Capitanata

Odg Regione per Authority alimentare a Foggia. Stefàno vs Zaia. La lettera di Mongelli


Di:

NinoMarmo(An)

Nino Marmo (AN/Pdl)

Foggia – AUTORITHY alimentare nel capoluogo dauno: il Consiglio regionale della Puglia  ha votato all’unanimità un ordine del giorno, presentato da Nino Marmo (An-Pdl) e dall’assessore alle politiche agricole Dario Stefàno, con il quale si impegna la Giunta regionale ad intervenire sul governo nazionale affinché “resti a Foggia la sede individuata per l’Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare”. Stefàno a Zaia: no ad una questione politica. L’assessore alle Risorse Agroalimentari Dario Stefàno ha replicato a riguardo alle dichiarazioni del Ministro Zaia a proposito dell’ipotesi di trasferimento a Verona dell’Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare anziché, come previsto, a Foggia. “Uno dei miei primi atti da Assessore – dice Stefàno dopo aver letto le dichiarazioni del ministro Zaia in ordine all’Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare – fu quello ribadire al Prefetto Schilardi l’impegno comune presso il Governo per la tempestiva attivazione a Foggia dell’Agenzia per la Sicurezza Alimentare” . “Sono molto preoccupato – prosegue Stefàno – per le dichiarazioni del ministro nelle quali il mio timore prende corpo. Ho paura che le”carte scoperte” a cui Zaia fa spesso riferimento da mostrare in vista della campagna elettorale per le regionali nella quale Zaia competerà da Ministro per la presidenza della sua Regione Veneto, possano rivelarsi devastanti anche per gli equilibri territoriali”. “Chiedo – conclude Stefàno – in una assoluta logica bipartisan, a tutte le forze politiche e a tutta la delegazione parlamentare pugliese di unirsi subito a questo mio appello affinché il ministro Zaia non pieghi alle sue ambizioni elettorali anche questa legittima prospettiva delle Capitanata e della Puglia intera che già trova riscontro in atti di governo ”. Emendamento Bordo: Già lo scorso 11 novembre, l’onorevole Michele Bordo era intervenuto con un emendamento chiedendo di “assegnare alla Presidenza del Consiglio dei Ministri il termine massimo di 30 giorni per l’adozione del decreto attuativo con cui determinare organizzazione, funzionamento e amministrazione dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Alimentare nella sua sede di Foggia”. L’emendamento faceva riferimento al disegno di legge Disposizioni per il rafforzamento della competitività del settore agroalimentare” in discussione alla Camera”. Rafforzare e qualificare la rete di controllo della qualità e della sicurezza dei prodotti agricoli e agroalimentari “è decisivo per meglio competere sui mercati internazionali, oltre che per tutelare i consumatori”; in più, sottolinea Bordo, “si porrebbe fine ad un’annosa e poco dignitosa contrapposizione, anche istituzionale, tra il Governo e l’intera Capitanata, che attende ormai da quasi 2 anni l’attivazione della sede dell’Authority”. Anche Bordo puntò l’indice contro il ministro Zaia: “L’obiettivo è identico a quello perseguito con l’ordine del giorno da me presentato e approvato dalla maggioranza dei deputati a dicembre dello scorso anno – prosegue il deputato del PD – e mai reso operativo dal Governo, soprattutto per l’opposizione del ministro per le Politiche agricole, Luca Zaia, e della Lega Nord”. Il commento di Gianni Mongelli: “mi rivolgo a tutti i rappresentanti della Puglia in Parlamento per richiamare la Vostra e, per Vostro tramite, l’attenzione del Governo al rispetto della volontà espressa dalla Camera e dal Senato della Repubblica sull’attivazione dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Alimentare nella sede di Foggia”. Si apre così la lettera del sindaco di Foggia, Gianni Mongelli, ai parlamentari eletti in Puglia “affinché promuoviate ogni azione utile ad evitare la disapplicazione di una norma dello Stato, lo svilimento del ruolo istituzionale e politico del Parlamento e il tradimento delle legittime aspettative ed aspirazioni della città e del territorio che mi onoro di rappresentare”. L’iniziativa del primo cittadino è stata “sollecitata” dalle dichiarazioni del ministro per le Politiche Agricole, Luca Zaia, il quale “invece di mostrare tutta la dovuta e necessaria attenzione ai gravissimi problemi del comparto agricolo della Capitanata – commenta Mongelli – si attarda in esternazioni di chiaro stampo elettorale e che hanno l’esclusivo effetto di concimare la sfiducia nei confronti del Governo”. L’appello ai Parlamentari “è la prima di una serie di iniziative che ho intenzione di promuovere, in sinergia con le istituzioni e le forze sociali del territorio, per affermare il nostro diritto ad ottenere la sede dell’Autorithy – conclude il sindaco di Foggia – e, con essa, il riconoscimento di capitale agricola del Sud del Paese”.

Odg Regione per Authority alimentare a Foggia. Stefàno vs Zaia. La lettera di Mongelli ultima modifica: 2009-12-23T18:24:02+00:00 da Agostino del Vecchio



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This