ManfredoniaStato news
La politica, assente, inesistente, incapace di avere un ruolo propositivo nella gestione della città

Caratù “Un uomo forte, un Consiglio debole.. una città allo sbando”

Riccardi è stato eletto per due volte a furor di popolo,con percentuali bulgare, quindi è espressione della sua volontà


Di:

UN UOMO FORTE, UN CONSIGLIO COMUNALE DEBOLE, UNA POLITICA INESISTENTE, UNA CITTÀ ALLO SBANDO.

Angelo Riccardi lascia l’incarico di Sindaco della città di Manfredonia, prendendosi da solo l’onore delle armi, la scena politica e l’iniziativa amministrativa.

I grandi sconfitti di questa triste vicenda sono, la città di Manfredonia, che ha sulla propria testa una montagna di debiti difficilmente onorabile con politiche convenzionali.
Il Consiglio Comunale, asfittico accondiscendente incapace di trovare il proprio ruolo di mediazione tra la città e gli amministratori. Abdigando dal proprio ruolo, di indirizzo e controllo sulle attività amministrative.

La politica, assente, inesistente, incapace di avere un ruolo propositivo nella gestione della città. In modo particolare il P.D. Che aveva, almeno sulla carta, il controllo politico sulla maggioranza del consiglio comunale ed era rappresentato in giunta dalla sua massima espressione.

Riccardi si è preso l’onore della armi, dimettendosi e sbattendo la porta.

Il consiglio comunale non è stato in grado di “ cacciarlo via “ come sbraitato sui giornali o social, perché molti consiglieri anteponevano piccolissimi interessi personali, in qualche caso ( non oso pensalo, anzi mi rifiuto ) l’appannaggio del gettone, come integrazione al proprio reddito.
Ora prima si va al voto meglio è, un commissario potrebbe fare solo politiche convenzionali. Aumentare le tasse e ridurre i servizi. Facendo di fatti morire la città e le sue ormai inesistenti attività economiche e commerciali.

Alcune considerazioni personali sulla vicenda.

Riccardi è stato eletto per due volte a furor di popolo,con percentuali bulgare, quindi è espressione della sua volontà è come tale era legittimato ad amministrare fino al 2020.
Molti degli attuali detrattori erano i sui migliori supporter politici. Non è mai stato possibile conoscere le cause vere dei loro divorzi.

Auguriamoci un nuovo consiglio comunale.
espressione vera delle competenze, della laboriosità e della grande generosità del popolo Sipontino.

Giovanni Caratù
Fiero e leale avversario politico di Angelo. Da sempre!

Caratù “Un uomo forte, un Consiglio debole.. una città allo sbando” ultima modifica: 2019-04-21T14:30:48+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
25

Pin It on Pinterest

Share This