Manfredonia

Crr di Manfredonia: approvato piano preliminare


Di:

rifiuti cajass (canale9)

rifiuti cajass (immagine da canale9)

Manfredonia – DELIBERATO dalla Giunta comunale un piano preliminare per la realizzazione, nel territorio, di un centro comunale di raccolta differenziata (Crr). Una recente delibera, con oggetto il programma operativo 2007-2013, asse II, linea di intervento 2.5 ‘interventi di miglioramento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati’, ha stabilito infatti l’approvazione del progetto preliminare per lo stanziamento del Crr nel comune di Manfredonia, così come la localizzazione dell’area. Il programma operativo 2007-2013, nell’asse indicato, aveva consentito infatti alla Regione Puglia di indire una procedura negozionale con i consorzi Ato rifiuti del territorio (all’interno degli Ato, ambito territoriale ottimale, per la gestione unitaria dei rifiuti solidi urbani. Le competenze dell’A.T.O. rifiuti sono definite e concordate tra i Comuni al momento della stipula della Convenzione di cooperazione. Per quanto riguarda gli Ato Fg/3, 29 i comuni in totale, con Foggia capofila, per la gestione rifiuti: Alberona, Biccari, Carlantino , Casalnuovo Monterotaro, Casalvecchio di Puglia, Castelluccio dei Sauri, Castelluccio Valmaggiore, Castelnuovo della Daunia, Celenza Valfortore, Celle di San Vito, Faeto, Lucera, Manfredonia, Mattinata, Monte Sant’Angelo, Motta Montecorvino, Orsara di Puglia, Pietramontecorvino, Rignano Garganico, Roseto Valfortore, San Giovanni Rotondo, San Marco la Catola, San Severo, Torremaggiore, Troia, Volturara Appula, Volturino, Zapponeta) per lo stanziamento di progetti per la realizzazione dei Ccr, stanziando per ogni Ato un finanziamento pari ad un milione di euro. A Manfredonia, da dati Ato Fg3 del 2009, è stata prodotta differenziata per 2.466.628 di kg e indifferenziata per 20.860.427 di kg per un totale di RSU pari a 23.327.055 di chilogrammi. Percentuale raccolta differenziata: 10,574. I picchi nelle raccolte vengono raggiunti naturalmente nei mesi estivi (da un milione e 800mila kg a gennaio fino a 2 milioni ed 800mila ad agosto) con un consumo pro capite medio pari a 40,15 chilogrammi annuali. Il sequestro di Passo Breccioso. A causa di una gestione “non oculata di Ato Fg3 rifiuti” il 23 ottobre del 2008 la discarica di rifiuti solidi urbani di Passo Breccioso, tra Foggia e Cerignola, fu posta sotto sequestro preventivo dai carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Bari, con provvedimento reso esecutivo, ricordando che Passo Breccioso rappresenta l’area dove venivano confluiti i rifiuti solidi urbani di Foggia e degli altri 29 comuni della Capitanata. I sigilli furono apposti per “gestione illecita di rifiuti”. In pratica, la discarica sarebbe stata utilizzata nonostante il divieto di continuare ad ammassare i rifiuti al suo interno, rifiuti che avrebbero dovuto essere immessi in altre due zone ancora in costruzione.

Crr di Manfredonia: approvato piano preliminare ultima modifica: 2009-12-20T22:46:33+00:00 da Girolamo Romussi



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This