Edizione n° 5397

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

SICUREZZA Margherita Di Pumpo: “A Torremaggiore non basta un drone per la sicurezza. Bisogna assumere agenti di Pl”

"Si continua a girare intorno al vero problema, senza volerlo risolvere: la mancanza di un numero adeguato di agenti di Polizia Locale"

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
20 Maggio 2024
Politica // San Severo //

“A fronte dell’aumento degli episodi di violenza quali risse, furti e assalti ai bancomat, l’uscente amministrazione comunale propone l’uso dei droni e lo fa in “zona Cesarini”, a tre settimane dalle elezioni, dopo essersi contraddistinta per torpore durante il mandato”.

Lo afferma la candidata Sindaco di Torremaggiore Margherita Di Pumpo che spiega: “Si continua a girare intorno al vero problema, senza volerlo risolvere: la mancanza di un numero adeguato e rassicurante di agenti di Polizia Locale, decisamente sotto organico per una città di più di 16mila abitanti. L’impressione, anzi, è che la strada imboccata vada verso una ulteriore diminuzione e alienazione dal contesto territoriale del personale già presente, peraltro non individuato tramite concorso ma attinto da graduatorie di idonei e con un Comandante a tempo”.

La strumentazione avanzata, il drone per intenderci, ha certamente grandi potenzialità ma non risolve il problema sicurezza. Un drone avvista ma non interviene. Un drone individua, ma non blocca una rissa o un assalto a un bancomat. Un drone non è risolutivo nell’ambito di una vigilanza rurale che i nostri agricoltori chiedono a gran voce per contrastare adeguatamente la piaga dei furti. Un drone – evidenzia Margherita Di Pumpo – non sostituisce l’uomo nell’attività repressiva e non fa un lavoro diverso rispetto a un sistema di videosorveglianza rispetto al quale i torremaggioresi si chiedono se sia o meno in funzione”.

“Inoltre – aggiunge Margherita Di Pumpo – esistono questioni afferenti alla sfera squisitamente normativa: essendo il drone per sua natura dotato di videocamera e memoria annessa, a chi è affidata la gestione della privacy e il delicato trattamento dei dati? Quali sono i costi che la Comunità dovrà sostenere per l’uso, gestione e manutenzione delle apparecchiature? Il nostro ampio e articolato programma sulla sicurezza – prosegue Margherita Di Pumpo – prevede il potenziamento del corpo di Polizia Locale per un costante presidio del territorio urbano e rurale, un effettivo coordinamento con le Forze dell’Ordine, l’attivazione del servizio di coadiutori del traffico per il recupero di risorse umane da impiegare nei vari quartieri della città. Vogliamo porre in essere molteplici azioni che siano risolutive rispetto al tema della sicurezza che a Torremaggiore, attualmente, fa acqua da tutte le parti e rispetto al quale il sindaco uscente preferisce mettere una pezza che non risana sicuramente le numerose falle su questo tema decisamente sentito in città”, conclude Margherita Di Pumpo.

Lascia un commento

“Non tutto ciò che viene affrontato può essere cambiato, ma niente può essere cambiato finché non viene affrontato.” JAMES ARTHUR BALDWIN

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.