Edizione n° 5253

BALLON D'ESSAI

TRUFFA // Ferragni, casi Oreo e Dolci Preziosi: acquisiti nuovi documenti
21 Febbraio 2024 - ore  19:29

CALEMBOUR

CLANDESTINI // Salento, ha una relazione clandestina con la zia ma lei lo denuncia dopo essere stata lasciata: “Mi ha costretta”
21 Febbraio 2024 - ore  10:01
/ Edizione n° 5253

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

OMICIDIO 30 coltellate: ucciso così Paolo Troccola, l’operaio di Carapelle

Non facile il ritorno in paese per la salma

LEGGI ANCHE //  https://www.statoquotidiano.it/13/09/2023/carapelle-spacca-vladimir-luxuria-con-lo-spettacolo-stasera-ve-le-canto/1028439/
AUTORE:
Daniela Iannuzzi
PUBBLICATO IL:
23 Novembre 2023
5 Reali Siti // Carapelle //

Statoquotidiano.it, 23 novembre. Carapelle – 30 coltellate hanno ucciso Paolo Troccola, l’operaio di Carapelle trasferitosi in provincia di Piacenza per esigenze di lavoro.

Ora, la salma attende di essere riportata a casa. Ma i suoi non possono permettersi di affrontarne la spesa.

L’operaio, 56enne nato a Deliceto ma stabilitosi da tanti anni a Carapelle, si era trasferito al Nord da qualche tempo e viveva a Niviano, in Emilia, dove abitava in un appartamento con altri due inquilini.

Emanuele Carella

 

Paolo Troccola

 

Sembrerebbe che il 9 novembre scorso sia scoppiata una lite tra il malcapitato e un ragazzo, Emanuele Carella di anni 21, collega e compagno di appartamento, nel corso della quale si è poi finiti con il fare ricorso ad oggetti taglienti.

Secondo alcune fonti, inoltre, pare che l’operaio carapellese  avesse usato parole poco rispettose nei confronti della sorella del Carellaanche lui pugliese, e che in risposta quest’ultimo avrebbe colpito il Troccola, più volte, 30 appunto, sul volto e all’addome, consumando il gesto efferato che ha portato il 56enne alla morte.

Pe  gli avvocati dello studio legale foggiano, che ha preso in carico il caso, non sarebbe però  plausibile un’ipotesi del genere: secondo la loro ricostruzione, i due non si erano mai incontrati prima di conoscersi a Niviano e  Paolo Troccola non poteva sapere, dunque,  della sorella del Carella.

Sta di fatto che sul viso dell’operaio, trovato in casa esanime dal terzo coinquilino, gli  inquirenti hanno riconosciuto sia il segno dei  tagli riportati  a causa dell’urto contro una porta di vetri distrutta durante il litigio, sia le ferite procurategli con il coltello usato dal Carella, reo confesso, nella colluttazione e ritrovato nel giardino della casa.

Le indagini ora proseguono a Niviano di Rivergaro, nel Piacentino, mentre la salma di Paolo Tortora attende di essere riportata a casa, a Carapelle. Il ritorno non è però al momento così semplice  e neanche così  scontato: la famiglia dell’operaio infatti versa in condizioni di miseria e non può proprio permettersi  la spesa dei 7000 euro necessari per il trasporto dell’uomo verso il suo paese di residenza.

È una storia di miseria e di difficoltà”, hanno riferito ai microfoni di Statoquotidiano alcuni abitanti di Carapelle. I pochi a mostrare una certa attenzione verso la vicenda che, per il resto, è sembrata essere passata quasi inosservata.

La moglie di Paolo Troccola intanto si è chiusa nel silenzio, dopo aver saputo la notizia della morte di suo marito solo dai giornali. E attende. Che qualcuno aiuti. Che qualcuno intervenga. Mentre al momento nemmeno l’azienda per la quale lavorava Paolo ha voluto dare un supporto finanziario per favorire il ritorno dell’operaio  a casa.

© StatoQuotidiano - Riproduzione riservata

Lascia un commento

“Quando hai lasciato il sistema e hai preso il premio, i combattimenti sono finiti e i cacciatori si sono sciolti. Sai com’è. Sono mercenari. Non sono fanatici.” Carl Weathers (Greef Karga)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.