Economia
Nota stampa

CGIA: “Case di lusso al top a Firenze e Genova”

In termini assoluti, comunque, dopo Firenze e Genova segnaliamo lo score di Milano, che ne presenta 4.210, di Roma con 4.198 e di Torino con 4.192


Di:

Roma. Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all’anno di Imu, Firenze e Genova sono le province dove la concentrazione è più alta sia in termini assoluti sia come incidenza ogni 10.000 immobili ad uso abitativo presenti in quelle aree. A monitorare il numero e la ripartizione geografica delle abitazioni signorili, delle ville e dei castelli presenti nel nostro paese è l’Ufficio studi della CGIA. In cima a questa singolare graduatoria troviamo la provincia di Firenze con 6.488 abitazioni di lusso equivalenti a 126,6 abitazioni di pregio ogni 10.000. Segue la provincia di Genova che ne conta 6.175 (111,6 ogni 10.000 abitazioni). Nell’ultimo gradino del podio compare Trieste: la provincia giuliana presenta 1.224 abitazioni di lusso e 85,8 ville/palazzi ogni 10.000 abitazioni.

In termini assoluti, comunque, dopo Firenze e Genova segnaliamo lo score di Milano, che ne presenta 4.210, di Roma con 4.198 e di Torino con 4.192. Le province meno “coinvolte” a livello nazionale sono quelle di Potenza e di Oristano che presentano rispettivamente 5 e 4 immobili di pregio. A livello regionale, infine, sono gli immobili di lusso presenti in Lombardia a garantire il gettito Imu più “pesante”, con 17,8 milioni. Seguono la Toscana con 13,5 milioni e il Lazio con 12 milioni di euro.

CGIA: “Case di lusso al top a Firenze e Genova” ultima modifica: 2015-10-21T19:31:57+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This