Cronaca

Vieste, eseguiti 4 arresti da A.G


Di:

Esterno Tribunale di Foggia (St@)

Vieste – Sono è stati tratti in arresto VESCERA Gaetano, classe ’81, SCELSI Domenico, classe ’76, del luogo, e PAFUNDI Amedeo, classe ’63.

VESCERA è stato arrestato in esecuzione di ordinanza di aggravamento di misura cautelare, emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Foggia. Il provvedimento scaturiva dalle reiterate violazioni delle prescrizioni imposte dalla precedente misura cautelare degli arresti domiciliari, cui il prevenuto era sottoposto per il reato di atti persecutori in pregiudizio di una donna del luogo, accertate e segnalate all’Autorità Giudiziaria competente dalla Tenenza di Vieste.

SCELSI Domenico, classe ’76, invece, in esecuzione di ordine per l’espiazione di pena, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, dovendo espiare la pena di mesi 4 di reclusione, in regime di detenzione domiciliare, per il reato di resistenza a Pubblico Ufficiale, commessa nel mese di giugno 2010 in Vieste. Vescera è stato tradotto in carcere a Foggia.

Anche PAFUNDI Amedeo è stato tratto in arresto in esecuzione di ordine per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone – Ufficio Esecuzioni Penali, dovendo espiare la pena di 11 mesi di reclusione, per il reato di spendita di monete false, con l’aggravante della recidiva, commesso nel mese di marzo 2011 in Paliano (FR). L’arrestato è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Foggia.

Infine, a Peschici, è stato tratto in arresto VESCERA Lazzaro, classe ‘69, del luogo, in esecuzione dell’ordine per l’espiazione di pena, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, dovendo espiare la pena di mesi 1 di reclusione, in regime di detenzione domiciliare, per il reato di guida in stato di ebbrezza alcolica, commessa nel mese di febbraio 2009 in Vieste.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

 

Vieste, eseguiti 4 arresti da A.G ultima modifica: 2013-06-22T11:43:03+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This