Edizione n° 5306
/ Edizione n° 5306

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Falesie, Introna: un tavolo per supportare Capitanerie e Comuni

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
22 Maggio 2014
Gargano // Manfredonia //

Bari – “SULLO stato di degrado di ampi tratti della costa pugliese la Regione si faccia carico di un ruolo di coordinamento, collegando i diversi soggetti compenti e favorendo la valutazione complessiva del problema. Dobbiamo agire da collante, per agevolare il confronto di Capitanerie, Amministrazioni Comunali e tutte le strutture regionali interessate”. È la proposta del presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna: un tavolo permanente che veda insieme la Marina Militare e i Comuni, i servizi della Regione al demanio, all’urbanistica, alle opere pubbliche e la Protezione civile, col supporto tecnico dell’Autorità di Bacino.

È l’ennesimo nodo in materia idrogeologica che va risolto aprendo canali di dialogo e di collaborazione interistituzionale, secondo Introna. “Ci sono esigenze di sicurezza da tenere presenti – dichiara – quella, innanzitutto, di persone, natanti, attività di pesca professionale e amatoriale, la cui priorità viene giustamente segnalata nelle ordinanze di chiusura di zone costiere adottate da Capitanerie di Porto e Sindaci. Con la stessa urgenza, c’è da tenere conto della stagione estiva che avanza e delle preoccupazioni che impensieriscono legittimamente il sistema turistico pugliese”. Non avendo competenze dirette sull’uso della costa ai fini della balneazione e del turismo, la Regione può però promuovere un livello di intesa per mettere in sicurezza le zone litoranee. Si tratta di supportare la Marina e i Comuni nell’adozione di decisioni che salvaguardano la vita umana e lo sviluppo delle attività economiche interessate. E nella pianificazione dei fondi europei 2014-2020, la Regione dovrebbe tenere presenti interventi di difesa delle coste, come ha fatto in materia di difesa del suolo.

“Penso, inoltre, che sarebbe corretto affrontare il fenomeno erosione non su scala regionale, ma rispetto alla singola falesia o costone interessato da crolli. È evidente che si passerebbe da una scala di centinaia di metri, perfino chilometri, a sezioni di poche decine di metri da interdire alla balneazione, al diporto e alla pesca. I divieti riguarderebbero porzioni più ridotte di litorali. Ma anche questo è un punto di vista da mettere a confronto in sede di coordinamento”.

Fonte: garganoandfriends.blogspot.com

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.