Regione-Territorio

Sindacati incontrano Regione per internalizzazione all’Asl


Di:

Corridoio Pediatria (immagine by Stato)

Corridoio Pediatria (immagine by Stato)

Bari – UNA rappresentanza di lavoratori delle Asl appartenenti a Cobas e RdB ha manifestato dinnanzi all’ingresso del palazzo del Consiglio regionale per sollecitare le conclusioni delle procedure di internalizzazione dei dipendenti dei servizi di ausiliariato all’Asl. La delegazione sindacale è stata ricevuta dai capigruppo consiliari e dal presidente del Consiglio, Pietro Pepe. Nell’incontro hanno chiesto a opposizione e maggioranza di portare a termine il progetto di internalizzazione dei servizi in tutte le Asl pugliesi, per uscire dalla precarietà e riacquistare dignità di uomini e di lavoratori.I rappresentanti sindacali hanno sottolineato l’importanza del progetto che riqualifica il personale, per rispondere appieno alle esigenze dell’utenza e al risparmio delle risorse economiche. Le organizzazioni sindacali hanno ribadito che l’internalizzazione dei servizi consentirebbe di evitare la fase di intermediazione tra l’azienda privata e l’Asl, alla quale, oggi, qualsiasi problematica è sottoposta sempre e comunque, provocando dei ritardi anche quando c’è l’esigenza di una risoluzione immediata.Al termine dell’incontro il presidente Pepe, ha rassicurato i sindacati, impegnandosi a fornire risposte concrete sul percorso del processo di internalizzazione. Procedimento per la risoluzione del problema, ddl per internalizzazione 7mila addetti: “obbligo per gli appaltatori sanitari all’utilizzo del personale già assunto dalla precedente impresa o società affidataria”. Questa la norma, che è stata inserita nella legge omnibus predisposta dall’assessore Tommaso Fiore, con la quale la Regione Puglia cercherà di risolvere il problema delle internalizzazioni dei servizi sanitari del territorio. Il disegno di legge dovrebbe essere discusso nel corso delle festività natalizie, per discutere di un processo che riguarda la posizione di 7mila addetti da internalizzare , per un costo di circa 310 milioni di euro l’anno. Ma, in ogni modo, prima di poter procedere all’assunzione dei lavoratori la Regione dovrà cercare di fronteggiare le opposizioni dei consiglieri della stessa Giunta, nonchè i ricorsi del Tar. La norma inserita nell’articolo 25 del ddl (fonte: GazzettadelMezzogiorno) sarà utile per superare il limite imposto (per la internalizzazione dei lavoratori) derivante dall’obbligo di consorso pubblico per la selezione del personale: un limite al quale si potrebbe ovviare bbligando le nuove società controllate dalle Asl ad assumere lo stesso personale delle cooperative. Sono attualmente in atto dei ricorsi delle cooperative del territorio contro la Sanità-service, vale a dire la società ‘in house’ dell’Asl di Foggia, tramite la quale sono stati assunti finora 500 addetti. Da parte della Regione l’assicurazione che l’internalizzazione prevista dei lavoratori sarà realizzata tramite i possibili risparmi ottenibili.

Sindacati incontrano Regione per internalizzazione all’Asl ultima modifica: 2009-12-22T19:41:22+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This