Cronaca

San Severo, Petizione vs pini abbattuti, Savino rassicura


Di:

San Severo, pini abbattuti

San Severo – Pare non placarsi la protesta dei cittadini della città celestina coincisa, da una settimana con l’inizio dei lavori previsti per la Rigenerazione Urbana. Lavori che hanno previsto nel caso in particolare l’abbattimento di numerosi pini lungo viale 2 Giugno perchè considerati oltre che pericolosi nella loro stabilità, fonte di danneggiamento di marciapiedi, strade, e condutture dell’acqua.
Sono pervenute, in questi giorni all’Ufficio di Gabinetto del Sindaco note di promotori, e sottoscrittori di una ‘petizione’ denominata ‘ALBERI PATRIMONIO DI TUTTI’: evitare che vengano abbattuti gli alberi nella mia città “, a firma di Lucy Cassini. A comunicarlo è stato lo stesso Sindaco, Gianfranco Savino.

“Ritenendo giusto, che i Concittadini conoscano la verità delle cose, senza affidarsi a disinformazioni più o meno contorte che, certamente, creano confusione e malcontento.” Scrive Savino in risposta alle lamentele fiume di questi giorni. “Si poteva, forse, procedere ai lavori di ‘Rigenerazione Urbana’ continua – senza abbattere i pini ma, tra due o tre anni, i lavori stessi sarebbero stati vanificati, a causa del particolare apparato radicale di questi alberi, i quali hanno un ben diverso loro habitat naturale.”

“I danni che hanno arrecato ai marciapiedi – spiega il Sindaco – alla sede stradale ed alle condotte idriche, che in contemporanea l’acquedotto pugliese sta sostituendo, sono sotto gli occhi di tutti. Per miglior comprensione e precisione, riporto testualmente le considerazioni tecnico-professionali del Dott. Agr. Carlo Plescia.

‘La necessità di rimuovere, per motivi di pubblica utilità – si legge nella nota a margine di Plescia riportata dal primo cittadino – gli alberi (Pinus Pinea) esistenti nei tratti stradali interessati dai lavori (Viale 2 Giugno e Via S. Bernardino), in quanto: 1) Le radici di detti alberi hanno provocato danni, oltre che alla condotta di adduzione dell’acqua potabile, anche alla pavimentazione della sede stradale, compromettendone in più punti la sicurezza, sia veicolare che pedonale; 2) Incombendo sulla totalità di fabbricati destinati a civile abitazione, ne minacciano la stabilità, per l’alto grado di penetrazione ormai raggiunto dall’apparato radicale, al di sotto delle fondazioni; 3) Risultano presenti infiltrazioni di processionaria che, oltre ad essere causa di irritazioni cutanee, sono di difficile aggredibilità, per l’assenza di antiparassitari non inquinanti; 4) Le ultradecennali mancate operazioni manutentive, hanno configurato un quadro fito-sanitario non consono al soddisfacimento ex nunc del livello di sicurezza statico-strutturale degli alberi.’

“Personalmente – precisa Savino – amo tutto ciò che è natura per cui, Vi prego di credermi, sarei stato il primo ad oppormi a ciò che, apparentemente, sembra un vero e proprio scempio. Ma così non è, e non sarà, poiché in sostituzione di quei seppur splendidi pini, verranno messi a dimora alberi, già abbastanza adulti, di alto fusto, ma compatibili con un centro abitato. Se fosse stato uno scempio fine a se stesso, certamente non si sarebbero ottenute tutte le autorizzazioni dalle competenti autorità né, soprattutto, il progetto, che ha ottenuto il riconoscimento della Regione Puglia e della Comunità Europea, non sarebbe stato né finanziato, né scelto, tra una infinità di altri progetti, che sono stati presentati da tantissimi altri Comuni pugliesi.”

“Né era possibile, dato il tipo di alberi ed il loro particolare apparato radicale, trasferirli altrove, poiché, a parte costi spropositati, non avrebbero attecchito. Colgo l’occasione, infine, per comunicarVi, ove non fosse già in Vostra conoscenza, che mentre in passato sono stati “sciupati” oltre 450.000,00 Euro per il ‘Parco di Via Fortore’, con il risultato che è sotto gli occhi di tutti, il sottoscritto, con la collaborazione di tecnici comunali e non, che hanno prestato la loro opera a titolo gratuito, è riuscito ad approfittare di un altro finanziamento Regionale che consentirà, entro il prossimo mese di dicembre, di realizzare ed ultimare un vero e proprio Parco attrezzato, e così mettere fine ad un annoso problema, nell’interesse della collettività sanseverese.”

“Sono e resto a disposizione Vostra e di tutti i Concittadini di San Severo, per fornire informazioni corrette e documentabili per ogni e qualsiasi attività che questa A.C. ha posto e porrà in essere.
Vi ringrazio e Vi saluto cordialmente, rimanendo a Vostra disposizione per ogni ulteriore eventuale chiarimento.”

Redazione Stato

San Severo, Petizione vs pini abbattuti, Savino rassicura ultima modifica: 2013-06-21T19:47:13+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This