Regione-Territorio

Lonigro (Sdi): confusione per piani Area Vasta. Mongelli: 35 mln per primo stralcio


Di:

Pino Lonigro (StampaSud)

Pino Lonigro (StampaSud)

Foggia – “TROPPI i nodi da sciogliere rispetto alla Programmazione negoziata definita tra la Regione Puglia e gli Enti territoriali, tra cui l’intera Provincia di Foggia e il suo capoluogo”: così il consigliere regionale del gruppo Socialista, Pino Lonigro.“Per questo motivo – dice Lonigro – ho chiesto al presidente della prima commissione consiliare di convocarla urgentemente, perché si faccia il punto reale sulla situazione di Bilancio rispetto alla capacità e all’entità della spesa realizzata e da realizzare dall’Amministrazione regionale riguardo ai Fondi strutturali e alla Programmazione 2007– 2013, e svolga un’approfondita riflessione sulle problematiche connesse alla gestione delle risorse e ai poteri che attengono i nuovi organismi di Area Vasta”. per Lonigro “non può esserci nessuna colpevole confusione rispetto ai ruoli e alle competenze che tutti gli attori della programmazione dovranno avere. Il territorio della Capitanata ha prodotto una serie importante di progetti che dovranno essere vagliati e dei quali bisogna fare sintesi, sostenendoli con risorse finanziarie certe ed urgenti, prima che salti tutto il quadro programmatorio”. A tale proposito, il consigliere fa riferimento “all’accordo stralcio varato sulle due aree Vaste, quella dei Monti Dauni e quella della Capitanata 2020; penso ai progetti di Kàlena e della Cattedrale di Foggia, all’asse energetico; penso al PTCP (Piano territoriale di coordinamento provinciale) varato poco tempo fa; penso agli annosi problemi che investono continuamente il nostro territorio dall’assetto idrogeologico, al sistema portuale, dalle infrastrutturazioni al potenziamento degli assi viari (strada Poggio Imperiale- Candela e  la Pedagarganica). “Mi auguro – conclude – che un serio lavoro della commissione regionale competente, alla presenza dell’assessore alla Programmazione e ai funzionari preposti, possa fornire risposte esaurienti e concrete”. Intesa per prima dote finanziaria del piano. Il sindaco di Foggia, Gianni Mongelli, amministratore del Comune capofila del Piano strategico “Capitanata 2020”, avrebbe raggiunto un’intesa per chiudere con una somma pari a 34.377.370,72 euro, il 90% delle risorse assegnate nell’ambito del Programma stralcio. Prevista nella prossima settimana degli incontri con la Regione Puglia per la Rete Biblioteche e Musei, progetto candidato dalla Provincia di Foggia e valorizzato all’interno di un’azione di livello regionale. Ieri, nella sede dell’Assessorato al Bilancio e Programmazione, si è svolto il “round” decisivo con l’ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) e i capofila delle dieci aree vaste pugliesi. Una prima parte della risorse destinate al piano  consentirà la cantierizzazione del progetto pilota innovativo per il Treno Tram a Foggia e Manfredonia, interventi sugli agglomerati dell’assetto per lo sviluppo industriale (Asi) di Borgo Incoronata e San Severo/Apricena. La conferma sullo stanziamento dei fondi da parte del consigliere Marino (Regione): “I fondi sono stati stabiliti – dice Marino – dopo la riunione all’Assessorato al bilancio della Regione Puglia di tutte le Aree Vaste. “La ripartizione delle somme (315 milioni di euro) fa riferimento al 90% circa del primo stralcio dei finanziamenti dei fondi Fers”. Capitanata 2020 avrebbe pertanto ottenuto circa 35 milioni di euro. “La giunta Vendola in meno di tre anni ha assegnato i primi fondi – dice Marino – basti pensare che all’epoca di Fitto, i Pit e i Pis sono stati finanziati dopo cinque anni e mezzo. Va segnalato che la Regione, anche attraverso la concertazione con gli attori locali, sta finanziando importanti infrastrutture e un’idea di sviluppo condivisa dei territori, mentre  assistiamo ad un ulteriore bluff da parte del Governo. L’anno 2009 sta per concludersi e dei Fondi Fas nemmeno l’ombra. “Su questi fondi si è aperta una crisi istituzionale tra il governo e le regioni. I cittadini pugliesi e della Capitanata devono sapere che il governo filo nordista sottrae risorse alle regioni meridionali e che per restare solo al primo stralcio le somme che si potevano già mettere a disposizione dei territori erano almeno il doppio di quelle messe a disposizione dalla Giunta regionale”.

Lonigro (Sdi): confusione per piani Area Vasta. Mongelli: 35 mln per primo stralcio ultima modifica: 2009-12-18T13:23:30+00:00 da Agostino del Vecchio



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This