Sport

Foggia calcio, verso la sfida con la capolista Verona


Di:

Azioni del Foggia (image by Stampasud)

Azioni del Foggia (image by Stampasud)

Foggia – LA scorsa stagione senza infamia e senza lode con una squadra giovane. Due anni fa una squadra molto più esperta si salvò all’ultima giornata a Manfredonia sancendo proprio la retrocessione diretta dei sipontini in C2. Il Verona vuole tornare grande e degno di un blasone che vanta un mitico scudetto nel 1985. Partita tosta per il Foggia che dovrà vedersela con la capolista al terzo anno consecutivo in serie C dopo il naufragio dalla serie cadetta complici difficili situazioni societarie prima della rinascita.
Primo in classifica con trenta punti frutto di sette vittorie e nove pareggi. Una sola sconfitta subita due domeniche fa in casa ad opera del Rimini per un totale di 20 reti realizzate e appena cinque subite. Numeri da brivisi se confrontati con l’anemico attacco rossonero e con il dato che, in trasferta, il Verona non ha mai perso vincendo tre gare e pareggiandone 6. Bomber dell’Hellas è Selva con cinque reti seguito da capitan Ceccarelli, un difensore, a quota quattro. Tre reti per Berrettoni, due a testa per Pensalfini e Rantier, una per Colombo, Russo, Ciotola e Farias. Gli scaligeri sono partiti con i favori del pronostico per la vittoria finale del campionato e l’allenatore Gianmarco Remondina ha a disposizione un organico di tutto rispetto. Il direttore sportivo Nereo Bonato ha ben lavorato in sede di mercato estivo assicurandosi un trio vincente proveniente dal Gallipoli composto dal terzino Cangi e dai centrocampisti Esposito e Russo, lo stopper Comazzi di ritorno dall’Ancona, l’esperto centrocampista Pensalfini dal Sassuolo assieme al difensore Anselmi, la promettente ala Ciotola dall’Avellino e due bomber di razza e di categoria quali Selva dal Sassuolo e soprattutto Berrettoni dal Bassano (45 gol nelle ultime quattro stagioni in seconda divisione con la maglia dei veneti). A completare il reparto avanzato c’è Corrado Colombo, arrivato dal Bari e alla ricerca di riscatto dopo una carriera deludente. A questi si aggiungono gli arrivi di giovani interessanti quali il portiere Ingrassia dal Palermo, i difensori Bertolucci dalla Colligiana e Massoni dal Viareggio, il centrocampista Burato e l’attaccante Farias dal Chievo Verona. Confermati il portiere Rafael, i difensori Campagna, Ceccarelli e Pugliese; i centrocampisti Campisi e Garzon e gli attaccanti Gomez e Rantier.
Una sfida d’altri tempi tra due squadre che si sono affrontate più volte in serie A e B dagli anni Sessanta agli anni Novanta. All’andata finì a reti inviolate al Bentegodi con il Foggia miracolosamente uscito indenne dalla trasferta veneta più per demeriti degli scaligeri che per stoicismo dauno.
Mister Remondina dovrebbe schierare il collaudato 4-3-3 con Rafael in porta, difesa composta da Cangi, Ceccarelli, Comazzi e Pugliese; Russo, Esposito e Pensalfini in mediana e tridente composto da Ciotola, Selva e Berrettoni con Colombo e Rantier in rampa di lancio L’ultimo precedente allo Zaccheria tra Foggia e Verona risale alla stagione 2007/2008. Finì due a zero per gli uomini allora allenati da Campilongo con reti di Cardinale su punizione e palla sporcata dalla deviazione della barriera e Del Core di testa (che poi si fece espellere per l’eccessiva esultanza pur essendo già stato ammonito).

Foggia calcio, verso la sfida con la capolista Verona ultima modifica: 2009-12-19T14:41:14+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This