Edizione n° 5345

BALLON D'ESSAI

SINDACO // Decaro celebra unione vigilesse, ‘sosteniamo amore e libertà’
23 Maggio 2024 - ore  00:12

CALEMBOUR

PROSTITUZIONE // Bari: baby prostitute, “Si guadagnavano anche mille euro a serata”
22 Maggio 2024 - ore  17:29

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

CONDANNA Detenuto con problemi psichiatrici torturato nel carcere di Bari, condannati 5 agenti

I cinque agenti sono stati condannati a pene comprese tra i 3 anni e 4 mesi e i cinque anni di reclusione

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
20 Marzo 2024
Bari // Cronaca //

BARI – Il Tribunale di Bari ha condannato cinque agenti della polizia penitenziaria per tortura nei confronti di un detenuto: l’uomo, un 42enne con problemi psichiatrici, fu brutalmente picchiato dopo aver dato fuoco a un materasso nella sua cella del carcere di Bari la notte del 27 aprile 2022.

I cinque agenti sono stati condannati a pene comprese tra i 3 anni e 4 mesi e i cinque anni di reclusione.

Insieme ai cinque sono stati condannati altri sei imputati a pene (sospese) comprese tra gli 80 euro di multa e i 13 mesi di reclusione per i reati – contestati a vario titolo – di falso in atto pubblico, rifiuto d’atti d’ufficio, abuso d’ufficio e omessa denuncia.

La pena più alta è stata inflitta all’agente Giacomo Delia, condannato a cinque anni.

Pena di 4 anni e sei mesi per Raffaele Finestrone, di 3 anni e 6 mesi per Giovanni Spinelli, di 3 anni e 5 mesi per Antonio Rosati e di 3 anni e 4 mesi per Francesco Ventafridda.

Condannato a 13 mesi il sovrintendente Vito Sante Orlando, a 11 mesi l’agente Michele De Lido, a 6 mesi Leonardo Ginefra e Francesco Valenziano.

Due infermieri condannati a pagare una multa di 80 euro per omessa denuncia hanno ottenuto il beneficio della non menzione della condanna.

Secondo l’accusa, furono sei gli agenti autori delle torture.

Le violenze sarebbero iniziate lungo il percorso dalla cella all’infermeria, con il personale che sarebbe intervenuto “con violenze gravi e agendo con crudeltà” prima scaraventando l’uomo sul pavimento, poi colpendolo con calci e schiaffi sulla schiena, sul torace, sui fianchi e sul volto.

Tra gli agenti coinvolti nel pestaggio anche il sovrintendente Domenico Coppi, già condannato a tre anni e sei mesi di reclusione in un processo che si è celebrato con rito abbreviato per tortura, rifiuto d’atti d’ufficio e falso.

Sempre in abbreviato è già stato condannato (con pena sospesa) a un anno e due mesi, per omessa denuncia, il medico dell’infermeria Gianluca Palumbo.

L’agente Roberto Macchia, che pure aveva scelto l’abbreviato, è stato assolto dall’accusa di rifiuto d’atti d’ufficio ‘perché il fatto non costituisce reato’.

Fonti verificate: ANSA //

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.