Cronaca

Otranto, denunciato professionista, non dichiarati 2.3 mln ricavi


Di:

Pattuglia di servizio Guardia di Finanza (statoquotidiano)

I Finanzieri della Compagnia di Otranto hanno eseguito una verifica fiscale nei confronti di un architetto, il quale, nel presentare le dichiarazioni annuali dei redditi, IVA ed IRAP per gli anni dal 2008 al 2012, ha sottratto a tassazione, complessivamente, ricavi per oltre 2 milioni e 300mila euro ed evaso IVA per oltre 250mila euro.

L’attività operativa ha preso le mosse da una segnalazione dei militari della Sezione Operativa Navale di Otranto, che, nell’ambito del controllo economico del territorio finalizzato all’individuazione di beni indicativi di capacità contributiva, avevano rilevato i dati di un’imbarcazione da diporto, del valore di circa 100.000 euro, ormeggiata nel porto idruntino, intestata al professionista.

I successivi approfondimenti avevano fatto emergere la precedente titolarità di altra analoga imbarcazione del valore di oltre 600.000 euro.

L’analisi degli elementi così acquisiti, ad opera dei militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Otranto, evidenziava l’evidente e significativa sproporzione tra la manifestata capacità contributiva e i redditi esposti in dichiarazione dal medesimo professionista.

Infatti, al termine dell’articolata attività a carattere fiscale, protrattasi per quasi un anno, confortata anche dall’esito di complesse “indagini finanziarie”, le Fiamme Gialle sono riuscite a quantificare quanto nascosto al Fisco.

Inoltre, i Finanzieri hanno denunciato il professionista alla Procura della Repubblica di Lecce per le violazioni alla normativa penale tributaria, con riferimento alle dichiarazioni infedeli e all’occultamento di documenti contabili.

Redazione Stato

Otranto, denunciato professionista, non dichiarati 2.3 mln ricavi ultima modifica: 2013-06-22T12:23:03+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This