Edizione n° 5345

BALLON D'ESSAI

SINDACO // Decaro celebra unione vigilesse, ‘sosteniamo amore e libertà’
23 Maggio 2024 - ore  00:12

CALEMBOUR

PROSTITUZIONE // Bari: baby prostitute, “Si guadagnavano anche mille euro a serata”
22 Maggio 2024 - ore  17:29

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

INCLUSIONE Foggia, Samantha: dalla guerra in Centrafrica al tirocinio in Procura

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia porta avanti un progetto di inclusione sociale e culturale

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
21 Marzo 2024
Foggia // Primo piano //

FOGGIA – «La guerra nel mio Paese è stato il momento più brutto della mia vita. Per questo, sono andata via dalla mia terra per fuggire in Niger e poi da lì, grazie ai corridori umanitari della Caritas nazionale, sono arrivata in Italia con l’aereo.

Sono stata inserita in un progetto di accoglienza ed ho iniziato un nuovo percorso che adesso mi sta dando molte soddisfazioni».

Samantha Adiallo ha 39 anni. E’ titolare di protezione internazionale ed è scappata dalla Repubblica Centrafricana a causa del conflitto che insanguinava il suo Paese.

E’ fuggita con una laurea in Fisica ed è laureanda in ingegneria elettromeccanica. Ha due figlie – una di 21 anni e l’altra di 18, ed un nipote di 3 anni.

Con loro c’è anche sua madre. Tutte insieme sono arrivate prima a Scanzano Jonico e poi a Candela, in provincia di Foggia, dove vivono in un progetto del sistema di accoglienza ed integrazione promosso dall’Amministrazione comunale.

vita

 

Da circa un mese la vita sta offrendo a questa giovane nonna una nuova occasione, perché Samantha sta svolgendo un percorso di tirocinio formativo ed educativo negli uffici della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia.

Dal lunedì al venerdì è impegnata nell’ufficio affari dibattimentali. Nella stanza in cui segue tutta l’attività formativa, gli scaffali sono colmi di faldoni importanti per lo svolgimento dei vari processi, molti dei quali per mafia.

Ma lei si muove con scioltezza, come se avesse sempre lavorato lì dentro insieme ai suoi colleghi.

«Uso il computer per stampare i fascicoli, faccio fotocopie, ordino le notifiche, metto in ordine le liste testi e le porto in udienza» racconta Adiallo. «E’ un lavoro diverso rispetto alle materie che ho studiato, ma è molto interessante e sto facendo davvero una bella esperienza.

In futuro vorrei diventare dottore di ricerca ed immagino di vivere in Italia con la mia famiglia per avere una vita migliore rispetto a quella che ho dovuto lasciare nel mio Paese».

In futuro vorrei diventare dottore di ricerca ed immagino di vivere in Italia con la mia famiglia per avere una vita migliore rispetto a quella che ho dovuto lasciare nel mio Paese
Samantha Adiallo, tirocinante

In occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale” che si celebra il 21 marzo, la storia di Samantha ricorda quanto sia essenziale sperimentare e promuovere progetti di inclusione e formazione destinati ai cittadini migranti, anche per favorire l’eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale.

Prima di lei, infatti, altri 9 migranti richiedenti asilo o rifugiati politici hanno svolto esperienze di tirocinio formativo nella Procura di Foggia, grazie al protocollo siglato dalla cooperativa Medtraining – che in Capitanata gestisce diversi progetti Sai come quello di Candela – ed il Procuratore capo, Ludovico Vaccaro.

«Questa iniziativa non prevede alcun tipo di onere economico a carico della Procura della Repubblica o del Ministero della Giustizia. Si tratta di un progetto che ha tanti significati e tanti valori. I migranti coinvolti, come Samantha, si formano sotto vari aspetti» evidenzia Vaccaro.

«Innanzitutto, loro migliorano la lingua, migliorano i contatti con la nostra società e la nostra cultura. La Procura ne riceve un vantaggio perché svolgono un’attività che supplisce le gravi carenze di personale, di commessi, che abbiamo nei nostri uffici.

A volte non sappiamo chi deve portare i fascicoli in un’udienza o chi deve trasmettere una carta da un ufficio all’altro. Dobbiamo ringraziare i tirocinanti perché ci aiutano e allo stesso tempo si formano. E poi, il loro entusiasmo contribuisce al benessere organizzativo degli uffici».

La Procura ne riceve un vantaggio perché svolgono un’attività che supplisce le gravi carenze di personale, di commessi, che abbiamo nei nostri uffici

Fonti verificate: VITA //

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.