CulturaManfredonia
A cura di Pasquale Ognissanti

La Divina Commedia in dialetto sipontino – Paradiso (Canto III)

L’Archivio Storico Sipontino, per onorare anche a Manfredonia il 750° anniversario della nascita di Dante Alighieri, ha creduto opportuno pubblicare la versione dialettale sipontina di alcuni canti più noti della Divina Commedia


Di:

Manfredonia. L’Archivio Storico Sipontino, per onorare anche a Manfredonia il 750° anniversario della nascita di Dante Alighieri, ha creduto opportuno pubblicare la versione dialettale sipontina, curata da Pasquale Ognissanti, di alcuni canti più noti della Divina Commedia.

Paradiso – Canto III
Sole ca d’amore mm’appeccé mbitte
d’u bbèlle vere tutte mm’ò scupèrte,
pruvanne pruvanne llu dolcj’acchitte;
pe cunfessè, pure ije, rètte e ccèrte
pe mmè stèsse, pe quanne me ne vènne
lla chépe javezé, parlé cchjù adèrte.
Ma na vesjone vènne ca me tènne
fesséte nda jèsse tande spèrse
ca de parlé asséje ne me vènne.
Cume p’i lastre trasparènde e tèrse,
oppure p’acque pulite e tranquille,
no profonde ca llu funne c’ji ppèrse,
specchjéte nda llu vise llu pundille
dèbbele ji ca lla pèrle a bbjanga fronde
ne nn’ji da mene a lli nostre pupille;
llu stèsse è viste i facce a parlé pronde,
tande c’a cundrarje, a sbaglje, me n’jètte
ca fece ll’amore tra jome e fonde.
Lèste, cume de lore mm’accurgètte,
penzanne, specchjéte tutt’i sembjande
e pe vedì chi fosse è ‘vite rètte;
ninde è viste, e mme so’ puste davande
dritte nda ll’ucchje de lla dolcja guide
ca rerènne jardeve nda ll’ucchje sande.
“Nde meravegljanne se mo surride”,
decètte,”apprisse a ttè ca scjuche a lote
ca sop’a llu vere angore nde fide,
ma te resulve, cum’e ssèmbe, a scote.
Sustanze vere so’ quidde ca vide
a qquà puste pe manganze de vote. 30
Però, parle pe llore, sinde e cride
ca p’a lucia vere c’a llore sazje
ne lli lasse sule a torce lli pide”.
E a ll’ombre ca pareve cchjù ngrazje
de rraggjuné, mm’attennì, lli parléje,
cum’e nn’ome ca troppe lopa strazje.
“Spirete bbone crejéte, c’asséje
d’a vit’ètèrne a dulcèzze, e a sènde,
se nge guste nge pote capì méje.
Famm’a grazje s’a mmè me fé cundènde
d’u nome tuve e pure de lla sorte”.
E pronde jèsse e p’u vise splèndènde:
“Lla caretà nostre ne nzèrre a porte
a bbona vogghje, se no cume a quèlle
ca vole cum’èsse tutte lla corte.
Nd’u munne ije fù vèrgene e surèlle;
e se lla mmènda tove ce reguarde
me t’uà fé capì ca songhe cchjù bbèlle.
M’adda recanosce ca so’ Piccarde.
Ca, puste a qquà nzimbr’a ll’ati bbejéte,
bbejéte so’ nda lla sfere cchjù tarde.
Ll’affètte nustre, ca sonne nfjamméte
schjitte d’u pjacere u Spirete Sande
cundènde so’ p’jisse d’ jisse furméte.
E quèsta sorte, ca ve pére tande
c’ji ddéte, pèrò, ca n’ànne recètte
i vote nustre, e vacande nd’i cande”.
Allore ije a jèsse: “Nd’u bbèlle aspètte
vustre ce luce na cosa devine
ca ve trasforme tutte llu cungètte. 60
Ma ne stéche a qquà pe fé lli festine,
ma vogghjèsse ajutéte se me dice,
e pe capì mègghje angore u latine.
Dimme: vuje ca stéte a qquà felice,
vulite scì avande a nn’ata luche
pe cchjù vedì e farve cchjù amice?”
Pe ll’ati jombre rerètte pe scjuche,
doppe jèsse me respunnì tutt’allèrje,
pareve jarse d’amore a prime fuche.
“Fréte, a vulundà nostre dé cretèrje
vertù de caretà, ca de vulì
de cchjù c’avime nge sté, sete nzèrje.
se vulèsse cose cchjù sop’a ji,
jarrimme condr’a llu nustre desire
a vulundà de chi qquà ce scernì,
cèrte cose n’adda capì nd’i ggire
c’a jèsse nd’a caretà qquà necèsse
s’a natura sove tu bbune ammire.
Anze occorre a lluche bbejéte a jèsse
tutte d’indre p’a ddevina vogghje,
tande ca ji lla vogghja nostra stèsse.
A che ssì, cume stéme trogghje trogghje
pe custu règne, a tutte u règne pjéce
cum’u rè a cumande suve nvogghje.
A vulendà sove ij pe nnuje a péce;
jèsse ji llu mére addu tutte ce move
quèdde ch’jèsse creje e nature bbéce”.
Me fu chjére tanne cume ogne ddove
ngile ji sèmbe paravise, e lla grazje
nd’u somme bbene uguéle ne nge chjove. 90
Cume capete, se nu cibbe sazje
e de nn’ate n’ji descjune lla gole,
pe quèdde ce chjede, p’ate u rengrazje;
llu stèsse è fatte pe mosse e parole
pe sapì da jèsse ch’ji stéte a tele
ca n’ò fenite de teré lla spole.
“Pèrfètta vita p’i mèrete vole
donna cchjù sope”, ò ditte, “ca p’a norme
sove, nd’u munne vustre jé vèste e vele,
pecché fin’a murì ce vègghje e ddorme
pe cuddu zite c’ogne vote accètte
c’a caretà a pjacere conforme.
Da llu munne a secuté, ggjuvenètte
scappé, nd’a cudd’abbete me so’ nghjuse,
facènne a prumèsse de quèdda sètte.
Cèrt’umene, a méle cchjù c’a bbene use,
mm’ànne rapite da llu dolce chjostre,
Dije u sé cume sta vite c’ji mbise.
Cust’ate splèndore c’a ttè ce mostre
da lla vanna deritte, e ca ce ngènde
de tutt’u lume da lla sfera nostre,
e che ddiche de mmè p’jèsse ce ndènde:
sasore fu, llu stèsse ll’ànne sfolte
da nghépe u sécre vele e ppure i bbènde.
Ma po’ c’a llu munne jèsse c’ji revolte
condre u gréde suve e lla bbone usanze,
d’u vele d’u core ne nn’ànne scjolte.
Quèst’ji lla luce d’a granna Custanze.
ca d’u seconde vinde de Sojéve
ò fatte llu tèrze e tutt’a prestanze”. 120
Quèste mm’ò ditte, po’ ccumenzé: “Eve
Marije”, e candanne candanne scì,
cume p’acqua cupe lla cose sgréve.
Lla vista meje ca tande a vedì
quand’ò putute, fin’e chè ll’ò pèrse
ce vuleté po’ vèrse llu vulì,
e pe Vejatrice ce ne cunvèrse;
ma quèdde mm’ò ferite nd’a stu sguarde
tande, ca mbrime lla facce c’ji ppèrse;
ècche c’a dumanné è fatte tarde. 130

TRADUZIONE
Sole che di amore mi accese il petto/ della bella vertà mi à scoperto,/ provando e riprovando il dolce aspetto,/ per confessare pure io retto (corretto) e certo/ per me stesso, per quanto me ne venne/ la testa alzai (per) parlare più sicuro./ Ma una visione arrivò che mi tenne,/fissato in lei tanto a vedersi/ che di parlarne non mi venne molto./ Come i vetri trasperenti e puliti,/ o per l’ acqua pulita e tranquilla,/ non profonda che non si veda il fondo,/ specchiato nel viso la postilla,/ deboli sì che (una) perla sulla fronte bianca/ non sono da meno alle nostre pupille;/lo stesso ò visto dei visi pronti a parlare/ tanto che a contrario per errore me ne andai/ (come colui che) fece l’amore tra uomo e fonte./ Lesto, come di loro me ne accorsi,/ pensando specchiate tutte le sembianze/ e per vedere chi fossero, ò avuto retta (mi girai)./ Nulla ò visto, mi si sono posti davanti,/ dritti, nell’occhio della dolce guida,/ che ridendo bruciava negli occhi santi./”Non ti meravigliare se ora sorrido”,/ disse,” appresso a te che giochi con la lota (fango),/ che sul vero ancora non ti fidi/ ma ti risolvi come sempre a scuoterti,/ sostanze vere sono quelle che tu vedi/ poste qui per mancanza di voti./(30) Però, parla con loro, ascolta e credi/ che per la luce vera che a loro sazia/ non li lasci solo a torcersi i piedi.”/ Ed io all’ombra che pareva più in grazia/ di ragionare, mi avvicinai, le parlai/ come (un) uomo che gli strazia la troppa fame./ “O spirito ben creato che molto/ (i raggi) della vita eterna la dolcezza (avverti)/ che se non è gustata non si può capire mai./ Fammi la grazia se mi vuoi farmi contento/ (parlami) del tuo nome e pure della vostra sorte”/ E pronta lei, con il viso splendente,/ ”La nostra carità non serra le porte/ alla buona volontà se non come quella/ che vuole tutta la corte come lei./ Nel mondo io fui vergine e suora/ e se la tua mente si ricorda/ mi ti deve far capire che son più bella./ Mi devi riconoscere che son Picarda,/ che posta qui insieme ad altri beati,/ beata sono nella sfera più tarda (lontana)./ Gli affetti nostri che sono infiammati/ solo del piacere dello Spirito Santo/ contenti sono di essere da lui formati./ E questa sorte che vi pare (già) pur tanto/ ci è dato però perché non ànno avuto accoglienza/ i nostri voti e vuoti nei nostri canti.”/ Allora io a lei: “Nel bello aspetto,/ brilla una cosa divina,/ che vi trasforma tutto il concetto. Ma non sto qui a festeggiare/ ma voglio essere aiutato se mi dici/ e per capire meglio il latino (voglio chiarezza)./ Ma dimmi, voi che state qui felici,/ volete andare avanti in altro luogo/ per vedere e farvi più amici (conoscenze)?”/

Con le altre ombre rise, scherzando,/ dopo lei, tutta allegra mi rispose,/ pareva bruciata dal primo fuoco d’amore,/ “Fratello, la nostra volontà si regola/ con la virtù della carità, che di voler/ di più non c’è e né ne siamo assetati/ se volessimo cose che al di sopra si vuole andare,/ andremmo contro il nostro desiderio/ e contro la volontà di chi qui discerne/ certe cose non capirai nei giri/ che ad essere nella carità qui necessita/ se la sua natura tu bene ammiri./Anzi occorre al luogo beato esserci/ tutti dentro al voler divino/ che tanto il nostro stesso volere./ Così come stiamo pieni pieni/ per questo regno, a tutto il regno piace,/ come il re che invoglia al suo comando./ La sua volontà per noi è la pace,/ lei è il mare dove tutto si muove,/ ciò che lei crea e la natura bacia.”/ Allora mi fu chiaro come in ogni dove/ in cielo è sempre Paradiso, e la grazia/ del Sommo bene non piove (scende) in modo uguale./(90) Ma come capita se un cibo sazia/ e di un altro la gola è digiuna (desidera)/ per quello si chiede, per l’altro si ringrazia/ lo stesso ò fatto con i movimenti e le parole,/ per sapere da lei chi è stata la tela/ che non à finito di tirare la spola./ “Perfetta vita per i meriti vuole/ donna più lassù”, à detto, “che per sua norma/ nel vostro mondo à veste e velo,/ perchè fino a morire (fino a che si muoia) si vegli e si dorma/ per quello sposo che accetta ogni voto,/ che la carità conformi al piacere./ Dal mondo, determinata, giovinetta/ fuggì, in quell’abito mi son rinchiusa,/ facendo la promessa in quell’ordine (religioso)./ Alcuni uomini, più al male che al bene adusi,/ mi ànno rapita dal dolce chiostro (monastero)./ Dio sa come questa vita ò vissuto./ Quest’altro splendore che a te si mostra/ dalla parte destra, e che si accende/ di tutti i lumi della nostra sfera,/ e ciò che dico di me vale per lei/ suora fu, ugualmente l’ànno spogliata/ dalla testa il sacro velo e pure le bende./ Ma poi che lei si è rivolta al mondo / contro il suo grado e la buona usanza/ del velo del cuore non l’ànno disciolta (fedele nell’animo)./ Questa è la luce della grande Costanza,/ che del secondo vento di Soave (Svevia)/ à fatto il terzo e tutta la potenza”. / (120) Questo mi à detto, e poi à iniziato: “Ave/ Maria”, e cantando cantando è andata via/ come per l’acqua cupa le cose sgrava (allontana)./ La mia vista (che) l’à seguita/ quanto (più) à potuto, fino a che l’à perduta,/ si voltò poi, verso il desiderio,/ e con Beatrice si è riunita,/ ma quella mi à colpito nel mio sguardo,/ tanto che all’inizio il viso ne à sofferto,/ ecco perché ò tardato a chiedere. (130)

(A cura del prof. Pasquale Ognissanti)

La Divina Commedia in dialetto sipontino – Paradiso (Canto III) ultima modifica: 2015-10-19T16:59:41+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This