Sport
Esordio positivo del pivot Cristian Vigilante

Cus Foggia, matricola bella e terribile

Terza vittoria di fila per i cussini del basket


Di:

Foggia. Terza vittoria di fila per il Cus Foggia che si conferma matricola bella e terribile del campionato di Promozione e leader del Girone A con sei punti su sei, gli ultimi dei quali conquistati sabato pomeriggio, in casa, contro la Virtus Barletta.

LA PARTITA. Gli ospiti si presentano al pronti via con una buona dose di determinazione, precisione e coraggio. Indovinano due bombe da tre punti, intervallate da un canestro di Andrea Dell’Aquila, e conquistano un incoraggiante vantaggio di 6-2. La “falsa” partenza non spaventa però i cussini, anzi. I rossoneri recuperano immediatamente la bussola e rientrano nel match con lucidità, forza e grande organizzazione. D’arrissi sigla il punto del sorpasso, poi il solito spietato Chiappi – nelli trascina la squadra nel primo quarto siglando 11 punti, con tanti saluti alle velleità barlettane. Il periodo si chiude con il risultato di 31- 9 per i foggiani. Il coach Lamacchia, conscio delle potenzialità della sua squadra, decide di dare spazio a tutta la rosa. Il match diventa una sorta di allenamento agonistico per il Cus, nonostante l’orgogliosa spinta della Virtus mortificata da un divario tecnico e atletico sottolineato anche dal punteggio finale: 88 – 41.

IL TABELLINO. Da segnalare le prestazioni dei tre under Andrea Dell’Aquila, Gioele Campagna ed Eugenio Padalino autori rispettivamente di 10, 14 e 5 punti. Alla freschezza dei tre giovani cussini si è abbinata l’esperienza tattica del solito Matella – autore di un’altra ottima prestazione fatta di ricami e gestione dei ritmi di gioco – la precisione di Chiappinelli (19 pun –
ti totali) D’Arrissi (12 punti) e Mastroluca (9 punti) e l’esperienza del pivot Cristian Vigilante, volto noto del basket foggiano, all’esordio stagionale con la maglia del Cus. Mano calda per il numero 12 cussino, autore di ben 14 punti. Sul tabellino finisce anche Daniele D’Atri (1 punto).

IL COACH. L’ennesima prova di forza fornita dalla squadra non può che entusiasmare Danilo Lamacchia. “Un’altra dimostrazione della qualità dell’intero organico – ha commentato a fine gara – L’andamento del match ci ha permesso di provare giocatori, schemi e giocate importanti. Sono contento dell’atteggiamento, siamo rimasti concentrati nonostante la partita fosse in discesa. Abbiamo giocato per vincere lottando su ogni pallone e imponendo i nostri ritmi dal primo all’ultimo minuto. Ogni settimana vedo segnali di crescita, non solo sotto il profilo tattico ma anche mentale”. Il Cus tornerà in campo il prossimo 6 dicembre, con la trasferta in casa dell’Aurora Corato.

Redazione Stato Quotidiano.it

Cus Foggia, matricola bella e terribile ultima modifica: 2015-11-23T18:41:58+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This