Regione-Territorio

Licenziamenti Tributi Italia: analisi della commissione al Consiglio regionale


Di:

tributiitaliaproteste (immagine d'archivio by Teleradiopace)

tributiitaliaproteste (immagine d'archivio by Teleradiopace)

Bari – DOPPIO impegno per la commissione lavoro al Consiglio regionale presieduta da Carlo De Santis. Due le questioni sul tavolo: la procedura di mobilità per 90 lavoratori avviata dall’azienda “Cofra” di Barletta, leader nel campo delle calzature anti-infortunistiche e il rischio della perdita del lavoro per centinaia di dipendenti di Tributi Italia spa, la società che riscuote tributi per conto di molti Comuni italiani, anche in seguito al ‘congelamento’ della radiazione dall’albo dei riscossori italiani, dopo una circolare del ministero dell’Economia. A Bari sono stati ascoltati prima i rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl e Uil che hanno contestato la scelta dell’azienda di Barletta di eliminare il settore produttivo conservando unicamente il profilo della commercializzazione. Una cessione di attività che nonostante la mobilitazione interna già attuata, non è stata in grado di garantire il totale assorbimento dei lavoratori in esubero. Alla seduta sono intervenuti il consigliere di Sinistra e Libertà Michele Ventricelli – che ha sollecitato la questione – e il consigliere Gianmario Zaccagnino, d’accordo con il presidente De Santis a coinvolgere l’assessore al lavoro Losappio per sollecitare l’intervento della Task force per l’occupazione della Regione Puglia. La proposta avanzata dai sindacati e condivisa dai rappresentanti aziendali, è quella di  chiedere la proroga di un altro mese della cassa integrazione in deroga. Questo per consentire ai sindacati di discutere gli ammortizzatori straordinari nel tavolo con la Provincia fissato per il 13 gennaio prossimo. “Un allungamento possibile – hanno spiegato – in quanto l’azienda avrebbe usufruito dell’ammortizzatore sociale a partire da febbraio 2009, e non da gennaio come previsto dalla legge”.  Produttivo il confronto, secondo De Santis, che ha sottolineato l’importanza di avviare percorsi condivisi tra azienda e Regione “che dispone di competenze ad hoc e di risorse a cui attingere per arginare la situazione”. “Lo spirito che ci ha mosso – ha concluso il presidente della commissione – è quello di aprire un confronto su questa vicenda, sulla quale è bene che si accenda l’interesse pubblico”. All’attenzione della commissione è stata sottoposta anche la questione di “Tributi Italia” e dei circa 250 dipendenti pugliesi che rischiano il posto di lavoro. Una controversia che il consigliere Piero Manni ha sottoposto all’attenzione del presidente De Santis. La situazione di questa società si è aggravata con la cancellazione dall’albo speciale del ministero dell’Economia a seguito della quale, Cisl e Cgil hanno richiesto un intervento tempestivo a tutela dei lavoratori. Sono centinaia infatti le persone che in caso di licenziamento, non usufruirebbero  degli ammortizzatori sociali previsti per le altre categorie e a favore dei quali  il consigliere Manni ha proposto un emendamento da portare in Bilancio.

Licenziamenti Tributi Italia: analisi della commissione al Consiglio regionale ultima modifica: 2009-12-22T04:45:09+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This