Edizione n° 5342

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

INFLUENCER Ferragni e le uova di Pasqua benefiche: “Ha incassato più di un milione, donati 36 mila euro”

Selvaggia Lucarelli sul Fatto Quotidiano fa luce su un’altra iniziativa benefica legata al nome di Chiara Ferragni: le uova di Pasqua realizzate con Dolci Preziosi

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
19 Dicembre 2023
Hot motori // Live //

MILANO – Selvaggia Lucarelli sul Fatto Quotidiano aggiunge un nuovo tassello alla vicenda che ha visto coinvolta Chiara Ferragni.

L’imprenditrice ha ricevuto una multa da 1 milione di euro per “pratica commerciale scorretta” per avere lasciato credere che una parte del ricavato delle vendite del pandoro Balocco “griffato” sarebbe andato in beneficenza.

La trentaseienne si è scusata e ha parlato di “errore di comunicazione”. Ha promesso di donare 1 milione di euro all’Ospedale Regina Margherita di Torino.

Selvaggia Lucarelli, però, ha fatto chiarezza su un altro progetto benefico legato a Chiara Ferragni, che sembra aver seguito lo stesso schema dell’iniziativa per la quale l’imprenditrice è stata multata.

Fonte: open

Quanto ha guadagnato Chiara Ferragni dalle uova di Pasqua benefiche

Nel 2021 e nel 2022, Chiara Ferragni ha lanciato le uova di Pasqua in collaborazione con Dolci Preziosi.

Nel comunicato con il quale veniva pubblicizzata l’iniziativa si leggeva: “Le uova di Pasqua Chiara Ferragni per Dolci Preziosi sosterranno il progetto benefico ‘I Bambini delle Fate’”, si tratta dell’associazione fondata da Franco Antonello.

Anche in questo caso, come evidenzia Lucarelli, molte testate dissero che il ricavato delle vendite sarebbe andato all’associazione e nessuno si preoccupò di chiedere una rettifica. Selvaggia Lucarelli ha contattato Franco Cannillo, che ha acquisito Dolci Preziosi.

L’imprenditore ha confermato che non c’era alcuna correlazione tra le vendite delle uova e la donazione fatta dalla sua azienda all’associazione I bambini delle fate. Il loro intento era sensibilizzare:

Ferragni è stata pagata per aver ceduto la sua immagine. Noi abbiamo fatto una donazione, per lei non era da contratto. Quanto è stata pagata? A memoria 500.000 euro nel 2021 e 700.000 circa nel secondo anno, poi ha chiesto una cifra esorbitante e non abbiamo più chiuso il contratto.

Fonte: ilgiorno

L’associazione: “700 mila euro a lei e 12 mila per il sociale, è una vergogna”

Franco Antonello, contattato da Selvaggia Lucarelli, ha spiegato che l’Associazione Bambini delle Fate aveva stretto un accordo con Dolci Preziosi, ma “loro volevano scrivere che la donazione era legata alle vendite, noi ci siamo rifiutati e abbiamo permesso di usare l’espressione ‘Sosteniamo i Bambini delle fate’”.

L’uomo ha anche dichiarato che avrebbe voluto parlare con Chiara Ferragni ma non è stato possibile. Quindi ha svelato l’entità della donazione: “Ci sono stati donati da Dolci Preziosi un anno 12.000 euro e l’altro 24.000 euro”.

E ha concluso che molte aziende creano grossi fatturati grazie alla “beneficenza” ma devolvono solo poche monetine: “Mi stupisce che abbiano dato 700.000 euro per il testimonial e 12.000 euro per il sociale, è una vergogna”.

Fonti verificate: FANPAGE //

2 commenti su "Ferragni e le uova di Pasqua benefiche: “Ha incassato più di un milione, donati 36 mila euro”"

  1. questo e un monito per i cittadini che si fanno ingannare. ora dovremmo tutti i cittadini boicottare tutti i marchi ferragni e farla fallire . se lo merita, speriamo che quei soldi gli serviranno in futuro per medicine.

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.