GarganoManfredonia

Alluvione Gargano, Minervini: “danni complessivi: 274 milioni”


Di:

Bari – “I danni prodotti dal maltempo nel Gargano sono significativi, a dimostrazione del fatto che si è trattato di un evento fuori dall’ordinario e che mette ancor più in luce il ruolo giocato in quelle ore dal nostro dispositivo di soccorso e protezione civile. Dalla ricognizione effettuata dal Servizio Protezione Civile per il Dipartimento Nazionale, emerge che le somme necessarie per il sostegno delle spese già sostenute e per le attività urgenti per la prima messa in sicurezza immediata del territorio ammontano complessivamente a circa 65 milioni di euro, le somme necessarie per i ripristini delle infrastrutture pubbliche danneggiate e per il ripristino del reticolo idrografico ammontano a circa 109 milioni di euro, mentre i danni ai privati ed alle attività produttive superano i 100 milioni di euro”. Lo dice in una nota l’assessore alla Protezione civile, Guglielmo Minervini.

“Complessivamente si tratta di 274 milioni di euro. La Regione, attraverso la Protezione Civile, è stata celere nel calcolare i danni. Adesso la palla passa al Governo che, ci auguriamo, sia altrettanto veloce per lo stanziamento delle risorse che sono assolutamente necessarie per mettere in sicurezza e far ripartire l’economia del territorio”.

———————————————————————–
Report: tutti i danni e i dati dell’alluvione nel Gargano (FOTO)

———————————————————————–
VENDOLA: COMPLESSIVI 2.8 MLN DA REGIONE PER RISORSE A COMUNI

RENZI A PESCHICI: CITTADINI DEL GARGANO IL GOVERNO NON VI LASCERA’ SOLI

RISCHIO IDROGEOLOGICO NEL GARGANO: COME SONO STATI UTILIZZATI I 210 MILIONI STANZIATI NEL 2010?

ALLEGATI
REPORT INTEGRALE – 1/6 SETTEMBRE 2014 – PROTEZIONE CIVILE PUGLIA

FOTOGALLERY DANNI

FOTOGALLERY DANNI – MALTEMPO

FOTOGALLERY CONFERENZE VINCENZO MAIZZI – Foto Renzi a cura di Barchielli/Attili

Redazione Stato, g.defilippo@riproduzioneriservata

Alluvione Gargano, Minervini: “danni complessivi: 274 milioni” ultima modifica: 2014-09-19T21:34:31+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This