Edizione n° 5343

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

DISTRUTTA Chiara Ferragni, la procura di Milano apre un fascicolo anche sulle uova di Pasqua

Secondo indiscrezioni l'influencer sarebbe distrutta e da giorni non uscirebbe di casa

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
22 Dicembre 2023
Hot motori // Live //

MILANO – Non solo il pandoro di Balocco. Accertamenti arrivano anche per le uova di Pasqua rosa frutto della collaborazione tra Chiara Ferragni e Dolci Preziosi.

La procura di Milano, nella persona di Eugenio Fusco, ha autorizzato il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza a condurre ulteriori indagini. Al momento, non ci sono né indagati né titolo di reato.

La società, intanto, se è già lavata le mani, dichiarando di non avere responsabilità nel caso. Secondo quanto dichiarato da Cerealitalia, proprietaria del marchio Dolci Preziosi, Chiara Ferragni avrebbe ricevuto un compenso di 500mila euro nel 2021 e di 700mila euro nel 2022, in cambio di una donazione di 36 mila euro a “I bambini delle Fate”, una associazione che supporta bimbi affetti da autismo e disabilità.

LE UOVA E LA BENEFICENZA

L’uovo era venduto a prezzo normale, non maggiorato come il pandoro di Balocco. Sulla confezione la scritta “Sosteniamo i bambini delle fate”. Insomma, uno schema del tutto simile a quello utilizzato per il dolce natalizio.

Ora la Gdf dovrà verificare se sono riscontrabili degli illeciti anche in questa operazione commerciale legata alla beneficenza. Tutto questo avrà conseguenze per il settore? Per le associazioni di fundraising la risposta è comunque no.

Fonte: gamberorosso

“Effetti così negativi non li vedo- dice il primo- questa situazione mette maggiormente in attenzione sia noi delle organizzazioni sia l’opinione pubblica. Credo che questa sappia valutare le cose che vengono raccontate e se vengono raccontate nel modo giusto. E se quello che si dice si può mantenere”.

Dello stesso parere la Bruzzolo: “Non credo ci saranno effetti boomerang, credo ci siano per gli attori in gioco ma non più di tanto per il terzo settore. S

pero ci sia un effetto di maggior consapevolezza da parte dei donatori e dei consumatori, che si preoccuperanno un po’ di più di andare a vedere cosa c’è dietro un prodotto che si dichiara solidale e dall’altra una maggiore tensione da parte delle organizzazioni di elaborare il miglior accordo possibile con le aziende.

Spero che quest’ultime sentano sempre di più il bisogno della figura del foundraiser che diventa garante della bontà dell’operazione”.

Chiara, dal canto suo, dopo il video di scuse pubblicato su Instagram, si è chiusa in un religioso silenzio social e da giorni non uscirebbe di casa.

“È distrutta, ho parlato con un suo amico che mi ha detto che non esce di casa da giorni. Secondo me in questo momento fa bene a stare zitta, solo il tempo ci dirà come andrà a finire perché il danno d’immagine che ha avuto è enorme”, ha rivelato l’esperta di moda Mariella Milani, ex caporedattrice della direzione del Tg2.

Fonti verificate: DIRE //

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.