Manfredonia
Svoltosi presso la Fenice - Expo a Porto Marghera (Venezia)

“Le grandi opportunità della pesca”, Manfredonia presente a Porto Marghera: le proposte

"Inoltre - continua Manzi - si è anche discusso delle proposte avanzate dai sindacati per rivalutare le date del fermo pesca stabilite per i compartimenti marittimi italiani"


Di:

Porto Marghera/Manfredonia. “LAVORO dignitoso, cibo di qualità, sostenibilità ambientale”: queste le tematiche principali del convegno “Le grandi opportunità della pesca“, svoltosi presso la Fenice – Expo a Porto Marghera (Venezia). Al convegno hanno partecipato i rappresentanti nazionali della Flai Cgil Sara Palazzoli, della Uila Uil Enrica Mammuccari, della Fai Cisl Silvano Giangiacomi. Presenti inoltre il Sottosegretario del Mipaaf (Ministero Sottosegretario di Stato del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali) on. Giuseppe Castiglione, la parlamentare del Pd Laura Venitelli, il presidente dell’osservatorio nazionale della pesca Emanuele Sciacovelli. Presente anche una delegazione della Fai Cisl di Manfredonia, alla presenza del segretario cittadino Alberto Gatta e di iscritti al compartimento marittimo sipontino, e il coordinatore provinciale della Fai Cisl pesca Michele Manzi.

“Un ottimo convegno e che ha posto al centro problematiche basilari per il settore pesca – spiega Manzi a Stato Quotidiano – Un convegno che ha messo in risalto anche lo spirito di collaborazione ed unità tra le varie rappresentanze sindacali”. Tra le tematiche affrontate durante l’incontro: le azioni di contrasto contro la perdita negli ultimi anni di circa 18.000 addetti nel settore, che ad oggi conta su circa 30.000 unità e 15.000 imbarcazioni. “Tra le cause principali di questo calo – spiega Manzi – le restrizioni normative nel settore imposte dai regolamenti UE”. Nel corso del convegno si è discusso anche dell’importanza di “regole definite nel settore per preservare il principio della legalità; la garanzia della tracciabilità per i prodotti importati dall’estero; la rilevanza dei dettati della Legge 81/2006 ‘Interventi urgenti per agricoltura, agroindustria e pesca. DM 38552 del 04/05/2006’ e la necessità di introdurre anche nel settore pesca le indennità previste nell’ambito della CISOA. Cassa Integrazione Salariale Operai Agricoli”.

“Inoltre – continua Manzi – si è anche discusso delle proposte avanzate dai sindacati per rivalutare le date del fermo pesca stabilite per i compartimenti marittimi italiani”. Come emerge dalle conclusioni del segretario nazionale della FAI CISL Silvano Giangiacomi: “prossima l’istituzione di un tavolo tecnico presso il Mise per la ricerca di celere soluzioni relative ai diversi punti discussi nell’ambito del convegno”. A tal proposito prevista ad inizio 2016 una conferenza in una località del Mediterraneo, “per riflettere sulle modalità di rilancio del settore pesca mediante l’attivazione di una rete unitaria per la salvaguardia della qualità del prodotto e del lavoro”.

FOTOGALLERY

Redazione Stato Quotidiano@riproduzioneriservata

“Le grandi opportunità della pesca”, Manfredonia presente a Porto Marghera: le proposte ultima modifica: 2015-10-21T11:00:06+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • pescatore

    La categoria dovrebbe ringraziare pubblicamente il signor Gatta Alberto per tutto quello che fa per la pesca a Manfredonia,a differenza di altre persone lui sa cosa vuol dire lavorare in mare ed è persona sensibile ai problemi della pesca sipontina.Grazie Alberto a nome di tutta la categoria della piccola e anche della grande pesca,grazie di cuore Alberto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This