Edizione n° 5339

BALLON D'ESSAI

AL VOTO  // Sostenibilità a tutto tondo. L’idea di paese per Filippo Barbano
17 Maggio 2024 - ore  15:14

CALEMBOUR

MATTINATA // Gianfranco Prencipe assolto da ricettazione targhe di nazionalità tedesca. Virale dopo videoclip
15 Maggio 2024 - ore  11:07

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Fiat: Marchionne a Passera, in Brasile lo Stato ci aiuta

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
22 Settembre 2012
Regione-Territorio //

L'ed Fiat, Sergio Marchionne (ilsussidiario.net)
ALLA vigilia dell’incontro di domani su Fiat, Sergio Marchionne manda il suo messaggio al Governo italiano: sapete perché Fiat va bene in Brasile? Perché può godere di generosi finanziamenti statali e agevolazioni fiscali. L’ad di Fiat lo ha scritto oggi in una nota, rivolta in particolare al ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera: “Non sarà sfuggito al ministro – scrive Marchionne – che il Governo brasiliano è particolarmente attento alle problematiche dell’industria auto. Sono sicuro che il ministro sappia che le case automobilistiche che vanno a produrre in Brasile possono accedere a finanziamenti e agevolazioni fiscali”.

“In particolare – ha spiegato Marchionne – per lo stabilimento nello stato di Pernambuco, in corso di costruzione, la Fiat riceverà finanziamenti sino all’85% su un investimento complessivo di 2,3 miliardi di euro. A questi si aggiungeranno benefici di natura fiscale, quando sarà avviata la produzione di automobili, per un periodo minimo di 5 anni. Per quanto riguarda la Fiat – ha concluso Marchionne – l’ultima operazione del genere in Italia si è verificata all’inizio degli anni novanta per lo stabilimento di Melfi. Sappiamo bene che, considerando l’attuale quadro normativo europeo, simili condizioni di finanziamento non siano ottenibili nell’ambito dell’Unione Europea”.

Secondo i dati della Cgia di Mestre, gli impianti produttivi Fiat di Melfi, in provincia di Potenza, e di Pratola Serra, in provincia di Avellino, sono costati tra il 1990 e il 1995, alle casse dello Stato italiano quasi 1,28 mld di euro. In generale a partire dal 1977 la Fiat ha ricevuto dallo Stato circa 7,6 miliardi di euro e ne ha reinvestiti, dal 1990, circa 6,2 miliardi.

Ieri, il ministro Passera, aveva dichiarato che “non sta scritto da nessuna parte che in Europa non si può guadagnare costruendo automobili, tanto è vero che si contano diversi casi positivi e di successo. Sono certo che Fiat abbia la volontà di produrre con successo anche in Italia e in Europa”.

Arrivano subito i commenti politici alle parole di Marchionne. “Ammortizzatori sociali per le oligarchie: sono gli unici che gli piacciono”, è il commento di Nichi Vendola, leader di Sel, alle frasi dell’ad sul fatto che il mercato dell’auto va bene se ci sono aiuti statali. Cesare Damiano, del Pd, si domanda invece se “il Marchionne che ricorda a Passera che Fiat va bene dove gli stati aiutano il settore auto è lo stesso che ha sempre rivendicato di non voler chiedere risorse pubbliche dall’Italia? Bisogna che ci mettiamo d’accordo, anche perché siamo convinti che il ruolo dello Stato sia fondamentale per sostenere l’innovazione dei prodotti. Se convergiamo tutti sulla necessità di avere, anche nel nostro paese, una politica industriale per i settori strategici avremo fatto un passo avanti. Del resto, l’azienda torinese ha ricevuto dalla banca europea degli investimenti 350 milioni di euro, a vantaggio di Fiat industrial, proprio per l’innovazione”.

Fonte Rassegna

1 commenti su "Fiat: Marchionne a Passera, in Brasile lo Stato ci aiuta"

  1. Se la Fiat riesce a vendere solo grazie agli incentivi, mi sa tanto che Fiat non faccia delle gran macchine, forse degli ottimi macinini, ma non buone macchine. E se lo dice Marchionne bisigna credergli
    “perche’ Marchionne e’ uomo d’onore”!

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.