Edizione n° 5372

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

LAVORO Norvegia a caccia di infermieri italiani: si offrono 3500 euro e affitto pagato

L’allarme del sindacato nazionale degli infermieri, Nursing Up

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
21 Novembre 2023
Cronaca // Lavoro //
FOGGIA – In Italia mancano 175 mila infermieri, gli ospedali sono cronicamente in difficoltà. Ma le cose sono destinate a peggiorare se è vero, come è vero, che è in corso ormai una caccia agli infermieri italiani da diversi paesi d’Europa e fuori dai confini Europa. Li cercano in Svizzera, in Germania e Gran Bretagna, li vogliono negli Emirati Arabi e ora, l’ultima notizia, è che anche dalla Norvegia piovono offerte allettanti.
Offerte di lavoro super

Stipendi fino a 3500 euro netti (escluse premialità), in molti casi anche affitto della casa e bollette pagate, 37,5 ore di lavoro settimanali,volo pagato dall’Italia e contratti a tempo indeterminato. La Norvegia offre contratti da sogno se si considera che in Italia un aspirante infermiere al massimo può contare su uno stipendio mensile di 1500 euro (straordinari esclusi) e che al sudatissimo contratto a tempo indeterminato ci arriva (se va bene) dopo anni di precariato. Gli annunci di lavoro sono ben visibili sul sito della società spagnola Global Working Alicante.

AAA giovani laureati cercasi

Antonio De Palma, presidente nazionale del sindacato degli infermieri Nursing Up spiega: «Il servizio sanitario pubblico norvegese si è rivolto a un’agenzia internazionale spagnola per il recruiting. E non è solo la proposta economica fino a 3.500 euro al mese ad allettare. La Norvegia apre la strada a possibili scelte per la vita interessanti. Negli ultimi tempi le proposte di lavoro dall’estero si sono fatte decisamente più aggressive e soprattutto davvero difficili da rifiutare per un nostro giovane laureato in infermieristica».

Qualcuno obietterà: 3500 euro netti al mese in città certo come Oslo e Bergen, dove il costo della vita è elevato, non sono tantissimi. Se a questo si aggiunge però che il contratto è a tempo indeterminato, che affitto e bollette nella maggior parte dei casi sono pagati dal servizio sanitario norvegese, che non c’è neppure bisogno di avere pregresse conoscenze della lingua norvegese perché nel pacchetto è incluso un corso pagato, la proposta diventa irresistibile .

«Nelle selezioni sono addirittura inclusi giovani al terzo anno di infermieristica — spiega De Palma — altri paesi come la Norvegia potrebbero presto arrivare a opzionare i nostri migliori studenti, seguirli fino al completamento degli studi, pur di averli in servizio li da loro».

Campanello d’allarme

È un campanello d’allarme è sicuramente preoccupante per la sanità italiana che negli ultimi tre anni ha perso già circa 20 mila infermieri (fonte Ocse) che hanno scelto di lasciare l’Italia. Se anche i giovani laureati dovessero rispondere alle sirene dall’estero, il problema potrebbe trasformarsi in un incubo.

Fonti verificate: corriere.it //

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.