Edizione n° 5265
/ Edizione n° 5265

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

H1N1, positivi due casi a Foggia. 1 campione da Manfredonia “ma non preoccupa”

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
21 Gennaio 2011
Capitanata-territorio //

Medici (St)
Medici (St)
Manfredonia – NUOVI ricoveri, relativi alla contrazione del virus H1N1, con la Puglia fra le regioni più colpite in Italia, con cinque decessi sui 13 avvenuti complessivamente. Dalla Puglia anche ( Focus influenza A, 20 gennaio ) la vittima più giovane per influenza A: si tratta – come detto ieri – di un bimbo di 17 mesi, deceduto a Bari ma originario di Andria, che già soffriva di broncodisplasia e non era stato vaccinato.Il bimbo è morto ieri nel reparto di rianimazione dell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari. La notizia era stata comunicata dall’Osservatorio epidemiologico regionale della Puglia.

Il bimbo di 17 mesi sarebbe stato ricoverato in pediatria ad Andria, poi trasferito nel reparto malattie infettive e, infine, in rianimazione, a Bari, dove è deceduto nelle ultime ore. Dall’Osservatorio epidemiologico pugliese continua l’invito alle comunità locali di vaccinare presto i soggetti a rischio, dunque con patologie pregresse.Da ricordare che in tutti i casi, le persone colpite erano già affette da patologie pregresse. Atteso per fine mese il picco dell’influenza stagionale, che ha messo a letto fino ad oggi 1,7 milioni di italiani. Le fascia di popolazione più colpita è stata quella dei bambini fino ai quattro anni d’età, l’incidenza è stata pari a 10,57 casi ogni mille assistiti.

DIPARTIMENTO PREVENZIONE ASL/FG: “POSITIVI DUE CASI A FOGGIA “- Dopo il caso di Biagio Riontino a Zapponeta e l’uomo deceduto a Foggia, a cadere sotto i colpi dell’H1N1 negli scorsi giorni era stato ieri un uomo di Vico del Gargano (Fg). Ricoverato da oltre dieci giorni per problemi respiratori, l’uomo, 47enne, è deceduto nell’ospedale “Masselli Mascia” di San Severo dov’era stato trasferito da qualche giorno. Il paziente aveva patologie cardio-vascolari. Oltre all’uomo deceduto a Foggia e al bimbo di 17 mesi per l’influenza A sono morti finora in Puglia un uomo e una donna, entrambi 62enni, deceduti pochi giorni fa (a Foggia ed Andria), e come detto un 51enne diabetico, morto l’11 gennaio a Bari in una clinica privata.

DIPARTIMENTO PREVENZIONE ASL/FG: “PARTITA LA VACCINAZIONE DEGLI OPERATORI SANITARI. BUONE RISPOSTE DA CERIGNOLA, FOGGIA, LUCERA E MANFREDONIA” – “Delicata la situazione in provincia di Foggia – aveva detto ieri a Stato il dirigente del dipartimento prevenzione Asl/Fg, Franco Carella, in riferimento all’influenza A – abbiamo attivato l’unità di crisi. Nelle prossime ore – dice il dirigente Asl – cercheremo di coprire la parte restante della popolazione non vaccinata, specie gli anziani, ma soprattutto gli operatori sanitari a contatto ogni giorno con i reparti a rischio”. A tal proposito le strutture ospedaliere di San Giovanni Rotondo, Manfredonia ed altre delle provincia avrebbero già attivato una copertura nella vaccinazione degli opoeratori sanitari.


POSITIVI DUE CASI A FOGGIA. INVIO NUOVI CAMPIONI: UNO DA MANFREDONIA, “PAZIENTE VACCINATO, NON PREOCCUPA”
– Dei campioni analizzati finora, relativamente a pazienti ricoverati in provincia di Foggia, “due sono risultati positivi”. Uno relativo ad un paziente ricoverato ai Riuniti di Foggia, uno a Cerignola. Oggi, 21 gennaio, sono stati inviati altri 3 campioni: due sempre da reparti ospedalieri del capoluogo dauno, uno da Manfredonia. “Ma per il terzo caso si tratta di un paziente vaccinato, la situazione è relativamente tranquilla e sotto osservazione”, dice il dottor Franco Carella, dirigente del Dipartimento prevenzione Asl/Fg.

Zapponeta. Intanto, restano gravi, ma comunque stabili, le condizioni dell’agricoltore trentottenne di Zapponeta, ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale Tatarella di Cerignola. I medici sono comunque fiduciosi anche se attendono un miglioramento della saturazione dell’ossigeno nel sangue del paziente prima del trasferimento dello stesso in un ospedale del Piemonte o della Lombardia.


Redazione Stato, riproduzione riservata

Lascia un commento

“Comincia a vivere subito e considera ogni giorno come una vita a sé”. (Lucio Anneo Seneca)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.