Sport

Manfredonia calcio, pareggio a Palazzolo Acreide con “recriminazione”


Di:

siracusa_manfredonia(dailgiornaledelsicuracusa)

Siracusa-Manfredonia, azione d'attacco siciliani (foto:IlGiornaleSiracusa)

Manfredonia – UN incontro che ha concesso davvero poco allo spettacolo, quello  disputatosi oggi pomeriggio allo stadio “Scrofani Salustro” di Palazzolo Acreide (in provincia di Siracusa, a pochi chilometri da Buscemi) tra Siracusa e Manfredonia, valido per la quattordicesima giornata del campionato di calcio di seconda divisione Lega Pro. L’incontro è terminato in parità, a reti inviolate, con la squadra siciliana che ha giocato sul campo neutro di Palazzolo in modo decisamente “guardingo”, spesso attendendo l’undici ospite. Molto pericoloso il Manfredonia nei primi 45 minuti di gioco, con due incursioni sottoporta del reparto offensivo,  che hanno impensierito, e non poco, gli azzurri padroni di casa. Azzurri che non hanno però reagito ai tentativi di attacco della squadra sipontina, limitandosi in semplici azioni di contenimento e rimessa. Le cose sono cambiate nella ripresa, con la gara che ha preso decisamente un’altra linea. Il mister dei siciliani Sonzogni ha infatti reimpostato tutto il comparto dell’attacco della squadra di casa. La svolta nella gara con l’ingresso del giovane attaccante azzurro Emanuele D’ali, che ha preso le consegne da Bigatti, opaco nei primi 45 minuti di gioco. Ed è stato proprio d’Alì a sfiorare il gol, a 15 minuti dalla conclusione, superando la difesa, da destra verso sinistra, così presentandosi solo davanti all’estremo ospite Marruocco. Un Marruocco letteralmente miracoloso con la prodezza  di piedi, effettuata sul tiro del giovane attaccante siciliano. Nel secondo tempo il coach dei siciliani ha schierato anche Marco De Angelis, in attacco al posto di D’arrio. Un De Angelis che poteva diventare il match-winner di questo gara, grazie all’occasione avuto al novantesimo, con un colpo di testa che ha sfiorato il palo destro della porta. Ma è il Donia a dover recriminare  per un’azione pericolosissima in contropiede del nuovo entrato De Porras. Dopo i sei minuti di recupero concessi dall’arbitro, la partita è terminata sullo 0-0.  Siracusa a quota 24 punti, in attesa del riscatto, fuori casa, domenica prossima contro il Catanzaro dell’ex Auteri. Per il Donia ancora un pareggio, ma mai provvidenziale come in questa occasione, in considerazione della pericolosità della squadra siciliana. Domenica al Mimarare è attesa l’Aversa Normanna, squadra diretta concorrente del Donia nella corsa per la salvezza nel girone.

Manfredonia calcio, pareggio a Palazzolo Acreide con “recriminazione” ultima modifica: 2009-11-21T21:21:04+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This