GarganoManfredonia
Per il gip, ci sono "dichiarazioni implicitamente confessorie"

“Così è stato incastrato il palo della strage di San Marco in Lamis”

L'accusato diceva: "Sto come una bomba atomica...per me prima o poi c'è l'arresto"


Di:

Cinquanta pagine fitte-fitte di analisi altamente tecnologiche, svolte dal reparto Crimini Violenti del Ros, e di tessitura di spunti investigativi da parte dei carabinieri foggiani che mettono in luce il ruolo di Giovanni Caterino, uomo dei Li Bergolis, la famiglia in lotta con i Romito dal 2009, quando durante un processo scoprirono che il capostipite dei loro vecchi alleati per anni aveva in realtà fatto il confidente delle forze dell’ordine. Per il gip, ci sono “dichiarazioni implicitamente confessorie”. L’accusato diceva: “Sto come una bomba atomica…per me prima o poi c’è l’arresto”

Fonte https://www.ilfattoquotidiano.it

“Così è stato incastrato il palo della strage di San Marco in Lamis” ultima modifica: 2018-10-18T17:47:46+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This