FoggiaManfredonia
Nota stampa WWF

Caccia allo storno, WWF: “Inammissibile deroga concessa da Regione”

"Per di più la normativa nazionale e comunitaria sulla caccia prevede che le deroghe debbano essere giustificate da un’analisi puntuale dei presupposti e delle condizioni"


Di:

Bari. Il WWF, insieme a Lipu, ENPA, Italia Nostra, LAC e LAV, ha chiesto al Governatore della Regione Puglia Emiliano, al Presidente del Consiglio Renzi ed al Commissario all’Ambiente della Commissione Europea, di intervenire, ciascuno per le proprie competenze, affinché venga modificata la Legge regionale n. 28/2015 “Autorizzazione al prelievo in deroga dello sturnus vulgaris” poichè contrasta con le norme nazionali ed europee sulla caccia, oltre che essere palesemente incostituzionale. Lo storno (sturnus vulgaris) è infatti una specie di uccello migratore protetta dalla Comunità europea e come tale ne è vietata la caccia. Con la Legge della Regione Puglia n. 28/2015 viene concessa l’Autorizzazione al prelievo in deroga dello sturnus vulgaris ovvero la libertà di caccia nell’ambito dell’attuale stagione venatoria che termina il 31 gennaio 2016. Un regalo quindi della politica al mondo venatorio.

Per non incorrere nel procedimento di infrazione delle direttive comunitarie, la citata legge prevede che la Giunta regionale dichiari compatibile tale caccia sulla base di studi di monitoraggio sul fenomeno migratorio dello sturnus vulgaris. Per la realizzazione di tale monitoraggio viene stanziata la somma di 20 mila euro. Gli studi ornitologici sulle migrazioni, però, per avere la caratteristica della serietà e della scientificità, osserva il WWF, richiedono invece monitoraggi pluriennali e sono basati su diversi metodi di campionamento ed osservazione, utilizzando anche strumenti tecnologici come i radar. Dovrebbero inoltre essere effettuati a livello europeo, poiché se in Italia un certo contingente migratorio può essere numeroso, quella stessa popolazione di volatili potrebbe essere preziosa per altre nazioni dove magari è carente. Sembra impossibile, evidenzia il WWF, fornire tutte queste risposte con uno studio di monitoraggio sul fenomeno migratorio dello storno che dovrebbe essere realizzato in pochissimo tempo per essere compatibile con gli obiettivi della Legge regionale n. 28 del 2 ottobre 2015.

Per di più la normativa nazionale e comunitaria sulla caccia prevede che le deroghe debbano essere giustificate da un’analisi puntuale dei presupposti e delle condizioni e debbano menzionare la valutazione sull’assenza di altre soluzioni soddisfacenti, le specie che ne formano oggetto, i mezzi, gli impianti e i metodi di prelievo autorizzati, le condizioni di rischio, le circostanze di tempo e di luogo del prelievo, il numero dei capi giornalmente e complessivamente prelevabili nel periodo, i controlli e le particolari forme di vigilanza cui il prelievo è soggetto e gli organi incaricati della stessa. Tutto ciò nella legge non è previsto. “Si ha l’impressione che ancora una volta si cerca di autorizzare la caccia in deroga a specie protette senza la presenza di incontrovertibili dati scientifici. – ha dichiarato Nicolò Carnimeo, delegato del WWF Puglia – Non è questa la strada da percorrere. Ad esempio, le risorse economiche previste dalla Legge regionale n. 28/2015 potrebbero meglio essere impiegate per accrescere le somme a disposizione per ristorare gli agricoltori da eventuali danni subiti. Chiediamo perciò che la legge venga rapidamente ritirata, anche per non incorrere in una procedura di infrazione a carico della regione Puglia per aver disatteso la normativa comunitaria, cosa che potrebbe portare a pesanti sanzioni economiche per la regione stessa”.

(nota stampa)

Redazione Stato Quotidiano

Caccia allo storno, WWF: “Inammissibile deroga concessa da Regione” ultima modifica: 2015-10-20T18:09:21+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • giuann

    le associazioni ambientaliste in italia non fanno le associazioni ambientaliste. Fanno le associazioni contro la caccia… e basta… Lo storno è un flagello. Stanno arrivando a milioni…e ogni anno sono sempre più…i miei uliveti stanno per subire l’ennesimo attacco senza che io possa farci nulla. Gli ambientalisti scendessero in campo, e cominciassero a vivere davvero la natura. poi ne riparliamo. Non si parla dall’alto di una poltrona, ma si scende in campo e si vive la natura.


  • giuann

    e ricordo ancora che lo storno volgare è protetto, no perchè ci sia la reale necessità di proteggerlo, ma solo per uno sbaglio del legislatore in quanto erroneamente associato allo storno nero specie ben piu rara e protetta…Quindi non si crei disinformazione

  • Ci rendiamo conto dedlle fandonie che dicono queste associazioni? come si fa a dire di non cacciare questo uccello e non salvagardare gli uliveti?
    Ricordatevi che quando inseriste lo storno tra le specie non cacciabili fu fatto con inganno, in quanto lo storno da inserire nella black list era lo storno reale e non lo storno comune!!! non per altro prima della legge 157/92 storno e passaro (insieme alla volpe), erano ritenuti animali dannosi!!!
    DIteli quesi fatti ambiantaloidi e non ambientalisti e animalisti!!!
    pensate a non far mettere il deposito di gpl a manfredonia perche’ e’ piu’ importante la vita umana…
    PER FORMARE UN CALENDARIO VENATORIO CI SIETE ANCHE VOI NEL COMITATO FAUNISTICO PROVINCIALE O REGIONALE E SE NON AVETE I DATI SCIENTIFICI, NON INSERITE NESSUN ANIMALE NEL CALENDARIO VENATORIO!!! SI PREDICA BENE E SI RAZZOLA MALE…


  • La naturalista disoccupata

    Signor Cacciatore, non so dove Lei abbia attinto le sue conoscenze ornitologiche…Lo storno reale!!! ahahahahahahahahahah!!!!

  • Ha ragione naturalista, ho sbagliato e scrivere, era storno nero. L’importante è che ci siamo capiti che la verita’ e’ quella da me descritta!


  • ettore

    io farei pagare i danni dei nocivi a sti pseudo ambientalisti che di natura nn capiscono un cavolo anche io ho degli uliveti e sono sempre stato danneggiato da questi uccelli puzzolenti e sgradevoli ..


  • MANFREDONIA AGNELLO SACRIFICALE CON CON POLITICA DORMIENTE E PENNIVENDO SCATENATI

    Che strano questi ambientalisti sono come certi politici sipontini, si interessano degli storni e molto di meno di zone protette.


  • MomA

    Il rammarico è vedere che è sempre necessario dividersi in fazioni. Bianchi e neri, blu e rossi, animalisti e cacciatori.
    Il territorio è uno e insieme saremmo molto più efficaci nel tutelarlo…

    Non impareremo mai 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This