Edizione n° 5253

BALLON D'ESSAI

TRUFFA // Ferragni, casi Oreo e Dolci Preziosi: acquisiti nuovi documenti
21 Febbraio 2024 - ore  19:29

CALEMBOUR

CLANDESTINI // Salento, ha una relazione clandestina con la zia ma lei lo denuncia dopo essere stata lasciata: “Mi ha costretta”
21 Febbraio 2024 - ore  10:01
/ Edizione n° 5253

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

MAESTRO Andrea Trotta: “La triste assenza dei Carri continua a segnare il Carnevale di Manfredonia”

Figlio di Matteo Trotta, celebre maestro cartapestaio, scultore, pittore e scenografo

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
23 Gennaio 2024
Manfredonia // Notizie in piazza //

Manfredonia. Il Carnevale di Manfredonia, da sempre arricchito dalla maestria artistica e dalla creatività di tanti artigiani e maestri cartapestai, tra cui Matteo Trotta, celebre maestro cartapestaio, scultore, pittore e scenografo, è oggi segnato da una dolorosa assenza che perdura ormai da sei anni: la mancanza dei Carri.

A raccontare questa triste realtà è Andrea Trotta, figlio di Matteo.

Nel 2018, il suo primogenito Ivan, all’età di soli 5 anni, ebbe l’opportunità di salire sul Carro del nonno durante la suggestiva “golden night” del sabato. Un’esperienza unica e totale, anche se segnata da un prezzo da pagare: il freddo intenso che lo colpì al punto da costringerlo a letto con la febbre il giorno successivo. Tuttavia, Ivan rimase incrollabile, affascinato dall’esperienza senza che freddo, fame o sete potessero distrarlo.

Da quella memorabile serata di febbraio sono passati sei anni, e la mancanza dei Carri ha divorato ogni speranza, anche quella di vedere il fratello Diego vivere una simile avventura. Per Andrea, che ha vissuto nell’ambiente dei capannoni e ha sempre dato per scontato il ruolo fondamentale dei Carri nel Carnevale, questa assenza è diventata un doloroso paradosso.

Il volto segnato dal lutto, il dolore che persiste da sei anni, sono diventati il marchio indelebile di questa mancanza nel cuore della tradizione carnevalesca di Manfredonia. Andrea riflette sulla profondità di questa perdita, sottolineando che nemmeno un libro sarebbe sufficiente per spiegare le ragioni di questo vuoto e per individuare i responsabili, sottolineando l’apparentemente interminabile caccia alle streghe.

Oggi, tra proclami e polemiche, l’attenzione si concentra sui Carri e sulla loro sorte incerta. Commenti, accuse, ipotesi e menzogne saranno sparati in ogni direzione, ma alla fine del circo mediatico, tornerà il silenzio. Un silenzio nel quale la comunità si trova sprofondata da sei anni, con il peso del lutto sulle spalle.

Resteranno solo loro, ancora una volta, a portare il peso di un lutto che non accenna a diminuire. Un lutto che colpisce chi non ha più nulla da immaginare, chi non si aspetta più nulla se non un vuoto sempre più profondo. E così, la triste assenza dei Carri continua a segnare il Carnevale di Manfredonia, lasciando la comunità in attesa di un ritorno che sembra sempre più lontano.

Il post

“Nel 2018 Ivan aveva 5 anni. Diego sarebbe nato 2 anni più tardi.
Nel 2018 Ivan salì, per la prima ed unica sua volta, sul Carro del nonno. Era la golden night del sabato, si piantò sopra e rimase lì da inizio a fine percorso. Prese così tanto freddo che il giorno dopo era a letto con la febbre. Però rimase lì, non c’era freddo, né fame e né sete che potessero distrarlo. L’esperienza che stava vivendo era unica, totale.
Da quella sera di febbraio sono passati 6 anni e il nulla si è divorato tutto. Anche le fantasie di veder salire Diego su un Carro. Lui che non sa nemmeno come sia fatto, un Carro. Un paradosso per me, che sono cresciuto nei capannoni, che fare il Carro, per me, era scontato. Perché senza il Carro, per me, il Carnevale non era Carnevale. Non lo era mai davvero. E se mancavamo un anno, in quelle tre giornate portavamo in volto il lutto di chi è costretto in panchina.
Quella faccia lì, quel lutto lì, ce lo portiamo in faccia da 6 anni. Non basterebbe un libro per spiegare perché e come siamo arrivati a tutto questo, altrettanto lungo sarebbe l’elenco dei responsabili. La caccia alle streghe non finirebbe mai.
Oggi, tra proclami e polemiche, sentiremo parlare dei Carri, di che fine hanno fatto. Si sprecheranno i commenti, le accuse, le ipotesi e le menzogne. Poi, finito il circo, tornerà il silenzio. Lo stesso nel quale siamo sprofondati tutti, da 6 anni. E rimarremo soltanto noi, ancora una volta, a portare in volto quel lutto. Quello di chi non ha più niente da immaginare. Di chi non di aspetta più nulla, se non altro vuoto. E altro vuoto ancora”. (Andrea Trotta, Manfredonia, 23 gennaio 2024).

1 commento su "Andrea Trotta: “La triste assenza dei Carri continua a segnare il Carnevale di Manfredonia”"

  1. A questo si pensa come al solito in ‘sta città: sckitt’ à festeggé e ai puttanet’.
    Se Zambredonia sta messa malissimo sotto tutti i punti di vista (economico, lavorativo, nonché proprio sociale) e così proseguirà (anzi, andrà sempre peggio), ditemi voi quale importanza possa mai avere l’assenza dei carri.
    Sono tradizioni da preservare, va bene, ma se non riusciamo a risolvere magagne ben più gravi, perché non c’è la volontà di risolverle, né di far andare al potere persone serie, ma sckitt’ ì pagliacc’j’, per rimanere in tema carnevalesco, figuriamoci se potremo mai risistemare robe più banali come questa

Lascia un commento

“Quando hai lasciato il sistema e hai preso il premio, i combattimenti sono finiti e i cacciatori si sono sciolti. Sai com’è. Sono mercenari. Non sono fanatici.” Carl Weathers (Greef Karga)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.