Edizione n° 5307
/ Edizione n° 5307

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Scoperto il primo pianeta alieno destinato a cadere sulla sua stella

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
20 Dicembre 2022
Cronaca // Scienza e Tecnologia //

(ANSA), 20 DICEMBRE 2022 – Scoperto il primo pianeta alieno destinato inesorabilmente a cadere sulla sua stella, man mano che questa invecchia: erano già state raccolte molte prove della presenza di questi esopianeti, ma non erano ancora mai state fatte osservazioni dirette.

La conferma arriva da uno studio pubblicato sulla rivista The Astrophysical Journal Letters e guidato dal Centro statunitense per l’Astrofisica Harvard-Smithsonian. La fine potrebbe essere la stessa che aspetta la Terra tra miliardi di anni, quando il Sole entrerà nella fase conclusiva del suo ciclo vitale, e la scoperta aiuterà quindi a comprendere meglio il fenomeno ed i suoi meccanismi.

Lo sfortunato pianeta è stato chiamato Kepler-1658b, poiché la sua scoperta si deve al telescopio spaziale Kepler della Nasa, lanciato nel 2009: è stato proprio il primo candidato alle osservazioni fatte dal telescopio, ma ci è voluto quasi un decennio per confermarne l’esistenza.
Riuscire a rilevare l’avvicinamento del pianeta alla sua stella ha richiesto, infatti, molti anni di analisi, cominciate con Kepler e proseguite poi dal telescopio Hale dell’Osservatorio di Monte Palomar in California (gestito dal California Institute of Technology) e dal telescopio spaziale Tess della Nasa, lanciato nel 2018.
Kepler-1658b è un Giove caldo che orbita vicinissimo al suo astro in meno di 4 giorni, ad una distanza che è solo un ottavo di quella che separa il Sole da Mercurio. Il suo inevitabile destino, tuttavia, si sta approssimando ad un ritmo estremamente lento, con un’orbita che si accorcia di circa 131 millisecondi all’anno. La causa principale di questo fenomeno sono le maree: l’interazione gravitazionale tra due corpi celesti distorce le reciproche forme e provoca il rilascio di energia. A seconda delle distanze e delle dimensioni dei corpi coinvolti, questo processo può portare ad un allontanamento, come nel caso della Terra e della Luna, oppure ad un avvicinamento, come nel caso dell’esopianeta. (ANSA)

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.