Regione-Territorio

Sblocco fondi Fas. Palese: ritardi inspiegabili


Di:

Rocco Palese (Pdl)

Rocco Palese (Pdl)

Bari – ANCORA polemiche per lo stanziamento dei fondi Fas alle regioni meridionali. Il consigliere regionale dell’Unione di Centro Carlo Laurora ha commentato: “Due giorni fa, un nulla di fatto durante la conferenza Stato-Regioni durante la quale è stata ritardata, ancora una volta, la data di sblocco dei fondi. La Puglia attende ancora 3,2 miliardi di euro e altre Regioni vivono ancora nell’attesa che vengano sbloccati non solo i Fas ma anche i Piani di attuazione regionale: una situazione preoccupante che appesantisce la già difficile situazione del Sud Italia. Ci troviamo ancora in una situazione di stasi, una situazione in cui a pagarne le conseguenze è come sempre il Sud. Il governo nazionale cerchi di comprendere in maniera repentina la rilevanza di tali stanziamenti e acceleri l’iter per sbloccarli”.Anche sul fronte agricoltura la situazione non pare delle migliori: “il governo ha promesso di stanziare 1,1 miliardi per il comparto agricolo ma le regioni ribattono che solo 80 milioni sarebbero i fondi reali. Non si è riusciti a garantire la copertura finanziaria assicurativa per gli anni 2010, 2011 e 2012, non è stata attivata la sospensione o moratoria dei pagamenti contributivi e per l’accesso al credito sono stati stanziati soltanto 20 milioni di euro. I fondi promessi dal governo sono insufficienti a placare le proteste degli operatori del settore e a porre rimedio alle annose questioni che colpiscono l’intero comparto. Considerare i problemi del Mezzogiorno e erogare soldi veri per la ripresa e lo sviluppo costituiscono, dunque, le basi sulle quali ripartire per rilanciare il nostro Sud”. Il capogruppo di Forza Italia – PdL in Consiglio regionale, Rocco Palese, ha aggiunto: “Se c’è qualcuno che ha la coda di paglia quello è proprio il Presidente Vendola. Ed è lunga centinaia di milioni di chilometri, proprio come le centinaia di milioni di euro del vecchio Fas che giacciono colpevolmente nei cassetti della Regione e dei quali non ha neanche speso ma solo impegnato appena il 16%.Capiamo che il Presidente sia stanco, nervoso e provato dalle molte sue vicende e come sempre in questi momenti scade nel rancore e nella volgarità politica e verbale avendo sempre e solo un obiettivo: Raffaele Fitto.Vendola sa bene che il Fas della Puglia arriverà insieme con quelli delle altre Regioni. Ma non è evidentemente così urgente per lui avere soldi in cassa visto che non spende quelli che ha.Risponda piuttosto a Maniglio che gli chiede conto del disimpegno di decine di milioni di euro per investimenti dell’Acquedotto Pugliese e risponda a noi che da mesi gli chiediamo: se ha cantieri da aprire perché non li apre con i soldi del vecchio Fas che ha nei cassetti da anni? E quali sono questi cantieri che potrebbero aprire anche domani? Vendola attacca per difesa, perché s ache ha fallito, perché è incattivito dal fatto che anche i suoi partiti di maggioranza gli dicono che ha fallito, perché non sopporta che ci si voglia liberare di lui. Ma stavolta il nemico non siamo noi né Fitto, il nemico è in casa sua”.Il consigliere regionale dell’Unione di Centro Carlo Laurora torna sulla questione dello stanziamento dei fondi Fas alle regioni meridionali in grave e pesante difficoltà economica e occupazionale.

“Due giorni fa, un nulla di fatto durante la conferenza Stato-Regioni durante la quale è stata ritardata, ancora una volta, la data di sblocco dei fondi. La Puglia attende ancora 3,2 miliardi di euro e altre Regioni vivono ancora nell’attesa che vengano sbloccati non solo i Fas ma anche i Piani di attuazione regionale: una situazione preoccupante che appesantisce la già difficile situazione del Sud Italia. Ci troviamo ancora in una situazione di stasi, una situazione in cui a pagarne le conseguenze è come sempre il Sud. Il governo nazionale cerchi di comprendere in maniera repentina la rilevanza di tali stanziamenti e acceleri l’iter per sbloccarli.
Anche sul fronte agricoltura la situazione non pare delle migliori: il governo ha promesso di stanziare 1,1 miliardi per il comparto agricolo ma le regioni ribattono che solo 80 milioni sarebbero i fondi reali. Non si è riusciti a garantire la copertura finanziaria assicurativa per gli anni 2010, 2011 e 2012, non è stata attivata la sospensione o moratoria dei pagamenti contributivi e per l’accesso al credito sono stati stanziati soltanto 20 milioni di euro. I fondi promessi dal governo sono insufficienti a placare le proteste degli operatori del settore e a porre rimedio alle annose questioni che colpiscono l’intero comparto. Considerare i problemi del Mezzogiorno e erogare soldi veri per la ripresa e lo sviluppo costituiscono, dunque, le basi sulle quali ripartire per rilanciare il nostro Sud”.
Sblocco fondi Fas. Palese: ritardi inspiegabili ultima modifica: 2009-12-21T10:53:08+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This