Edizione n° 5342

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

RICORDI Morte Gigi Riva, Pirazzini ricorda: “Un Campione, che sfide allo Zaccheria”

Pirazzini ricorda di aver incontrato Riva una decina di volte

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
23 Gennaio 2024
Cronaca // Foggia //

Foggia. Oggi, mentre la televisione rende omaggio al mito del calcio italiano con la notizia della morte di Gigi Riva, il foggiano Gianni Pirazzini rivive le sfide con il fuoriclasse del Cagliari e della Nazionale, risalendo agli anni Sessanta e Settanta, tra lo Zaccheria di Foggia e la Sardegna. «Ero a tavola con mia moglie, stavamo cenando quando lei mi ha detto che al tg avevano appena dato la notizia della morte di Gigi Riva. Ci sono rimasto di sasso: un grande dispiacere», racconta l’ex libero del Foggia, una vera bandiera con 424 presenze in maglia rossonera dal 1967 all’80.

Pirazzini ricorda di aver incontrato Riva una decina di volte, fra partite di massima serie e Coppa Italia. «Il calcio italiano perde l’attaccante più forte che abbia mai avuto, simbolo di un pallone che non c’è più. Un grandissimo campione in campo e fuori, una leggenda che vola in cielo ma che resterà indelebile, come “Rombo di Tuono”, nella memoria di tutti gli italiani».

Le grandi battaglie allo Zaccheria durante gli anni d’oro del Cagliari e le sfide con le squadre di vertice fanno parte dei ricordi di Pirazzini. «La prima volta che lo vidi nel tunnel che portava al terreno di gioco rimasi sbalordito – continua Pirazzini -. Sembrava una statua greca, dai muscoli scolpiti. Per me è stato un grande onore poterlo affrontare da avversario, cercare di contrastarlo nel gioco aereo sui calci d’angolo. Aveva una forza fisica fuori dal comune, ma anche uno spunto, un guizzo che gli permetteva rapidamente di sistemarsi il pallone sul sinistro e poi scagliarlo con grande potenza verso le porte avversarie. Il suo mancino era micidiale. Fuori dal campo è stato un grande uomo. Quando dei miei amici andavano a Cagliari a trovarlo, chiedeva loro sempre notizie di me. È sempre stato molto cordiale. Un campione in campo e nella vita».

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.