Edizione n° 5400

BALLON D'ESSAI

ANTIFASCISTE // Cerignola, il 25 luglio la “Pastasciutta antifascista” su Terra Aut
17 Luglio 2024 - ore  13:55

CALEMBOUR

TASK FORCE // Le ricerche di Antonio Draicchio, dopo 7 giorni, sono state interrotte come da prassi di legge
17 Luglio 2024 - ore  14:39

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

DUBBI Membri FI Antimafia: “come sapeva Emiliano dell’arresto di Pisicchio?”

"Chat e interrogatori fanno dubitare delle frasi generiche e non convincenti pronunciate in commissione"

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
20 Maggio 2024
Cronaca // Primo piano //

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta del Mezzogiorno, emergono nuovi sospetti sul comportamento del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. Si ipotizza che Emiliano fosse a conoscenza in anticipo dell’arresto di Pisicchio, al punto da discutere con lui della sua rimozione poco prima che venissero eseguite le manette. Chat e interrogatori mettono in dubbio le dichiarazioni generiche e non convincenti di Emiliano durante la sua audizione in commissione Antimafia. Dagli interrogatori di Pisicchio emerge un quadro inquietante che suggerisce un possibile uso improprio di informazioni riservate alla magistratura.

I componenti del gruppo di Forza Italia in commissione Antimafia – Maurizio Gasparri, Mauro D’Attis, Pietro Pittalis, Pierantonio Zanetti e Chiara Tenerini – hanno dichiarato: “Già avevamo intuito le capacità di preveggenza di Michele Emiliano: la revoca di Pisicchio dall’Arti poche ore prima del suo arresto ne era una dimostrazione. Abbiamo tentato di approfondire il caso in commissione Antimafia, ma il presidente della Regione non ce lo ha permesso, riservandosi di rispondere eventualmente alla magistratura e offrendo un’altra versione dei fatti riguardo la sua visita e quella di Decaro a casa di un boss”.

Gli esponenti di Forza Italia osservano che gli interrogatori di Pisicchio confermano una circostanza opaca: Emiliano gli avrebbe chiesto di dimettersi a causa delle voci insistenti di un suo imminente arresto. Inoltre, l’audizione secretata del procuratore della Repubblica di Bari mirava a chiarire meglio la situazione locale. Il problema risiede nella libertà di azione di alcuni esponenti locali che, di fronte alle prove ora emerse, dovrebbero rispondere di comportamenti sorprendenti.

Gli esponenti di Forza Italia ricordano al presidente pugliese che la verità non è solo un dovere verso i parlamentari, ma anche verso tutti i cittadini che legittimamente si interrogano su quanto accaduto. La domanda è semplice: come faceva Emiliano a sapere dell’imminente arresto di Pisicchio?

Lo riporta l’immediato.net

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.