CinemaSpettacoli
Tante le contraddizioni legate al riconoscimento dell’Academy

Notte degli Oscar: un premio fuori dalle regole


Di:

Nella notte fra domenica sera e lunedì mattina si terrà uno degli eventi più attesi, lussuosi ed importanti dell’anno. È la Notte degli Oscar, i premi dell’Academy con i protagonisti pronti a rendere sfarzoso quel tanto ambito e sognato tappeto rosso in quel di Los Angeles, precisamente presso lo storico e splendido Dolby Theatre. Questa più che mai sarà l’edizione della musica, con almeno due film legati al mondo delle note che potrebbero recitare il ruolo di protagonisti, stando alle nomination ricevute ma soprattutto alla risposta del pubblico e dell’intera critica ai film usciti in sala.

Protagonisti un po’ inattesi della kermesse potrebbero essere Lady Gaga e Bradley Cooper, la coppia di A star is born, un film di che ha riscosso una grande popolarità anche attraverso l’uscita delle loro canzoni. Se le capacità canore della cantante di origini italiane erano ben note al mondo della musica, sebbene in vesti diverse e molto meno naturali, quelle del divo di Una Notte da Leoni hanno lasciato tutti esterrefatti. Il tutto, accompagnato da una storia coinvolgente ed una capacità recitativa di entrambi da applausi, tanto da meritarsi la nomination all’Oscar. Una complicità fra i due visibile sul set e, secondo i ben informati, che sarebbe continuata anche a luci spente.

Eppure, il legame fra più nomination e film vincente non è una norma, a dispetto di quello che la logica e il pensiero comune potrebbe far pensare. Per ben sei volte, negli ultimi 10 anni, il film con più nomination ha perso, Roma e The Favourite in questa edizione dunque devono prepararsi al peggio, nonostante le 10 nomination a testa ricevute dalla Academy.

Lady Gaga non può sorridere se si guarda una statistica piuttosto sconfortante: degli ultimi 10 film premiati come miglior pellicola, solo una prevedeva anche una candidatura a miglior attrice. Decisamente più influente come discriminante, nell’ottica di Oscar al miglior film, la nomination a miglior regia: quest’ultima era presente in ben sette degli ultimi dieci film premiati.

Il discorso del budget è sempre centrale nella candidatura di un film: ben cinque film quest’anno in corsa per essere la miglior pellicola hanno usufruito di un budget superiore a 9 delle ultime 10 pellicole premiate.

Ma la statistica più sorprendente riguarda il legame che intercorre i premi individuali a quelli di “squadra”. Su 118 film capaci di ottenere tre o più nomination in tali categorie, il 41% è tornato a casa senza vincerne nemmeno una e solo il 22% ha vinto più di una statuetta. Parliamo ovviamente di miglior attore protagonista e non protagonista e di miglior attrice protagonista e non protagonista. Un evento accaduto solamente due volte nella storia degli Oscar, con “Un Tram Che Si Chiama Desiderio” nel 1951 e “Quinto Potere” nel 1977: erano candidati i due film a tutte e quattro le statuette, riuscendone a portar a casa ben tre.

Notte degli Oscar: un premio fuori dalle regole ultima modifica: 2019-02-23T13:14:43+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This