Manfredonia
A cura di Pascalonia

U ciucce sop’a chemune


Di:

Cum’ji stéte, cume fù, ll’aneméle a ll’assembleje,

ànna fé ll’elizione, cj’uà capì chi ji llu bboje.

Ànne lasséte jurte, vigne e cambagne

e ce so’ puste sop’u “luche”, a llu sulagne.

Guard’ a ccudde, vid’a custe, agnune ce tire ndrete,

ne nguvine, pe sti timbe, a ji nda lla chemune.

E ssì, cj’uà sapì, nd’i cambagne, cume nd’i pajise,

ce stè nu luche apposte pe fé lli bbesugne,

a rèparte a rèparte, tutte squadréte, bèlle e bbune,

ogne aneméle sépe addica cj’ avrinna fé ii duvere.

Ma po’, ji succisse na murèsche, ce so’ pèrse,

lli règhele, nzomme sop’a chemune ne nn’ji vèrse

de fé aurine e cacche, ne nge sté cchjù reggitte.

Ce vé truvanne, acchessì, u chépe de ll’assitte,

a qua, mo jéve, ce so’ pèrse cunde e verecunde

e nejune ce fé mènda capéce a fé lli rijassunde.

Venime a nnuje, lla chemune ji na cosa sèrje,

dalle ca dalle, a llà, u “luche”, c’ji anghjute de mmèrde.

“E quèdda cose a lla tèrre sèrve… e accume sèrve”.

pènze tra sé llu ciucce, “ se nuje ne ngachéme:

decèvene ll’andiche, ce more de féme llu rejéme.

E viste ca de sté a lla sope a nescjune i ngozze,

quése quése mo véche ije a fé lla ndozze”.

Mang’ ò parléte. ca ll’assembleje, p’acclamazjone,

llu fé chépe supreme de tutte a cungregazjone:

aneméle… de tutte lli spécje e manere,

nustréle e forèste, p’a code e sènza code.

Viste stu fatte, u cjucce ce mètte de fede:

“S’ agghja cumannè, ja cumanné accume me pére…”

Lli dicene: “statt’attinde, sì gnurande, affalbete…”

Responne: “ Mica ji na nuvetà, pure vecine a qquà,

nd’u pajese, ne nge capisce quanda cjucce

ànne fatte lli prise sop’a lla chemune…

Prise pe prise mo llu fazze pure ije…..

acchessì pote fernèscj’ ogne mujine!

Pascalonia

L’asino sopra la comune
Come è stato, come fu, gli animali all’assemblea,/ devono fare la elezione, si deve capire chi è il boia (capo)./Hanno lasciato orti, vigne e campagne/ e si son posti sul “luogo”, al solatio. Guarda a quello, vedi a questo, ciascuno si tira indietro,/ non conviene a nessuno, in questi tempi, andare sopra la comune./ Eh ssi, si deve sapere, nelle campagne, come nei paesi,/ ci sta un luogo apposta per fare tutti i bisogni,/ a reparto, a reparto, tutti ben squadrati,/ ogni animale dovrebbe sapere dove fare i doveri./ Ma poi è accaduto una rivoluzione, si son perse/ le regole, insomma su la comune non c’è verso/ di fare urina e cacca, non c’è più ricetto. / Si va cercando, così, il capo dell’assetto, / qui con il tempo si son persi conti e resoconti/ e nessuno si convince di fare il riassunto (riepilogo)./ Veniamo a noi, la comune è una cosa seria,/ con il tempo, là, il “luogo”, si è riempito di merda./ “E quella cosa alla terra serve, e come serve”,/ pensa fra sé l’asino, “se non defechiamo,/ dicevano gli antichi, si muore di fame il reame./ E visto che di stare lì sopra nessuno ha voglia,/ quasi quasi vado io a fare una prova!”/ Manco ha parlato. Che l’assemblea, per acclamazione,/ lo fa capo supremo di tutta la congregazione:/ animali di ogni specie e maniera/ nostrani e forestieri, con la coda e senza coda./ Visto questo fatto, l’asino si pone di fede (con buona lena)./”Se devo comandare, devo comandare come mi pare”./ Gli dicono: “stai attento, sei ignorante, analfabeta”./ Li risponde: “Mica è una novità, pure qui vicino,/ nel paese, non si capisce (contano) quanti asini/ hanno fatto il priso (defecazione) sopra la comune./ Priso per priso mo lo faccio pure io…/ così termina ogni discussione!”

U ciucce sop’a chemune ultima modifica: 2018-01-20T08:25:01+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Francesco

    Grande Pascalonia.
    Dsl profondo Nord, ho fatto un salto indietro fdritto fino alla Bozzelli, dove sono diventato quello che sono grazie agli insegnamenti di suo fratello, il Maestro


  • giacomo salvemini

    uaooooooooooooooooo pasquale ti ritrovo e che penna
    il tuo parolare dialettale è vero..ogni tanto vado a rileggerti
    con la stima di sempre
    tuo g.s.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This