Manfredonia

Delle Noci: Isole Tremiti, opportunità sottratta al territorio


Di:

IL collegamento marittimo pubblico Manfredonia – Vieste – Isole Tremiti è stato “sospeso” dal 2008. In media ogni anno su questa tratta si muovevano circa 25.000 persone. Il porto di Manfredonia è stato da sempre, o almeno fino al 2008, il riferimento per le isole Tremiti, sia dal punto di vista giuridico-amministrativo che commerciale. Infatti è l’unico porto naturale e sicuro, a distanza accettabile, che può garantire collegamenti durante tutto l’arco dell’anno. Cosa non da poco se si considera che, durante la stagione invernale, le Diomedee spesso rimangono isolate a causa della impossibilità da parte del porto di Termoli, attuale porto base per il servizio pubblico, di garantire i collegamenti. La garanzia e la sicurezza che offre il porto di Manfredonia è un dato di fatto, infatti oltre alla Adriatica poi Tirrenia per garantire il servizio annuale anche l’importante ed essenziale servizio di approvvigionamento idrico per le isole, è garantito con un collegamento da Manfredonia.

Inspiegabilmente attualmente le isole sono collegate solo durante la stagione estiva da Rodi, Peschici, Vieste, Termoli e Vasto con mezzo privato, solo dal porto di Termoli (Regione Molise) con il servizio pubblico. Oltretutto il servizio giornaliero offerto dalle compagnie private non è garantito in media dalla metà del mese di giugno e fino alla prima decade di settembre.

Per quanti mesi l’anno gli imprenditori delle isole Tremiti pagano le tasse alla Regione Puglia? Dovrebbe essere un obbligo della Regione preservare la continuità territoriale anche attraverso il mantenimento del servizio pubblico di collegamento. La Regione Puglia ha inteso disattendere, a tale obbligo, affidando il collegamento pubblico e una parte del suo territorio (Isole Tremiti) ad altro soggetto amministrativo: La Regione Molise. Il sud Gargano, il tavoliere e il sub-appennino si sono visti sottrarre un importante servizio per il settore turistico. Lo sanno bene tutte le attività ricettive che, nel corso di questi ultimi anni, hanno visto venir meno un cospicua fetta di mercato e di ospiti che sceglievano Manfredonia, Mattinata, San Giovanni Rotondo, Monte Sant’Angelo etc. per la loro vicinanza al porto di partenza per le Isole. Una ulteriore questione da addebitare all’incapacità politico amministrativa o altro?

Al danno poi si aggiunge anche la beffa. Nella riorganizzazione dei compartimenti marittimi, il ministero competente ha estromesso le Isole Tremiti dalla Capitaneria di Porto di Manfredonia (compartimento marittimo di Puglia e Basilicata), annettendola a Termoli, inserito nel neo nato compartimento marittimo di Pescara. Altri uffici da gestire, risorse umane, ammiragli e tutto ciò che ruota intorno. Una mossa non proprio “vocata” alla razionalizzazione delle risorse.

Le Isole Tremiti rappresentano una risorsa che, se ben promossa e gestita, ritornerebbe ad essere, come nel passato, volano per produrre apprezzabili risorse economiche, oltre che agli isolani e al Molise, anche per gli imprenditori del Gargano e della capitanata. Non risultano iniziative, della Camera di Commercio di Foggia e/o di Campobasso, utili alla valorizzazione di tale risorsa. Forse troppo distanti dalla costa per comprendere le potenzialità del mare, quale strumento di reddito ed elemento di unione, oltre che fonte di vita.

Considerato che oggi da Foggia viene offerto un servizio a mezzo elicottero dove il costo del biglietto per una famiglia di due adulti e due bambini è oltre 390 Euro, e per corsa non può portare più di 9 passeggeri (una piccola nave ne porta circa 300 per corsa) sorgono alcuni quesiti: il collegamento con le isole tremiti a mezzo elicottero, quanto costa alla collettività? Al netto del finanziamento pubblico quale sarebbe il risultato economico della società che gestisce il servizio? Quanti posti di lavoro produce questo servizio? Con il collegamento marittimo quale era l’indotto diretto e indiretto e quali i costi benefici per la collettività?

(A cura di Pino Delle Noci)

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Delle Noci: Isole Tremiti, opportunità sottratta al territorio ultima modifica: 2014-07-21T13:57:54+00:00 da Pino Delle Noci



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • molo di levante


  • Imbuto di Gambuto

    Devo dissentire anche se condivido il pensiero del buon Pino. Il motivo principale è che siamo tutti cittadini del modo o almeno cittadini d’Euorpa, come minimo, siamo cittadini d’Italia. Logisticamente hanno fatto una decisione saggia. Onestamente, come padre di tutti gli italiani, avresti fatto la stessa cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This