Edizione n° 5400

BALLON D'ESSAI

ANTIFASCISTE // Cerignola, il 25 luglio la “Pastasciutta antifascista” su Terra Aut
17 Luglio 2024 - ore  13:55

CALEMBOUR

TASK FORCE // Le ricerche di Antonio Draicchio, dopo 7 giorni, sono state interrotte come da prassi di legge
17 Luglio 2024 - ore  14:39

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Telecom Italia e KKR accolgono le sfide di mercato e segnano nuovi successi in vista dell’acquisizione

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
19 Agosto 2023
Lavoro // Manfredonia //

Spesso il successo di un’azienda è dovuto non tanto ai prodotti e servizi che offre, quanto alle strategie aziendali e alla sua capacità di adattamento alle diverse condizioni economiche. Grazie proprio a queste caratteristiche, sia Telecom Italia che la statunitense KKR possono vantare grandi successi nel secondo trimestre 2023.

KKR, in particolare, deve il suo recente successo a una serie di investimenti diversificati in aziende con potenziale di crescita. In un mondo finanziario in costante evoluzione, costruire un portafoglio di investimenti diversificato spesso si rivela la scelta più saggia per massimizzare le opportunità e minimizzare ai rischi.

All’interno di questa strategia mirata si inserisce anche l’acquisizione di una parte delle reti Telecom Italia, secondo un accordo che garantisce a KKR una parte delle reti italiane. L’accordo è ancora in fase di trattativa, e verrà finalizzato a settembre.

Boom degli utili per Telecom Italia

Telecom Italia, il gigante italiano delle telecomunicazioni, ha riportato un’importante crescita del 5,6% negli utili del secondo trimestre 2023 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La performance positiva è dovuta, oltre alla straordinaria resilienza dell’azienda di fronte a condizioni economiche instabili, alla strategia aziendale adottata. Telecom Italia continua a investire sull’espansione delle reti ad alta velocità, rispondendo adeguatamente alla crescente domanda di connettività affidabile e catturando le attenzioni di partner, concorrenti e investitori.

Nonostante i successi, l’azienda rimane consapevole delle sfide che il settore delle telecomunicazioni può presentare. Il mercato può cambiare ed evolversi, mentre la concorrenza e l’evoluzione delle tecnologie richiedono costante innovazione per rimanere rilevanti e competitivi. L’aumento degli utili tuttavia conferma che società si sta muovendo nella direzione giusta, e che ha gli strumenti e le risorse per puntare a obiettivi di lungo termine nell’ambito dell’investimento e dello sviluppo aziendale.

L’acquisizione da parte di KKR e le prospettive per il futuro

In un’interessante svolta nel panorama degli investimenti, il governo italiano si appresta a firmare un accordo con la società di private equity statunitense KKR. L’accordo attualmente prevede la partecipazione di KKR fino al 20% nelle reti fisse di Telecom Italia, tuttavia le trattative sono ancora in corso. KKR ha tempo fino alla fine del mese di settembre per presentare un’offerta vincolante dopo l’apertura dei colloqui con TIM a giugno.

Per ora il principale investitore di TIM, Vivendi (VIV.PA), considera la partecipazione di KKR al 20% “una notizia positiva”.

L’acquisizione è stata accolta con interesse anche dagli esperti del mercato finanziario, nonostante l’requity statunitense avesse appena subito una diminuzione del 23% degli utili. KKR non solo è riuscita a riprendersi, ma ha superato le aspettative dimostrando un’ottima capacità di adattamento al mercato.

La strategia di KKR prevede infatti di investire in settori diversificati e in aziende con potenziale di crescita, e questo le permette di individuare opportunità redditizie anche in periodi di sfide economiche. Si tratta di un approccio certamente interessante per gli investitori che cercano rendimenti solidi nel lungo termine, tuttavia l’approccio di KKR non è facilmente replicabile: dietro ci sono una comprensione approfondita delle dinamiche del mercato e le competenze per cogliere opportunità emergenti.

Conclusioni

I successi di Telecom Italia e l’acquisizione parziali delle reti da parte di KKR rappresentano esempi virtuosi di resilienza e capacità di adattamento all’interno di mercati in costante evoluzione. La decisione di KKR di investire nell’azienda italiana, nonostante la volatilità del mercato, rientra perfettamente nelle strategie di investimento aziendali che prevedono un portafoglio diversificato e l’individuazione di opportunità nascoste.

Dal punto di vista di Telecom, la mossa permette di ridurre drasticamente il debito lordo della società di 30 miliardi di euro, un vantaggio che acquisisce importanza se si considera l’aumento dei tassi di interesse. In conclusione, la collaborazione tra Telecom Italia e KKR è promettente e rappresenta un grande passo avanti per il futuro delle telecomunicazioni e del settore degli investimenti, in più sembra essere vantaggiosa per entrambe le parti. (nota stampa).

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.