l’invito diretto, sa dell’assemblea.

    La non presenza oggi NON HA SCUSANTI il tema è importante e delicato.

    G.Q. (per il coordinamento delle associazioni)


  • Redazione

    Grazie Giuseppe per l’intervento, ciao, buon lavoro, Red.Stato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This