Cronaca

‘Discarica’ Sannicandro. Zaccagnino: luogo non idoneo. Il 29 consiglio


Di:

nodiscarica-Sannicandro (Image by Sannicandro.Org)

nodiscarica-Sannicandro (Image by Sannicandro.Org)

Bari – INTERROGAZIONE urgente del consigliere regionale del Pdl-Popolari per la Libertà, Gianmario Zaccagnino, ha presentato un’interrogazione urgente al presidente della Giunta regionale e all’assessore all’ambiente sulle procedure adottate, da parte del Commissario delegato per l’emergenza ambientale nella Regione Puglia, per la scelta della localizzazione del nuovo impianto complesso di titolarità pubblica per il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti urbani, costituito da linea di selezione, biostabilizzazione e discarica di servizio soccorso a servizio dell’intero bacino FG/1, nel Comune di San Nicandro Garganico. Nell’interrogazione è stato rilevato che il sito prescelto presenta tutte le condizioni tali da non poter ospitare l’impianto, in quanto ricade in un’area ”»”ad elevatissima valenza paesaggistico-ambientale”,  con principali fenomenologie carsiche (inserite nel Piano di tutela delle acque della Regione Puglia) e considerata preziosa per la presenza dei due grandi specchi costieri, separati dal mare da cordoni dunari che costituiscono habitat naturalistici di “valore assoluto”. È assolutamente innegabile e inopinabile, secondo quanto scritto nell’interrogazione, che l’impatto socio-economico sarebbe elevato da avere effetti disastrosi sulle principali attività economiche della città di San Nicandro Garganico, quali l’agricoltura di qualità, la zootecnia praticata e il turismo, con conseguente perdita di migliaia di posti di lavoro. Considerato che il sito individuato ha caratteristiche intrinseche in evidente contrasto con le normative ambientali vigenti e con gli strumenti di pianificazione Gianmario_Zaccagninoprovinciale e regionale, il consigliere Gianmario Zaccagnino, interroga il presidente Vendola e l’assessore Introna, per sapere “se prima della divulgazione del decreto, gli Uffici preposti della Regione abbiano relazionato sulla scelta del sito onde verificare l’adeguatezza tecnico-legale (che seppur necessaria, non sembra esserci stata); se si sia svolta qualche verifica e se non intendano revocare e/o sospendere il decreto emanato”. La protesta della gente: dopo una manifestazione organizzata nel 2008 da alcuni partiti di minoranza, il ‘Comitato civile antidiscarica’ si è fatto promotore di una manifestazione popolare, lo scorso sabato 19 dicembre, con relazione tecnica finale del biologo Raffaele Colucci. Il comitato, nato qualche settimana fa, è coordinato dal noto microbiologo locale Angelo Guerrieri, il quale sui manifesti affissi nella città espone la preoccupazione per questa scelta che definisce “scellerata” e “mostruosa”. “Loro (l’amministrazione, ndr), – si legge in uno dei comunicati – non parlano di mega-discarica ma di “impianto complesso per la gestione di rifiuti”, ma tale è, ne siano dimostrazione lo stesso decreto emesso da Vendola che parla ormai espressamente di “discarica”, e lo studio di fattibilità commissionato dal Comune, in cui si prevede la realizzazione di una discarica iniziale di 20.000 mq. in cui depositare, nella migliore delle ipotesi, una montagna di 260.000 mc. di rifiuti, per una altezza fuori terra di 10 m”.La comunità di Sannicandro Garganico chiede “di capire realmente di cosa si tratti, confusa da una querelle che molti ritengono abbia assunto ormai solo toni di strumentalizzazione politica”. Consiglio comunale: i partiti di minoranza dell’amministrazione di Sannicandro Garganico avrebbero intanto convocato un Consiglio comunale sul tema, per “scongiurare la costruzione dell’impianto di biostabilizzazione”. Nella richiesta, si sarebbero riportato solo l’accapo dell’abrogazione della delibera di consiglio del 1 aprile scorso, con cui il comune di San Nicandro aveva preso atto dello studio di fattibilità, per ospitare l’impianto del bacino ATO FG/1. Il prossimo 29 dicembre, il presidente del consiglio Raffaele D’Andrea, ha pertanto fissato la riunione del consiglio a Palazzo Fioritto.

‘Discarica’ Sannicandro. Zaccagnino: luogo non idoneo. Il 29 consiglio ultima modifica: 2009-12-23T19:51:39+00:00 da Girolamo Romussi



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This