CronacaFoggia

Anniversario bombardamenti Foggia, Piemontese: sostegno a Comitato civico


Di:

"Quando Foggia fu bombardata”; stamane il discorso delle autorità in piazza Italia per commemorare le vittime dei bombardamenti del luglio 1943(st@)

Foggia – “IL modo migliore per commemorare e onorare i nostri concittadini uccisi dai bombardamenti del 1943 è continuare ad affermare la forza della libertà, della solidarietà, della fratellanza. La forza della PACE. Onore ai caduti, onore ai cittadini di Foggia”. Lo ha detto stamane il Presidente del Consiglio comunale Raffaele Piemontese, nel suo discorso pronunciato in piazza Italia per commemorare le vittime dei bombardamenti del luglio 1943.

“Sono trascorsi 69 anni da quel tragico 22 luglio che devastò la nostra città e straziò le carni e gli animi di migliaia di nostri concittadini. Oggi ricordiamo un bombardamento, come pochi ne sono stati registrati dalle cronache della Seconda Guerra Mondiale, e commemoriamo i nostri morti con commozione profonda e sentita partecipazione. 22mila furono le inermi vittime cadute sotto la furia devastante della guerra; 7mila persero la vita nella sola giornata del 22 luglio. Altre migliaia i feriti in quella funesta estate del ’43 e attorno a loro una città muta, attonita, devastata e sfregiata per sempre: Foggia divenne un cumulo di macerie, la sua storia cancellata quasi del tutto, la sua memoria collettiva inevitabilmente lacerata”.

“Il tempo ha cancellato la disperazione, ma non la costernazione per i morti, i feriti, i senzatetto, gli affamati da quelle incursioni aeree, quelle esplosioni, quei mitragliamenti. La riflessione sulla guerra, sulla ferocia dei bombardamenti, non deve farsi influenzare da parziali posizioni politiche o dall’infruttuoso dibattito ideologico. Ciò che conta davvero è cosa accade nella vita reale delle popolazioni coinvolte; è restituire un’identità, un volto, un nome, una storia alle persone nascoste dietro le statistiche e le lapidi commemorative”.

“Noi oggi ricordiamo quei volti che si smarrirono tra i fumi delle esplosioni, quelle voci che si spensero tra le rovine delle macerie, affinché il loro ricordo sia un mònito concreto e perenne a quanti fossero così pazzi da ritenere ancora giustificabile la guerra come strumento politico. Anche e soprattutto a nome del sindaco Gianni Mongelli che di queste celebrazioni è artefice e motore principale e che esprime a voi tutti partecipe e affettuosa vicinanza, oggi voglio ribadire tutto il sostegno dell’Amministrazione comunale all’encomiabile iniziativa del Comitato civico che si è costituito per promuovere l’edificazione di un monumento in memoria delle vittime”.

“I simboli sono indispensabili alla memoria, la memoria è indispensabile all’identità di una persona e di una comunità.
La memoria di quei tragici eventi è ancor più necessaria alla costruzione di un futuro fondato sulla pace e la libertà.
Parole vive e vitali, valori quanto mai indispensabili che ancora oggi, purtroppo, sono sconosciuti o negati a milioni di persone nel mondo”.


Redazione Stato@riproduzione riservata

Anniversario bombardamenti Foggia, Piemontese: sostegno a Comitato civico ultima modifica: 2012-07-22T11:11:40+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This