Cronaca
"Maglie sia libera di ricordare che si nasce maschio e femmina e che ogni bambino ha diritto a mamma e papà: ciò non offende e non discrimina nessuno"

Sarà ancora possibile dire mamma e papà? Caroppo replica ad Arcigay

"Il gender esiste eccome: dai palinsesti tv alle aule parlamentari, dai tribunali alle scuole, è sotto gli occhi di tutti "


Di:

Bari. ” Le polemiche sollevate da Arcigay e SEL sul convegno “Sarà ancora possibile dire mamma è papà?” previsto a Maglie per la prossima settimana confermano la necessità dell’iniziativa e la sensatezza della domanda che dà il titolo alla stessa. Se nei giorni in cui nel Paese si dibatte di matrimoni e adozioni gay nonché di utero in affitto, qualcuno ritiene che vada impedito il solo interrogarsi sul se tra qualche tempo sarà ancora possibile parlare di mamma e papà, allora vuol dire che è il momento di farlo. Il gender esiste eccome: dai palinsesti tv alle aule parlamentari, dai tribunali alle scuole, è sotto gli occhi di tutti il tentativo di deformare la realtà provando a convincerci, a partire dai più piccoli e vulnerabili, che non si nasce maschio o femmina giacché il sesso sarebbe solo una costruzione sociale da abbattere per fare spazio al genere, qualcosa di variabile a piacimento e di numero indefinito. E rispetto a tanto vi è una resistenza nel popolo italiano ed in quello magliese che non ha nulla di omofobo. E’ curioso che chi, come SEL, oggi esulta per l’assoluzione dello scrittore Erri De Luca rivendicando la libertà di opinione e di espressione, pensi lo stesso giorno che questa stessa libertà vada negata ai cittadini di Maglie intenzionati solo a ribadire che si nasce maschio e femmina e che ogni bambino ha diritto a mamma e papà senza offendere né discriminare nessuno”. (Nota consigliere regionale Andrea Caroppo)

Sarà ancora possibile dire mamma e papà? Caroppo replica ad Arcigay ultima modifica: 2015-10-21T20:08:52+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This