Edizione n° 5309
/ Edizione n° 5309

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

VIDEO Orrore a Catania, bimbo di 5 anni picchiato e frustato con cavi elettrici: due fermi

Il piccolo era "punito" per banali capricci dalla madre e dalla zia, ora rinchiuse nel carcere

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
21 Febbraio 2024
Cronaca // Focus //

CATANIA – Avrebbero picchiato un bambino di cinque anni seviziandolo anche con dei cavi elettrici per via delle sue “disobbedienze”.

Con l’accusa di maltrattamenti e lesioni personali pluriaggravate, la Procura di Catania ha fermato due donne nigeriane di 23 e 28 anni, una delle quali zia della vittima.

Le indagini condotte dalla squadra mobile etnea sono partite grazie alla segnalazione della dirigente scolastica dell’istituto frequentato dal bambino.

La donna ha riferito alla polizia di “evidenti frustate nella schiena e nelle gambe” del piccolo.

Segni di violenze che sono stati riscontrati anche dai medici del pronto soccorso pediatrico dell’ospedale Garibaldi-Nesima.

Il bimbo ha raccontato di essere stato “percosso” dalla zia diverse volte tramite “un cavo nero di ricarica della bicicletta elettrica” di proprietà della madre”.

La vittima ha raccontato più volte che i segni delle violenze sarebbero stati provocati dalla zia davanti a “disobbedienze”.

Numerose le escoriazioni profonde scoperte dai medici, causate probabilmente da frustate.

“Evidenti”, secondo gli investigatori, anche le cicatrici e le lesioni “pregresse in via di risoluzione, diffuse sul tronco, arti superiori e inferiori, torace e addome”.

I medici del Garibaldi-Nesima hanno curato il bambino rilasciando per lui una prognosi di 15 giorni.

“Allarmante”, secondo la Procura, il quadro emerso dall’ascolto del bambino in audizione protetta e di alcuni testimoni: “I segni di violenza impressi sul corpo – sostengono i magistrati etnei – sarebbero stati inferti dall’indagata ventitreenne con dei cavi elettrici e ciò in seguito a banali capricci e non meglio specificate monellerie”.

Le sevizie avvenivano anche alla presenza della 28enne, “legata da vincoli di parentela con la piccola vittima”, che “non si adoperava per evitarle, per impedirle o per segnalarle”.
Le due donne sono ora rinchiuse nel carcere catanese di Piazza Lanza.

Fonti verificate: DIRE //

Lascia un commento

“I coraggiosi agiscono, i pavidi desistono.” Luigi Giuseppe Bruno D'Isa

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.