Edizione n° 5307
/ Edizione n° 5307

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

SENTENZA Amianto, Luigi Vitullo muore di mesotelioma a 54 anni, condanna per Inps

La Corte d'Appello dell'Aquila ha emesso una sentenza che obbliga l'Inps a riconoscere le maggiorazioni

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
21 Febbraio 2024
Cronaca // L'inchiesta //

La Corte d’Appello dell’Aquila ha emesso una sentenza che obbliga l’Inps a riconoscere le maggiorazioni legate all’amianto e a ristrutturare la posizione contributiva di Luigi Vitullo. Quest’ultimo, deceduto a 54 anni a causa di mesotelioma pleurico epitelioide, ha contratto la malattia a seguito dell’esposizione professionale alle fibre di amianto.

Le perizie tecniche-ambientali condotte dal consulente tecnico d’ufficio (CTU) hanno confermato che durante il periodo lavorativo dal 1976 al 1987, Vitullo, impiegato in diverse aziende nella provincia di Chieti, è stato esposto direttamente e indirettamente a polveri e fibre di amianto.

Il presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto (ONA), Ezio Bonanni, ha rappresentato legalmente la famiglia di Vitullo durante il procedimento legale. Si è evidenziato che l’operaio svolgeva un compito particolarmente rischioso, manipolando lastre di cemento amianto soggette a usura e spesso abbandonate nei cantieri. Nonostante il divieto di utilizzo introdotto dalla legge 257/92, Vitullo e i suoi colleghi hanno utilizzato strumenti di protezione in amianto fino a metà degli anni ’90. Gli operai, ignari dei rischi per la salute e senza adeguati strumenti di prevenzione tecnica forniti dalle aziende, portavano involontariamente a casa abiti contaminati da polvere e fibre di amianto, esponendo anche i loro familiari.

La malattia di Vitullo è stata diagnosticata a maggio 2015, con la conferma del mesotelioma a giugno. L’uomo è poi deceduto ad Ancona un mese dopo. La battaglia legale è iniziata contro l’INAIL nel 2019, che ha riconosciuto il diritto in via amministrativa. Nonostante ciò, l’INPS ha continuato a negare l’esposizione all’amianto e i benefici del Fondo Vittime Amianto alla vedova, Antonietta Cicchini. Ciò ha portato a un nuovo procedimento legale, con il rigetto della domanda in primo grado. Tuttavia, in appello, il ricorso è stato accolto, e l’INPS è stato condannato al ricalcolo della pensione di indennità con un aumento di circa 5.000 euro all’anno. La vedova dovrà inoltre percepire circa 80.000 euro tra gli arretrati dell’INPS e dell’INAIL.

Lo riporta l’Ansa.

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.