Edizione n° 5345

BALLON D'ESSAI

SINDACO // Decaro celebra unione vigilesse, ‘sosteniamo amore e libertà’
23 Maggio 2024 - ore  00:12

CALEMBOUR

PROSTITUZIONE // Bari: baby prostitute, “Si guadagnavano anche mille euro a serata”
22 Maggio 2024 - ore  17:29

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

24 A Foggia “Peso morto”. “Ecco uno dei più gravi errori giudiziari della storia italiana”

In proiezione il 24 novembre alle 19.30 al Foggia Film Festival

LEGGI ANCHE //  Foggia Film Festival, Ornella Muti ospite d’onore della kermesse
AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
23 Novembre 2023
Eventi // Foggia //

FOGGIA – Al Foggia Film Festival quest’anno si proietta una storia.

La storia di Angelo Massaro, 21 anni di ingiusta detenzione per colpa di un’intercettazione telefonica trascritta male e interpretata peggio, raccontata nel nuovo documentario realizzato dall’associazione Errorigiudiziari.com

Una vita distrutta per colpa di una consonante. Ventun anni in carcere da innocente perché un’intercettazione telefonica viene capita male e interpretata peggio. Una parola in dialetto pronunciata durante una normalissima telefonata mattutina alla moglie, diventa la prova regina dell’accusa di omicidio pur in assenza del cadavere, dell’arma e del movente. E solo un processo di revisione riuscirà a mettere fine a una clamorosa ingiustizia che ha lasciato cicatrici indelebili nella mente e nel cuore del protagonista di Peso morto, un documentario che ripercorre i momenti chiave di questa sconvolgente odissea umana.

Dopo la fortunata esperienza con Non voltarti indietro (il primo docufilm sul fenomeno delle ingiuste detenzioni in Italia, menzione speciale ai Nastri d’Argento 2017), l’associazione Errorigiudiziari.com dei giornalisti Benedetto Lattanzi e Valentino Maimone torna sul tema degli innocenti in manette raccontando la vicenda umana e giudiziaria di Angelo Massaro: un uomo innocente arrestato e condannato a 24 anni di carcere per un delitto mai commesso, salvo poi essere riconosciuto innocente dopo aver passato 21 anni dietro le sbarre.

L’opera, per la regia di Francesco Del Grosso (che aveva già diretto Non voltarti indietro), è stata scritta da Lattanzi, Maimone e Del Grosso, con la produzione esecutiva di Black Rock Film in collaborazione con Errorigiudiziari.com.

I RICONOSCIMENTI

Presentato in anteprima mondiale a Milano il 18 settembre 2022, “Peso morto” nel giro di un anno ha già vinto ben 24 tra premi e menzioni in alcuni tra i più importanti festival cinematografici: il Premio della Fondazione Libero Bizzarri, tra le più antiche e autorevoli rassegne sul documentario d’Italia; il primo premio sia della giuria tecnica che di quella popolare al “Parma Film Festival”; la menzione speciale della giuria popolare all'”Extra Doc” International Film Festival di Roma; il premio alla migliore regia all'”Asti International Film Festival”.

All’estero ha già al suo attivo un premio come miglior documentario al “Cine Paris Film Festival” di Parigi e diverse altre partecipazioni a festival in Svezia, Inghilterra, Stati Uniti, fino addirittura al Bangladesh e a Taiwan.

L’OPERA

In Peso morto lo spettatore rivive l’incubo attraversato da Angelo Massaro attraverso un viaggio fisico ed emozionale nei luoghi che hanno fatto da cornice alla sua ingiusta detenzione, al fianco di figure chiave della sua incredibile vicenda: non solo familiari e amici, ma anche il cappellano del carcere, lo psicologo e la direttrice di uno degli istituti in cui è stato detenuto, compagni di cella, docenti universitari con cui sostenne gli esami della facoltà di giurisprudenza cui si era iscritto durante la detenzione e che lo chiamano oggi a portare la sua testimonianza agli studenti, a sostegno dell’opera di sensibilizzazione sul tema portata avanti con Errorigiudiziari.com.

LE VOCI

«Sto ancora aspettando le scuse di chi ha indagato su di me e di chi mi ha condannato a ventiquattro anni di carcere solo per un’intercettazione telefonica», accusa oggi Angelo Massaro. «È inaccettabile vedersi rubare un pezzo di vita lungo 21 anni senza che nessuno abbia mai pagato per questo colossale errore giudiziario».

«La prima volta che incontrammo Angelo Massaro era tornato libero da pochi giorni», raccontano Benedetto Lattanzi e Valentino Maimone. «Si presentò a noi con due borsoni pieni di carte e atti giudiziari. Ci travolse con la sua voglia di far sapere quello che aveva passato. Capimmo subito che avevamo di fronte il protagonista di uno degli errori giudiziari più gravi della storia repubblicana. Alla fine di quella giornata, gli facemmo una promessa: la sua storia sarebbe diventata un docufilm. A cinque anni da quell’incontro siamo orgogliosi di aver mantenuto quell’impegno».

QUANTI INNOCENTI IN MANETTE

Peso morto descrive, attraverso la vicenda del suo protagonista, uno spaccato della giustizia italiana, alle prese con il problema degli errori giudiziari e delle ingiuste detenzioni, un fenomeno che ha raggiunto ormai proporzioni senza uguali in Europa: ogni anno in Italia vengono arrestati in media circa mille innocenti, al ritmo di uno ogni otto ore. Negli ultimi 30 anni le persone finite in carcere senza colpa sono state oltre 30mila. Per risarcirle lo Stato ha speso circa 900 milioni di euro, alla media di 30 milioni l’anno: per ogni minuto che passa, 55 euro di denaro pubblico vengono destinati a indennizzare cittadini arrestati da innocenti. La proiezione di Peso morto è il modo oggi più efficace per raccontare e far capire al pubblico la portata di questo problema nel nostro Paese.

Per vedere il trailer ufficiale:

Peso Morto (Italia, 2022)

Regia: Francesco Del Grosso

Produzione: Benedetto Lattanzi e Valentino Maimone

Produzione esecutiva: Black Rock Film

Montaggio: Giulio Tiberti

Fotografia: Francesco Casunati, Matteo Niccolò Bresci

Musiche originali: Emanuele Arnone

Durata: 87′

CHE COS’È ERRORIGIUDIZIARI.COM

Errorigiudiziari.com è un’associazione non profit nata con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle vittime di ingiusta detenzione in Italia. Si basa sul primo archivio on line di casi di arrestati o condannati da innocenti, unico in Italia e in Europa (www.errorigiudiziari.com). Nasce da un’idea dei giornalisti Benedetto Lattanzi e Valentino Maimone, che si occupano di questi argomenti da quasi trent’anni tramite articoli, interviste, inchieste, libri, documentari, programmi tv e altre iniziative. Oggi possono essere considerati un punto di riferimento sul tema degli innocenti in manette.

In particolare, sono autori di “Non voltarti indietro” (2016, regia di Francesco Del Grosso), il primo docufilm realizzato in Italia sulle vittime di ingiusta detenzione; e di “Cento volte ingiustizia – innocenti in manette” (Mursia, 1996), una raccolta degli errori giudiziari più emblematici dal Dopoguerra ai giorni nostri; hanno inoltre collaborato come consulenti del programma tv “Sono Innocente” (10 puntate in prima serata su Raitre, 2017); hanno co-diretto l’Osservatorio sull’Errore Giudiziario dell’Unione delle Camere Penali Italiane (dal 2019 al 2021); collaborano con Italy Innocence Project, emanazione italiana dell’organizzazione internazionale Innocence Network; partecipano a convegni, seminari nelle università, conferenze e incontri pubblici sugli errori giudiziari; sono spesso ospiti delle principali emittenti radio e Tv nazionali.

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.