EconomiaRegione-Territorio

Confesercenti: nel 2013 perse 65mila imprese


Di:

Largo consumo, lavoro in Puglia (Ph: alimentando@)

Roma – EMORRAGIA di imprese del commercio e del turismo. Le rilevazioni Confesercenti sul periodo gennaio-aprile 2013 mostrano un aggravarsi della crisi del settore. Se la tendenza evidenziata fino a aprile dovesse confermarsi, a fine 2013 avremo perso nei due settori quasi 65mila imprese: oltre le 43mila nel commercio al dettaglio, già segnalate dall’Osservatorio Confesercenti nei giorni scorsi, chiuderanno per sempre anche più di 21mila imprese tra alloggio, bar e ristoranti.

Un dato che, sommato ai saldi negativi dei settori dal 2009, porta a quasi 145mila le imprese bruciate dalla crisi negli ultimi cinque anni, con la conseguente perdita occupazionale stimata in circa 300mila posti di lavoro. Si tratta di circa un terzo degli 833mila posti di lavoro perduti a livello nazionale nello stesso periodo.

La crisi che ha investito commercio e turismo ha colpito tutte le categorie di impresa, dal dettaglio alimentare ai bar. A soffrire di più sono gli esercizi commerciali “non alimentari non specializzati”, classificazione che individua i tradizionali negozi delle città che non vendono prodotti alimentari, ed esclude il commercio ambulante.

Secondo le elaborazioni Confesercenti, se non si invertirà il trend attuale, il 2013 vedrà scomparire quasi 37mila negozi no food e più di 5mila imprese del dettaglio alimentare. Particolarmente grave il saldo in rosso di oltre 12mila e 500 esercizi nel settore dell’abbigliamento, degli accessori e delle calzature: nel comparto hanno aperto due nuove imprese ogni sette che hanno cessato l’attività. Anche il commercio ambulante, l’unico settore tra quelli presi in esame ad essersi mantenuto in crescita dal 2009 ad oggi, chiude bottega: la stima è -739 imprese a fine anno.

Numero negativo previsto anche per i comparti tradizionalmente associati al settore di attività economica del turismo: i bar, saranno circa 9.000 in meno, e le imprese della ristorazione, perderanno più di 10.000 unità. Non sfuggono alla contrazione nemmeno gli alberghi: le imprese attive nell’alloggio, nelle previsioni Confesercenti, scenderanno di 2.000 unità. E davanti a loro hanno la prospettiva di un’estate ‘fredda’ dal punto di vista dei flussi di turisti: secondo il sondaggio Confesercenti-SWG sulle vacanze degli italiani, dal 2010 al 2013 i nostri concittadini che andranno in viaggio passano dal 79% del 2010 al 58% del 2013.

FONTE RASSEGNA.IT

Confesercenti: nel 2013 perse 65mila imprese ultima modifica: 2013-06-19T10:10:35+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This