Sport
L'addio alla Champions fa male, ma bisogna guardare avanti

Juventus, la stagione resta più che positiva: ecco i motivi per sorridere

La squadra cambia, ma continua a vincere


Di:

Fa male, fa malissimo: la Juventus è stata incredibilmente eliminata ai quarti di finale di Champions League da uno strepitoso Ajax, che dopo aver pareggiato in Olanda per 1-1 è riuscito ad ottenere (meritatamente) la vittoria a Torino. Un 1-2 che ha condannato la squadra di Allegri all’eliminazione (e che è costata anche un calo in borsa). Eppure, dopo la clamorosa rimonta nel doppio confronto con l’Atletico Madrid, per i bianconeri la strada è sembrata in discesa. I Campioni d’Italia però non avevano ancora fatto i conti con de Ligt e compagni, con la loro voglia di spaccare il mondo e di giocare bene a calcio. Applausi a mister ten Hag, applausi all’undici olandese che ha incantato lo Stadium. Ora però bisogna andare oltre.

 

L’addio alla Champions fa male, ma bisogna guardare avanti

 

Lo ha sottolineato anche il presidente Agnelli nel post partita della gara contro l’Ajax: non bisogna dimenticare quello che ha fatto la Juventus in questi ultimi anni, il giudizio deve essere complessivo. E nel complesso i bianconeri arrivato da annate straordinaria, nel corso delle quali sono arrivati per due volte in finale di Champions League e hanno dominato in lungo e in largo in Italia. E non può essere un caso: tutti questi successi sono frutto di una programmazione attenta, di una crescita continua che non si fermerà di certo per una sconfitta ai quarti di finale di Champions League. Avanti, quindi. In attesa di festeggiare un altro scudetto.

 

Ennesimo scudetto

 

L’ottavo consecutivo. Dalla stagione 2011/2012 in avanti, la Juventus è sempre salita in cima alla Serie A, anno dopo anno, partita dopo partita. Anche quando le cose sembravano precipitare, alla fine i bianconeri sono riusciti comunque a rialzarsi e a scalare la montagna, cucendo sul petto un altro scudetto. Succederà lo stesso anche in quest’annata, si attende solo la matematica conferma di una vittoria ormai scontata da diverse giornate. Per intenderci: già da qualche tempo la quota sulla vincente del campionato di Serie A è sparita da siti come William Hill, che non quotano neanche più lo scudetto bianconero per la stagione 2018/2019, tanto è sicuro il verificarsi di questo evento. Il finale è sempre lo stesso da otto anni a questa parte, e tutto ciò non può passare in secondo piano.

 

La squadra cambia, ma continua a vincere

 

Nel corso del tempo, tra l’altro, molte cose sono cambiate. A partire dai giocatori: dai Tevez, i Pirlo e i Pogba si è passati a Cristiano Ronaldo, Pjanic e Bernardeschi. Nonostante questo (o forse proprio grazie a questo), i bianconeri hanno continuato a ottenere ottimi risultati in campo, rinnovandosi ma senza smettere di conquistare successi. Squadra che vince non si cambia, è vero, ma il tempo ti cambia comunque, ed è giusto evolversi e trovare nuove soluzioni, in campo e fuori. Così ha fatto la Juventus, che ha detto anche addio a Marotta, tra gli assoluti protagonisti degli ultimi successi bianconeri. Perché le persone passano, ma i colori restano. Come resta la mentalità vincente di una società solida e credibile.

 

Dirigenza e allenatore uniti

 

Si andrà avanti ancora con Allegri, come ha detto Agnelli; si andrà avanti ancora con Allegri, come ha confermato lo stesso allenatore al termine della partita con l’Ajax. Un segnale importante in un momento delicato, un messaggio chiaro a tutti i tifosi: questa squadra non si sfalderà, ha portato tanti successi in questi anni e proverà a farlo anche nella prossima stagione. Nel frattempo, si aspetta solo di festeggiare la vittoria del campionato. Con la stessa gioia, con la stessa consapevolezza di aver fatto ancora una volta qualcosa di straordinario. Poi sarà tempo di ripartire, puntando ancora una volta in alto. In pieno stile Juve.

Juventus, la stagione resta più che positiva: ecco i motivi per sorridere ultima modifica: 2019-04-19T12:31:02+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This