Edizione n° 5343

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

MACHETE Chi è il nobile 23enne soprannominato “Il Santo” fermato per l’attacco a colpi di machete

I medici hanno dovuto amputare la gamba sinistra per salvargli la vita

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
21 Marzo 2024
Cronaca // Focus //

TORINO – Ventitré anni, rampollo di una nobile e antica famiglia piemontese le cui origini risalgono al medioevo: è Pietro Costanzia di Costigliole, soprannominato “Il Santo”, il giovane fermato ieri dalla polizia di Torino per l’aggressione a colpi di machete avvenuta lunedì a Mirafiori ai danni di un giovane, O.B., a cui i medici hanno dovuto amputare la gamba sinistra per salvargli la vita.

L’indagato, come ricostruisce il Corriere, è uno dei discendenti di una antica famiglia piemontese: negli archivi araldici risultano tracce di Costanzia, signori di Costigliole Saluzzo (Cuneo), già a partire dalla prima metà del 1200. Nato all’inizio dell’estate del 2000, Pietro è figlio di Carlo jr, nato a Rio de Janeiro da un partigiano democristiano, Carlo Costanzia, ufficiale di collegamento del Comitato di Liberazione Nazionale, con il nome di Battaglia di “Tenente Carletto”.

Carlo jr, a sua volta, ha avuto un primo figlio con un’importante attrice e imprenditrice spagnola, Mar Flores. Il fratello maggiore di Pietro, anche lui chiamato Carlo, risiede in Spagna ed è apparso in una serie Netflix, Toy Boy.

Fonte: lastampa

Pietro Costanzia di Costigliole è ora difeso dagli avvocati Paola Pinciaroli e Vittorio Nizza ed ha fermamente respinto ogni accusa avvalendosi della facoltà di non rispondere.

Il 23enne tuttavia non è nuovo alle forze dell’ordine: per un lungo periodo risulta aver vissuto in Spagna, dove ha studiato marketing ed è stato condannato per rapina.

Quando ieri è stato individuato e fermato dalla polizia, che lo ha trovato nascosto in un hotel, ha detto detto di essere convinto che lo stessero cercando per eseguire l’ordine di custodia in carcere emesso nei suoi confronti dai magistrati iberici.

L’indiziato è stato prelevato dagli agenti della squadra mobile in un albergo in corso Regina Margherita.

A quanto si apprende, sarebbe rimasto due giorni nella stanza dell’hotel utilizzando un documento non suo. La polizia è ora sulle tracce di un complice in fuga.

L’aggressione è avvenuta lunedì sera, quando la vittima stava tornando a casa insieme alla sua compagna a bordo di un monopattino.

All’altezza di via Panizza, nel quartiere Mirafiori, è stato avvicinato da due giovani in sella ad uno scooter di grossa cilindrata che l’hanno ripetutamente colpito con un machete alla gamba sinistra, che gli è stata successivamente amputata.

La vittima è ancora intubata e ricoverata nel reparto di terapia intensiva, in prognosi riservata.

Il movente dell’aggressione sarebbe riconducibile a delle avance non richieste e spregiudicate, una foto osé che la vittima aveva inviato via whatsapp, nei giorni precedenti, alla fidanzata dell’aggressore.

Fonti verificate: FANPAGE //

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.