Foggia

Ordinanza Mongelli su alcool, FN: amministrazione leghista


Di:

FN proteste (statoquotidiano)

Foggia – “FORZA Nuova e Lotta Studentesca apprendono con stupore l’ordinanza sindacale che dal 15 Giugno fino al 15 Settembre introduce una serie di norme per combattere il degrado nella nostra città, l’ordinanza sembra a nostro avviso penalizzante per la stragrande maggioranza dei cittadini foggiani e sembra partorita da un’Amministrazione del leghismo più becero e coatto, invece che da un’Amministrazione di una città mediterranea qual è la città di Foggia”. Lo dicono in una nota gli stessi referenti di FN e Lotta studentesca.

Tale normativa recita che è fatto divieto consumare alcool in prossimità di giardini e parchi pubblici, invita ad avere dei modi ‘composti’ (sarebbe interessante capire chi lo stabilisce) nel consumo di cibo e bevande, ed istiga allo spionaggio i cittadini, in quanto le forze di polizia potranno avvalersi oltre che delle loro riprese, anche di quelle di questi ultimi”. “Riteniamo assurde queste norme per combattere il degrado, infatti il decoro cittadino si ottiene mettendo più cestini, curando l’illuminazione, rasando l’erba, effettuando le disinfestazioni ordinarie da insetti, scarafaggi e ratti, i quali sono i veri padroni della città in questo periodo, grazie alla noncuranza della nostra amministrazione”.

“A nostro avviso questa norma in una città dove non esistono luoghi pubblici di aggregazione soprattutto per i giovani è fortemente penalizzante, un tempo esistevano le sedi di partito per aggregare i giovani, ma poi gli adulti hanno fatto venire la nausea a chiunque si avvicinasse ad una sede di partito, intenti solo a cercare poltrone e potere, poi fu la volta degli stadi, ma la tessera del tifoso voluta da Maroni ne ha mortificato le presenze, ed in pratica esiste solo la TV per il calcio, per giunta a pagamento il più delle volte, adesso pub,bar,birrerie, rischiano di diventare luoghi penalmente perseguibili se un cittadino consuma una birra, stiamo diventando ed entrando in uno stato di polizia permanente”.

“Inviteremmo l’amministrazione comunale a combattere altri fenomeni che incentivano il degrado, per esempio la speculazione edilizia, o fare qualcosa contro il consumo di cocaina, contro la dipendenza delle macchinette mangiasoldi che distruggono famiglie e minano la pace sociale, ad essere più vigili nelle zone pedonali dove scorazzano indisturbati motorini ed auto, spesso a folle velocità, senza contare il duro colpo che si avrebbe sia per le attività commerciali che già si sobbarcano una crisi senza precedente, e sia considerando l’indotto che i luoghi di aggregazione muovono”.

“Forza Nuova ed il Nuovo Ordine Nazionale, nonché l’associazione giovanile Lotta Studentesca hanno dimostrato nel tempo di amare la propria città e la sua pulizia, ricordando che il 2 giugno 2012, a Piazza Padre Pio,in dieci ore di volontariato di propri militanti e cittadini, hanno raccolto ben cento sacchi d’immondizia, frutto di rifiuti che la stessa Amministrazione non provvedeva a raccogliere da mesi”.

“In maniera goliardica, ma ferma, i militanti forzanovisti hanno esposto uno striscione nel centro storico di Foggia, conosciuto come la ‘piazzetta’ invitando tra una ‘fatica’ e l’altra il primo cittadino a socializzare con i cittadini, che in tempi di crisi, altro non hanno che godere qualche ora di fresco nei parchi e giardini pubblici, magari sorseggiando una birra e mangiando un panino”.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Ordinanza Mongelli su alcool, FN: amministrazione leghista ultima modifica: 2013-06-19T14:21:09+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • avv. Gegè Gargiulo

    Da: avv. Eugenio Gargiulo (eucariota@tiscali.it)

    E’ necessario produrre in giudizio l’ordinanza comunale per far annullare la multa elevata sulle “strisce blu” !

    Molte città italiane, come la città di Foggia, sono da alcuni anni ormai letteralmente “invase” dalla presenza delle famigerate “strisce blu” che sono state collocate pressocchè dappertutto ,con esclusione solo delle zone periferiche più lontane dal centro.

    Nell’esercizio della mia professione spesso mi capitano clienti che mi chiedono lumi in merito alla possibilità di vedersi annullata una multa “beccata” proprio durante la sosta sulle strisce blu che , per l’appunto, delimitano le zone di parcheggio comunale a pagamento.

    La mia risposta al quesito è che la multa, elevata sulle strisce blu, per mancato pagamento (o mancata esposizione sul parabrezza) del ticket, va pagata: a meno che, nelle adiacenze al parcheggio in questione, il Comune abbia omesso di predisporre, oltre alle aree di sosta a pagamento, anche altre aree gratuite. La distribuzione, infatti, tra strisce blu e strisce bianche deve essere equa. Con la conseguenza che se il Comune non ha rispettato questa regola ( ex art. 7, comma 6 e 8 del Codice della Strada), tutte le multe elevate in tale zona sono nulle!

    Tuttavia, per vincere la causa, non basta che il cittadino sostenga, appunto, l’assenza di aree di sosta gratuite, ma deve anche produrre in giudizio l’ordinanza comunale con la quale è stato disciplinato il posteggio dei veicoli nella zona. Tale ordinanza indica gli spazi che l’amministrazione ha riservato alle strisce bianche e quelle invece destinate alla sosta a pagamento.

    La regola è stata ribadita dalla Cassazione in una recente sentenza. ( in tal senso Cass. sent. n. 14980/2013 del 14.06.2013.)

    L’unico modo, quindi, per provare che l’ente locale non ha predisposto le necessarie strisce bianche per il posteggio libero accanto a quelle blu per la sosta a pagamento è di produrre l’ordinanza che contiene la disciplina dei parcheggi nell’area. Solo attraverso questo documento, infatti, il giudice può accertarsi se l’amministrazione ha rispettato le regole dell’equa distribuzione tra strisce bianche e blu.

    È invece del tutto inutile produrre una ampia documentazione fotografica che dimostrerebbe l’illegittimo restringimento della carreggiata!
    Foggia, 19 giugno 2013 Avv. Eugenio Gargiulo


  • avv. Gegè Gargiulo

    Sarebbe un bell’articolo, magari con il titolo ” L’avv. Eugenio Gargiulo: Ecco come farsi annullare una multa beccata sulle strisce blù”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This