Manfredonia
A cura di Pascalonia

U mberatore


Di:

Pure a ll’Infèrne, cume succede ndèrre,

ce cambe lla vite sott’ a nu teranne,

tutte stanne sott’a règheke e mesure,

e nu sgarre ne llu pote fé nescjune.

Lli spijune stanne puste a tutt’i vanne,

nzèrvene a nninde, nzerrine e mascature,

cose cchjù pègge nge sté de sta cundanne,

ce camine dritte dritte sop’a nu file.

Nd’i tratture sturte, malurte e steffuse,

arve sicche e rutte i réme, pile pile.

Ombre ne nge sté e manghe punde ndrise:

morte ji lla vite e ce cambe pe murì,

chi trése a qquà, méje pote assì.

^^^^^

Fann’a llite p’i sèrpe lli mangjulècchje.

Rizze e rosapide accuste a lli cardune,

llu fuche ne nn’ji de rusce e carevune,

ma nu fuche ji ca pigghje curpe e ndestine.

Lla tèrre nge sté, polvere a prècchj’a pprècchje.

E pure stu poste tene nu guvèrne,

ca necessetà ce sté, pure a ll’Infèrne.

Nu chépe sop’a nn’ate, rènne e scennènne,

p’u popele cchjù vasce, misse a na zènne.

E ce stanne stracquachjazze e mazzanganne.

A sta mode ce camine, da tand’anne,

da quanne sté stu chelore, na djatà,

a mappile vene fatte a libèrtà.

^^^^

Chép’a tutte, Frecone, llu mberatore,

chi ll’ò viste dice ca tene i forme

de nu gjajande, ma curpe d’aneméle,

e lla faccja grosse accum’e nu crestjéne.

Tutte chjune de djamande, argjnde e jore.

Ma ne nge capisce quande so’ lli corne.

Nu zurrone meschéte pe nu mendone,

lla semegljanze tél’e quéle u cefrone.

Ji capéce de tutte e tutte jisse pote:

ll’ucchje fé japrì a lli cechète, i rècchje

stappe a lli surde, a lli fèmmene lla code

fé ‘ssì, cchjù de tutte a voglje i fé venì,

a ll’ome a ddice i bbuscije, cum’ji a jì

Pascalonia

L’Imperatore

Pure all’Inferno, come accade in terra,/ si vive la vita sotto un tiranno,/ tutti stanno sotto e regole e misure/ e uno sgarro non lo può fare nessuno./ Le spie stanno infisse in tutte le parti,/ non servono lucchetti e serrature,/ cosa peggiore non c’è di questa condanna./ Si cammina dritti dritti, sopra un filo,/ in un tratturo storto, sconnesso ed odioso,/ alberi secchi, rotti i rami, pelo pelo,/ ombra non c’è e manco un angolo umido,/ morta è la vita e si vive per morire,/ chi entra qui (dentro) mai più potrà uscire.// Litigano serpi e lucertole,/ ricci e pungiglioni, a fianco i cardi./ il fuoco non è di carbonella o di carboni,/ ma è un fuoco che prende il corpo e gli intestini./ terra non vi è, solo delle piccole scaglie./ E pure questo posto ha un governo,/ poiché ve n’è necessità, specie all’Inferno./ Un capo dietro l’altro, discendenza d’eredità,/ ci sono stancapiazze e mazza alla gola,/ con questa moda si cammina da tanti anni,/ da quando c’è questo colore: un’eternità./ a pezza da piede vien fatta la libertà.// Il capo di tutti, Frecone, imperatore,/ chi l’ha visto dice che ha le forme/ di un gigante, corpo di animale,/ il viso grosso come un umano,/ tutto pieno di diamanti, argento ed oro./ Ma non si capisce quante sono (grandi) le corna./ uno zurrone mischiato con un montone (ariete),/ la somiglianza tale e quale ad un cefrone./ E’ capace di tutto, e tutto egli può:/ gli occhi fa aprire ai ciechi, gli orecchi/ stappa ai sordi, alle donne la coda/ fa uscire, più di tutto la voglia le fa venire,/ ed all’uomo a dire le bugie, così come vengono.

U mberatore ultima modifica: 2019-04-19T09:28:57+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This