Capitanata

Gestione Cara/Cri, Commissario Rocca: “Ristabilita la legalità” (VD)


Di:

Il commissario Straordinario Cri, Francesco Rocca (St)

Foggia – “IN SETTIMANA rientreremo all’interno del Cara. In questo modo porremo definitivamente fine ad una storia segnata dalle polemiche”. Seduto dietro una scrivania ordinata in una sala al primo piano di Via Cimaglia, camicia bianca, aria distinta, barba curata. Il Commissario Straordinario della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca parla con calma e decisione. Sa che la sentenza del Consiglio di Stato di dichiarare illegittimo l’affidamento della gestione dei servizi del campo di Borgo Mezzanone alla siciliana Connecting People sta producendo clamore (Cri è rientrata dopo assegnazione della Prefettura – con relativa stipula – firmata l’ultimo giorno utile per l’adempimnto della sentenza, ndR). E sa bene – lo ammette – che l’organizzazione che è chiamato a rappresentare subirà contraccolpi d’immagine. “Ma resta saldo un principio; quello che, finalmente, è stata ripristinata una situazione di legalità”. Lo dice proprio così. E obietta che no, “non si tratta di normalità”, ma proprio di “legalità”.

Rocca vs. Maira. “Croce Rossa Italiana non sarebbe mai dovuta uscire dal Cara. Ora però, senza guardare al passato, vogliamo innestare un cambio di passo”. Rocca sa, però, che non guardare indietro, all’immediato passato, non è plausibile. Enumera ciò che non ha gradito della vicenda, il clangore mediatico. Si riferisce ai pezzi pubblicati da Stato, alla protesta dei lavoratori, alle loro voci, alle obiezioni avanzate da Padre Arcangelo Maira, scalabriniano siculo-sipontino, che aveva accusato la Cri di giocare, in sostanza, con le virgole. “Il suo approccio – risponde a muso duro Rocca – è da considerarsi inaccettabile”. Secondo il Commissario, che sulla questione non ammette repliche di sorta, “Maira parla senza sapere”. La sentenza del Consiglio di Stato, che ha riscontrato intrugli a livello di gestione economica della questione, è inappellabile. Soprattutto, “non tratta di cavilli, ma di legalità”. Inoltre, sempre in riferimento all’inchiesta aperta da Stato, Rocca ribatte allo scalabriniano in merito all’umanità dei gestori del centro. “Ha puntato il dito contro l’atteggiamento di una direttrice che ha alzato la voce in un’occasione contro di lui e i dipendenti (intervista, il video), estendo questo modus operandi a tutta la Croce Rossa. E’come se, parlando di un prete coinvolto in un caso di pedofilia, io estendessi la colpevolezza all’intera categoria. Dietro la Croce Rossa ci sono 150 mila persone che credono in un’idea”.

Lavoratori e servizi. “le proteste dei lavoratori della Connecting sono fisiopatologiche, sono nelle cose. Due anni fa, però, nostri operatori hanno perso il posto per fargli spazio. Oggi, se loro vogliono rivolgersi a qualche soggetto per denunciare la loro situazione, non possono che rivolgersi alla C.P.”, pontifica Rocca, di fatto scrollandosi di dosso ogni possibile polemica futuro sulla paternità delle responsabilità sociali. Anzi, annuncia che “la sostituzione avverrà nei tempi più rapidi possibile”, dilazionata di qualche giorno soltanto a causa delle difficili condizioni ambientali del momento (blocco delle autostrade che rende problematici gli spostamenti). Esclude, come già aveva fatto il commissario provinciale dell’organizzazione crociata, Raffaele Di Sabato, la possibilità di reintegro degli operatori della Connecting. Ciò, malgrado i richiami della politica ed in attesa di una certa e definitiva presa di posizione da parte della Prefettura, cui, da giorni, i lavoratori si stanno appellando. Punto interrogativo anche sulla quantità degli impiegati che saranno messi in campo a Mezzanone. Rocca conferma che ci saranno tanto operatori (remunerati) quanto volontari (il termine parla da sé). Saranno “svariate decine e comunque sempre in rapporto al numero dei migranti presenti”. A microfoni spenti, poi, promette “interventi” anche sulla cosiddetta ‘pista’, area retrostante il Cara dove, da oltre due anni, vivono in condizioni miserrime centinaia di africani cui non è stato concesso asilo.


Coordinamento di Quartiere Borgo Mezzanone.
Il Coordinamento di Quartiere di Borgo Mezzanone riunito in data 23 gennaio 2012, alla presenza dell’Assessore Damiano D’Ambrosio, esprime “profonda preoccupazione per lo stato di agitazione dei dipendenti del Consorzio Connecting People occupati nella gestione del C.A.R.A. di Borgo Mezzanone – Centro Accoglienza per Richiedenti Asilo – in seguito all’imminente subentro nella gestione dello stesso C.A.R.A. da parte della Croce Rossa Italiana”. Gli stessi chiedono a tutti gli organi preposti di attivarsi ai vari livelli istituzionali affinché vengano garantiti i diritti di tutti i lavoratori in un momento di particolare delicatezza socio-economica in cui versa il territorio di Capitanata.

Lo stesso Coordinamento di Quartiere sottolinea come “in questi 2 anni sia stato creato un equilibrio socio culturale tra gli ospiti del C.A.R.A. ed il territorio grazie ai lavoratori stessi, il Coordinamento chiede che questo equilibrio venga garantito a tutela del benessere collettivo senza eventi che potrebbero minarlo, assicurando la continuità lavorativa”.
p.ferrante@statoquotidiano.it
– riproduzione riservata


Il VIDEO. ROCCA A FOGGIA


L’INCHIESTA DI STATO
12 gennaio 2012. CARA Mezzanone, lavoratori Connecting a Prefetto: “CRI deve assumerci”
19 gennaio 2012. CARA, CRI verso stipula. P.Maira: “Prefetto ci ripensi”. Proteste (VIDEO)
20 gennaio 2012. CARA, c’è la stipula CRI. Proteste Connecting (V)
23 gennaio 2012. CARA, gestione Cri, sindacati: “un tavolo per le unità di Connecting”

Gestione Cara/Cri, Commissario Rocca: “Ristabilita la legalità” (VD) ultima modifica: 2012-01-24T20:24:06+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
60

Commenti


  • anonimo

    rocca 2 anni fa i tuoi operai hanno avuto la possibilità di avere la continuità lavorativa e nn hanno accettato.e cm spieghi il fatto che da contratto d appalto si è trasformato tt in una convenzione?e poi la croce rossa può partecipare agli appalti mi sembra proprio di no!!!i lavoratori del cara nn si toccano si fa tanto la bocca la croce rossa che è la più importante associazione umanitaria e poi se ne frega di 80 persone?che schifo gente riflettete!!

  • rocca 2 anni fa i tuoi operai hanno avuto la possibilità di avere la continuità lavorativa e nn hanno accettato.e cm spieghi il fatto che da contratto d appalto si è trasformato tt in una convenzione?e poi la croce rossa può partecipare agli appalti mi sembra proprio di no!!!i lavoratori del cara nn si toccano si fa tanto la bocca la croce rossa che è la più importante associazione umanitaria e poi se ne frega di 80 persone?che schifo gente riflettete!!


  • Gina

    Concordo appieno con Carlo. Intanto l’assemblea straordinaria del coordinamento, le associazioni coinvolte e la tanto più intensa preoccupazione da parte della parrocchia per i “propri” lavoratori è la dimostrazione più evidente sullo SCHIFO che si è andato a creare a Borgo Mezzanone. Meglio tacere.


  • Gina

    E cmq perchè non vi firmate..almeno sappiamo che nessuno ha da nascondere nulla…perchè nascondersi dietro ad un “anonimo” o un “Rocca non sa di cosa parla” è facile..


  • condivido


  • kkk

    e tanto non risponde nessuno… Rocca perchè non dice la verità… la proposta è stata fatta ai ragazzi della cri… e hanno rifiutato… e poi li avete messi in mezzo ad una strada…


  • finiamola

    non si deve fare appello a connecting people per il posto di lavoro… ma è la croce rossa che deve assumere… speriamo che il prefetto vi faccia abbassare la cresta…


  • Redazione

    CORTESEMENTE INVITIAMO TUTTI ALLA MODERAZIONE, GRAZIE. ESPRIMETE LE VS OPINIONI CON MODERAZIONE, GRAZIE. RED.


  • anonimo

    Rocca è una persona che non sa di che cosa parla è a capo di una organizzazione che ………………. (vedi vicenda Croce Rossa e gestione emergenza Balcani). La Croce Rossa Italiana esiste come organo ausiliario dello Stato e lo Stato la …………….che …….sperperato nella gestione ………STATO”. …….state distruggendo l’immagine della Croce Rossa,……..la fiducia della gente nei confronti di una istituzione che dovrebbe avere ben altra qualità e missione piuttosto che ………….non appartengono alla sua funzione…………….


  • anonimo

    la legalità nemmeno ……. sarebbe meglio stare zitti, e non fare queste interviste… perchè non lo va a dire ai lavoratori che è stata ripristinata la legalità? vediamo cosa rispondono…


  • carlo

    io invece vi dico che Rocca ha ragione.
    ma ditemi…..
    come sono entrati i lavoratori alla connecting?
    e ditemi ancora…
    c’è qualche parente del coordinamento di borgo mezzanone che attualmente si trova in connecting?
    e perche i politici (vedi Bordo e altri) e la chiesa con padre Maira oggi intervengono e prima non sono intervenuti?
    e che fanno figli e ……?
    voi parlate di 80 persone che perderanno il lavoro e io dico che ci saranno altre tante persone che ri-torneranno a lavorare.


  • anonimo

    tramite colloquio, valutazione di titoli ed esperienza… quella della cri come vengono assunti???
    se volevano lavorare i ragazzi della cri accettavano le proposta di cp…
    nessuno è intervenuto xkè cp voleva assumere i croce rossini, ma loro hanno rifiutato… xkè si deve intervenire se tu rifiuti un tuo diritto? la gente interviene quando ti negano un diritto…


  • carlo

    x anonimo
    “..tramite colloquio, valutazione di titoli ed esperienza… ”
    era una battuta spero


  • anonimo

    queste sono discussioni sterili… pure io posso scrivere un nome… tipo mario o romina, e dire che mi firmo…
    il fatto è che cp ha chiesto a quelli della cri se volevano lavorare con loro e hanno risposto no… e ai ragazzi della cp viene detto che non saranno assunti… e non era una battuta… tu lavori per cp? sai come sono stati assunti i lavoratori? e allora parla di quello che sai… non fare supposizione tanto per parlare… io chiudo qui… non parlo con gente che non sa… vi saluto… sperando che veramente giustizia sia fatta…

  • Esprimo la mia piena solidarietà a p. Arcangelo, persona e sacerdote integerrimo e… senza peli sulla lingua. Conoscendolo condivido in pieno quanto da lui dichiarato. Per quanto riguarda Rocca è da sottolineare la SUA totale estraneità alla realtà del CARA evidenziata dal fatto che, afferma “nostri operatori hanno perso il posto…” non sapendo che erano stati loro stessi a rinunciare all’incarico (forse manipolati, e da chi?). E’ da ricordare ancora al sig. Rocca che il Coordinamento di Quartiere di Borgo Mezzanone, che vive sulla propria pelle la situazione del CARA, ha espresso piena solidarietà e comprensione ai lavoratori, grazie ai quali “in questi due anni sia stato creato un equilibrio… tra gli ospiti del CARA ed il territorio grazie ai lavoratori stessi…” Evidentemente, sig. Rocca, prima la situazione non doveva essere così idilliaca…


  • Domenico la Marca

    Esprimo grande solidarietà per padre Arcangelo. Chi lo conosce o lo ha conosciuto sa bene che non parla per sentito dire, ma perché in questi cinque anni ha svolto con grande impegno e passione il suo lavoro di missionario scalabriniano per i migranti. E’ un prete di frontiera che poco sà dell’incenso delle Sacrestie. Non porta la “croce”, ma se ti avvicini, ne senti la forza, il coraggio, la dignità. Ha condiviso e condivide tutt’ora con i migranti e, in particolar modo, con i rifugiati i sogni, le speranze, le gioie ed i momenti difficili,facendosi portavoce, voce di denuncia e grido di giustizia. Chi in questo periodo frequenta il Consiglio territoriale per l’immmigrazione della Prefettura, sa bene che padre Arcangelo in collaborazione con tante organizzazioni ( e non mi sembra di vedere la CRI, come dice Rocca) sta lavorando per fare in modo che presso il Ghetto di Rignano, presso la pista dientro al Cara, molti cittadini stranieri possano trovare risposte e avviare processi di integrazione.E questo lavoro che stiamo facendo, pienamente condiviso dalla prefettura, é un modo nuovo di approcciarsi al tema dell’immigrazione.
    La legalità, poi, é un termine che va di moda e spesso viene abusato….Come ricorda don Ciotti, spesso accade che la legalità é un valore quando fa comodo e cessa di esserlo quando la legge non ci piace….La legalità é una scelta politica, di uno stile, esige coerenza.
    Mi auguro che, nella terra di Di Vittorio, le proteste, le manifestazioni di giovani lavoratori Cara non siano viste come una “fastidio”, ma invece un segno vivo di un territorio che ha voglia di crescere, di non scendere a compromessi, che non ha paura.

  • Non solo conosco e stimo Padre Arcangelo, ma ho avuto il piacere di lavorare on lui in Albania, Sud Africa e anche a Borgo Mezzanone…

    La velata allusione alla pedofilia, che va tanto di moda oggi, mi sembra una infamia di chi è abituato a sedersi a una scrivania senza sporcarsi le mani e nascondendosi dietro una “IDEA”…

    Per fortuna che oltre ai burocrati in CRI vi sono tanti volontari, tante brave persone che niente hanno a che spartire con questi atteggiamenti


  • michele

    non conosco la situazione ma conosco e stimo p. Arcangelo. Il sig. Rocca è stato infelice nell’esempio usato per argomentare le sue tesi. E’ facile sparare sulla CRI come sulla chiesa.


  • p. Claudio

    Non posso che essere solidale con p. Arcangelo: so bene che quanto fa o dice non ha secondi fini, se non quello di veder rispettata la dignità di tutte le persone, non importa a quale etnia o associazione appartenga. Certo, infine, che un rappresentante dello stato e della legalità quale è chi è alla testa della CRI faccia dei paragoni chiamando in ballo la piaga della pedofilia fa pensare…. ancora una volta vogliamo spostare l’attenzione su qualcos’altro?????


  • P. Roberto

    Credo che si dovrebbe avere un po’ di rispetto per chi si sporca le mani e assume i problemi degli altri come P. Arcangelo! Il richiamo al ripristino della legalità, da quello che so, è proprio fuori luogo! Forse è proprio la CRI che dovrebbe sentirsi in difetto… Vorrei fare una semplice domanda al sig. Rocco: “Avete, per caso o per sbaglio, chiesto ai rifugiati da chi si sono sentiti trattati meglio…” Se non l’ha fatto, glielo consiglio caldamente!!!


  • neutrale

    Credo vivamente che con tutte queste accuse contro la Connetting e contro la Coce Roossa non si fa altro che peggiorare questa situazione;gli errori sono stati fatti da entrambe le parti, chi più, chi meno, e se mi consentite Chiesa e Politica devono starne fuori… Una cosa è certa, se facciamo agire la legge saremo tutti più contenti;quindi caro Prefetto questa situazione solo lei può risolverla!


  • P. Roberto

    Al “neutrale” vorrei rispondere, per fare verità, circa la Chiesa e la politica che se ne devono stare fuori… La chiesa ha il diritto di parlare quando difende i diritti delle persone, visto che la sua missione è quello di dire a tutti la “buona novella” del vangelo… P. Arcangelo so per certo che vuole unicamente il bene dei rifugiati…


  • Associazione Stigmamente pro Padre Arcangelo

    Abbiamo più volte, nel corso di progetti che non riguardano il CARA, collaborato con padre Arcangelo Maira convincendoci sempre più del suo valore umanitario prima che pastorale. Padre Arcangelo è letteralmente il buon sammaritano che si toglie il pane dalla bocca per porgerlo ad un fratello (molte volte sconosciuto) che ha fame. Padre Arcangelo vive la discriminazione degli immigrati ogni giorno sulla sua pelle. Bisogna esserci passati davvero lontani per non percepire ciò. Se parla è perchè non solo sa ma ha condiviso.


  • Gianni

    Rocca vs p. Arcangelo è una gara persa in partenza dal sig. Rocca. Se il signor Rocca avesse la metà dell’esperienza, della professionalità, della sensibilità e della operosità di p. Arcangelo non avrebbe detto tante …….tutte insieme.

  • La mia solidarietà piena, e quella del Centro Baobab, a Padre Arcangelo..


  • Redazione

    Un attestato di stima per una persona vera, valore oggi sempre più raro. Grazie Padre Arcangelo, Giuseppe de Filippo, Piero Ferrante, redazione STATO –


  • Rosanna

    non conosco il sign. Rocca ma ho avuto il piacere di vedere operare p. Arcangelo al CARA e sono rimasta sempre colpita dal suo “abbraccio benedicente” che sempre rivolge ad ognuno che incontra sia esso ospite che operatore. esprimo a lui il mio grazie e la mia solidarietà. Come lavoratrice dico che la mia protesta sarà “fisiopatologica”come afferma appunto il sign. Rocca ma io vorrei solo vedere rispettato il lavoro fondato sul diritto e non su altro e su questo mi piacerebbe confrontarmi pacificamente nella legalità appunto.


  • ff

    stimo padre arcangelo


  • fisiopatologo

    la fisiopatologia è la fisiologia diversa che s’instaura in uno stato di patologia.
    Dire che la reazione di protesta di un lavoratore è fisiopatologico anzicchè fisiologico significa dare valore di patologia alla sana istanza lavorativa. E’ tutto dire. Se poi il dott. Rocca ha sbagliato, vuoi per lapsus freudiano, vuoi perchè non è un medico e non ha quindi un linguaggio congruo, questo è altro discorso, tranquillamente etichettabile come fisio-patologico


  • Anonimo

    Mi rifaccio alle parole di Rocca:”La cri un attore umanitario importante”Non è un film ma è la vita vera il C.A.R.A di borgo Mezzanone e i migranti tutti.. Padre Arcangelo ogni giorno si sporca le mani nel fare, nell’accogliere loro i migranti,una voce di amore in mezzo a tanto dolore e speranze,un abbraccio fraterno disinteressato al Fratello… Blasfeme sono le accuse fatte a padre Arcangelo..il cittadino del mondo.. parla per loro,una voce che nessuno ascolta quella dei migranti.Una mano dal cielo arrivata per accogliere,ascolta consola si adopera il suo tempo per loro..Lui si batte per la legalità la verità per quel senso umano che per anni la Cri non ha preso in considerazione nel C.A.R.A di Borgo Mezzanone….ha raccontato la verità…. la verità è scomoda da fastidio, vero Signor Rocca?non mi sembra agire nella legalità,alzare il telefono e far richiamare Padre Arcangelo all’ordine da un suo superiore scalabriniano….”dite al prete foggiano di smetterla” se non avete nulla da nascondere.Perchè preoccuparvi?lasciate che la gente dica la sua … siamo o no in democrazia?non metterete a tacere mai Padre Arcangelo lui non ha paura di nessuno e noi siamo con lui… Arca mi hai insegnato il senso di verità ed hai accresciuto in me il senso umano…. io ci sono…. Grazie


  • uomo di speranza

    ho avuto la possibilità di conoscere padre arcangelo io e la mia famiglia ci siamo subito innamorati di quest’uomo perche egli stesso è un innamorato della vita e della verita.
    in questa storia ho conosciuto:
    – il presidente della c.p. che ha sempre detto all’inizio che non c’era possibilità per nessuno di lavorare perchè venivano prima di tutto i dipendenti di croce rossa italina;
    – la redazione di stato quotidiano persone garbate che trattano solo notizie vere che non amano gli scontri sociali;
    di tutta questa storia abbiamo accellarato il paradiso a Padre Arcangelo


  • fabio potenza

    Piena solidarietà a P.Arcangelo Maira. Il commissario Rocca, bravo a stare dietro ad una scrivania, non immagina nemmeno cosa significhi stare ogni giorno dalla stessa parte dei poveri, dei migranti, dei deboli. ………….ma se la C.R.I. non potrebbe neanche partecipare e certe gare d’appalto! La Croce Rossa …….. con questa vicenda, ma come diceva fra Cristoforo nei promessi sposi rivolgendosi a Don Rodrigo: verrà un giorno!(la giustizia Divina)


  • Anonimo

    Costretta a partecipare a gare d’appalto se per natura giuridica non può gareggiare…boooo…si dicono tante cose inutili…se è stato firmato l’art. 5 della convenzione deve esserci per la legalità (tanto acclamata) l’assorbimento delle unità lavorative.


  • Gianni Barbera

    massima stima a tutti coloro che mettendoci la faccia hanno il coraggio e la determinazione per portare avanti le proprie idee.


  • carlo

    RISPETTO DELLA LEGGE SEMPRE
    ed io personalmente sono convinto che
    per fare questo sia la POLITICA che la CHIESA non devono intervenire, perche non si possono sponsorizzare o TUTELARE alcune situazioni o “posizioni” a danno di altre.
    perchè ripeto ci sono state altre persone che hanno perso il posto di lavoro al subentro della connecting e non sono state tutelate da nessuno ne dai politici nè dalla chiesa.
    e vi parlo per cognizione di causa perchè ho conosciuto un ragazzo di foggia che lavorava li e che poi non è stato mai piu assunto.
    quindi sappiamo tutti la vera verità.
    ecco perche vi dico che la chiesa e la politica devono tutelare tutti e non solo e lori vicini piu prossimi.


  • Chiarezza

    i lavoratori CRI hanno avuto richiesta di passaggio che hanno rifiutato.
    http://www.uilpacri.altervista.org/index.php?limitstart=300
    penultimo paragrafo sulla sin. della pagina


  • anonimo

    carlo, se devi parlare parla con la verità… è stata fatta la richiesta ai dipendenti cri e hanno rifiutato… quindi BASTA con questa storia…
    Padre Arcangelo non deve essere strumentalizzato… non sapete più dove attaccarvi… se rocca non avesse detto non assumo nessuno e vi metto tutti in mezzo ad una strada, non ci sarebbero state tutte queste proteste…


  • Marco

    Leggendo le interrogazioni si capisce molto del modo di “gestire” della Croce rossa!!!!!!!!!
    http://www.camera.it/417?idSeduta=575&resoconto=bt13&param=n2-01331#n2-013


  • legalità

    perchè i lavoratori cri hanno visto tutelato i loro diritto alla continuità lavorativa(ed hanno rifiutato perchè pulire per 2 spicci non è come indossare una tutina rossa e portasi a casa un bel malloppo) ed i lavoratori connecting non devono vedersi riconosciuto questo diritto art 5 della convenzione stipulata tra U.T.G. e ente gestore …non è giusto discriminare i lavoratori che chiedono piena applicazione della art 5 della convenzione cara che richiama l’art 37 cooperative CCNL.
    http://www.uilpacri.altervista.org/documenti/richiesta_connecting.305.pdf


  • Giacinta Di Domenica

    Andate a gonfiare le ruote al treno!!!!!


  • misericordia

    Già come vi esprimete si capisce che gente siete!!!!! Prima di parlare di croce rossa italiana dovete lavarvi la bocca con un buon collutorio se poi parliamo di professionalità noi non siamo ne falegnami salumieri e quan’altro. Noi non facciamo parte di una azienda che fà carte false per aggiudicarsi lavori e facendo contratti al personale sapendo che non può mantenere. La proposta di lavoro fatta dalla connecting a noi lavoratori della cri fu<> turnazioni notturne assurde!!!!! manco nei campi di concentramento usavano tanta ARROGANZA sembrava che volevano sfogare su di noi tanta rabbia!!!! la decisione si doveva prendere dopo un quarto d’ora dalla spiegazione fatta. se uno chiedeva spiegazioni su qualcosa …glissavano dicendoci che non era affar nostro…. Ora dal momento che avete un contratto a tempo indeterminato e siete contenti …perchè volete lasciare la connecting e fare parte di un ente da voi definito disumano? Se siete così umani dovreste condividere negli altri centri dove umanamente la connecting riesce a gestire tanto avete un contratto indeterminato. Fatevi aiutare da giovanardi !!!! lui è molto comprensivo.


  • Redazione

    CORTESEMENTE MODERAZIONE – GRAZIE – MODERAZIONE – GRAZIE

  • Rispondo a misericordia. Inconsapevolmente (forse) rafforzi il nostro convincimento che il commissario della cri Rocca non dice la verità dichiarando che i suoi operatori hanno perso il posto… hanno rinunciato, come tu stesso ammetti. Tanto per un senso di verità!


  • misericordia

    D.B Se non eri presente a tale riunione ti prego di non parlare……. ed ALZA LA TESTA!!!!
    è vero o non è vero che la connecting ha barato? Quindi cosa state difendendo l’illegalità?
    noi eravamo sicuri che la giustizia avrebbe riparato il torto (da tè non condiviso) subito.
    State infangando anche sapendo che alla CRI è stato fatto un torto,,,,e voi x pochi spicci cioè quello che VOI dite di percepire difendete una organizzazione che ha dei problemi in quasi tutti i cara che gestisce e buttate fango su operatori che non hanno niente da imparare da voi.
    Come ho potuto leggere nell’intervista di padre maira sono rimasto molto deluso .Io sono cattolico Cristiano ma sentito le ultime notizie …vedi don Verzè tanto x citarne uno degli ultimissimi tantissimi scandali della chiesa mi vengono dei dubbi che il parroco non abbia interessi particolari .


  • michele

    ………………………………………………………..


  • Redazione

    ABBIAMO PROVVEDUTO NUOVAMENTE AD ELIMINARE DEI COMMENTI DIFFAMANTI.

    Siamo, sono sicuro che i lettori di Stato condividono la lettura del ns giornale, e dunque intervengono nel forum, in qualità di persone informate e desiderose di un dibattito democratico. In sintesi: animati dalla volontà di esprimere la propria opinione. In totale e pacifica libertà editoriale.
    Il nostro giornale è nato infatti per questo: espressione libera delle proprie opinioni. Come abbiamo sempre fatto, relativamente a tutto e tutti.

    Però continuiamo a negare la diffamazione. Invitiamo tutti i lettori in Redazione per qualsiasi rimostranza o notizia, siamo disponibili sempre, ma cercate cortesemente di rispettare il nostro lavoro e gli interventi democratici di tutti i lettori. Cortesemente non ci costringete ad eliminare il Forum. E’ il vostro mezzo per interagire con il giornale. E’ il vostro strumento per esprimere in libertà, ma democraticamente e pacificamente, la vs opinione.

    Grazie di cuore, buona domenica,
    G.de Filippo – RED. STATO – https://www.statoquotidiano.it


  • grazia

    la legalità va ripristinata non solo quando vi fa comodo e poi siete pronti ad essere illegali in tutto nella vostra vita, smettetela di offendere la Croce Rossa e i suoi volontari, che intervengono nelle tragedie nelle calamità nelle prime accoglienze e nei soccorsi in tutte le condizioni di disagio,cose che voi guardate solo comodamente seduti comodi,e se lavorate con gli immigrati è solo perchè siete pagati altrimenti non gli direste neanche buongiorno.in quanto al prete mi astengo dal commentare solo per non infierire sulla Chiesa,visto che sono cattolica,


  • antonio

    Visto che vi vantate della legalità dell’ente pubblico, perchè non ci spiegate come siete stati assunti in croce rossa.
    Oltre al requisito della ………………………………………………….
    Voi non dovreste proprio parlare di interessi personali!
    Per cortesia, un pò di ritegno non lo avete?


  • misericordia

    COME VOLEVOSI DIMOSTRARE SEMPRE OMBRE NELLA GESTIONE DEL CONSORZIO CARA Palese, gestione OPUS, rigettato ricorso cooperativa Auxilium ..“È appena il caso di ribadire – dicono dalla sede del consorzio foggiano – come l’attuale ente gestore, la cooperativa AUXILIUM, con sentenza TAR Puglia n. 233 del 2012 (SISIFO) non è legittimato neanche a gestire in proroga il C.A.R.A”. “Così come già comunicato alla Prefettura di Bari, siamo quindi a confermare l’assoluta disponibilità a subentrare prontamente nella gestione del servizio del centro accoglienza per richiedenti asilo di Bari-Palese, ribadendo inoltre la disponibilità a garantire la continuità occupazionale del maggior numero possibile dei lavoratori attualmente impiegati nel Centro, compatibilmente con il modello organizzativo delle risorse umane definito in sede progettuale”.
    CI SARA’ UNA RAGIONE !!!!!! OPPURE I GIUDICI SARANNO TUTTI COMUNISTI!!!!


  • grazia

    Proprio perchè non ho interessi personali posso rispondere liberamente e con dignità,la dignità non l’avete voi che pensate che sono tutti come voi,IL GATTO DELLA DISPENSA COME FA COSI’PENSA.E IO NON NON SONO ASSUNTA IN CROCE ROSSA,LAVORO NELLA SCUOLA.


  • Anonimo

    Carissimi volontari e’ da ammirare cio’ che fate e come lo fate siete voi che rendete grande il nome della Cri….! Ma per la gestione dei Cara riflettete un attimo non sarebbe meglio che non prestiate il vostro servizio? Involontariamente non fate altro che farvi strumentalizzare dalla Cri la quale non fa altro che incentivare il precariato e la disoccupazione …..certo non lo fa gratis….! AH dimenticavo e’ un ente pubblico ma partecipa a gare private…..ha volontari ….prende soldi ma non ne da…..fa del bene umanitario ……ma ro..a famiglie…..e’ geniale questo Ente fa cio’ che gli pare con l’appoggio dello Stato ….d’altronde siamo in ITALIA…..!


  • misericordia

    Questi operatori chiamiamoli così della cooperativa si stanno rilevando quelli che sono <> il parroco difensore dei deboli… dove stava quando gli operatori speciaizzati CRI perdevano il lavoro? o forse stà buttando fango sulla CRI solo x affollare la sua parrocchia e quella della connecting mandata a casa da quasi tutti i centri che gestisce….VIA LA M…. SULLA GENTE CHE SOFFRE!!!


  • misericordia

    UNA VERA VERGOGNA!!!!! VEDERE PERSONALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA ENTRARE IN UN CENTRO D’ACCOGLIENZA SCORTATI DALLE FORZE DELL’ORDINE..<>


  • anonimo

    misericordia… il loro operato si vedrà molto presto…

    chissà perchè si fanno scortare loro…


  • dodici

    INFATTI!!! concordo con misericordia… una vergogna…

    una vergogna perchè siete de…………..

    invece di pensare a fare le parate ed arrivare in pompa magna, cercate di instaurare un rapporto con gli ospiti…


  • mara

    esprimo la mia stima e la mia solidarietà a p arcangelo che opera tra gli ultimi con umiltà, fraternità e sempre col sorriso di chi sa vivere il vangelo, a chi nn ha saputo reggere il confronto (rocca)e di conseguenza ha dovuto richiedere l’intervento di qlche superiore suggerisco di cominciare a leggerlo il vangelo con attenzione


  • misericordia

    Cronaca di un rientro: Finalmente giunti il giorno 6 di Febbraio nel cara di borgo Mezzanone la situazione trovataci di fronte era delle più nere previsioni mai viste in un centro di ACCOGLIENZA . Centro consegnato nuovissimo appena un anno prima. gli ospiti di tale centro lamentavano un TOTALE disimpegno della vecchia gestione…. Gente tenuta al freddo, igiene personale molto carente, bagni inagibili, struttura completamente distrutta ed abbandonata, tonnellate di rifiuti accumulati, . Quasi tutti i vetri delle moduli abitativi rotti mensa con quintali di materiale di scarto ed un puzzo incredibile, parco giochi bambini distrutto e diventato pericolosissimo per i piccoli ospiti . Nelle stanze adibite a spogliatoi x i dipendenti<> Un giorno si è presentato il ….prete missionario che malgrado il divieto di entrata…<> malgrado il divieto di entrata si …….con metodi non certo democratici in pratica ……….Forse sperava di trovare ……… Ma sicuramente ha trovato gente che si faceva un ma@@o tanto per sopperire alla mancanza di ……dalla C.P. <> Una volta …. il prete adduceva che non aveva inteso bene il divieto di entrata e si scusava .Probabilmente non sapeva che un permesso dato nel 2008 non era più valido nel 2012.Cosa avrà trovato nel centro?? di sicuro le centinaia di ospiti ……dal consorzio C.P per le chiavette cariche di danaro accumulato che gli ospiti affidavano al consorzio e che lo stesso gestore non ha ………….. Tanto che un giorno sono venuti i camion della C.P a caricare il materiale in eccedenza ma sono stati circondati dagli ospiti e non gli hanno permesso di caricare niente se prima la C.P non gli ridava ……… Ma oramai le …………di tale consorzio sono all’ordine del giorno non ultima il giorno 23 febbraio la Rai ne parlava nel corso della trasmissione sulla 3°rete alle ore 7 di un’altro problema in un centro del nord Italia . Oramai sono tante le cose strane di tale consorzio ma mettere anche dei ………. contro una delle più grandi organizzazioni umanitaria mondiali, non regge. Sperando in una soluzione a favore degli ospiti ed dei lavoratori tutti finisco con un motto….ALZIAMO LA TESTA E A SCHIENA DRITTA!!!!!


  • Redazione

    Abbiamo pubblicato il Suo commento, omettendo le possibili diffamazioni verso terzi.
    Invitiamo tutti alla moderazione, grazie. RED.


  • legalità

    ……le montagne di rifiuti dipendevano dal non adempimento dellAMICA nell’assilvimento del suo compito precipuo di raccolt di rifiuti solidi urbani
    il centro non è stato consegnato nuovo un anno prima, la consegna della struttura nuova era avvenuta anni prima e ki l’ha ricevuta nuova e linda era la CRI ricordi?
    i bagni inagibili, le mancanze relative alle foniture di acqua e energia elettrica/gasolio per il riscaldamento degli ambienti dipendeva e dipende tutt’oggi dalla PREFETTURA che dietro continue e ripetute segnalazioni non interveniva e non dava il null’aosta per l’intervento…..cosa che ora con la cri sarà sicuramente cambiata ….?!?!? il rapporto d’intesa e non aggiungo altro tra cri e utg e completamente diverso e non paragonabile a quello esistente tra cp e utg….in quest’ultimo caso squilibrato in cui era in atto una continua inquisizione ai danni della cp co la speranza di cogliere il consorzio in difetto nell’erogazione dei servizi previsti in convenzione…..da ricordare i controlli mensa quasi quotidiani da parte dell’utg

    quante volte l’utg con la cri controlla i pasti a borgo le macchine della prefettura non passano più …io non le vedo….che bella collaborazione….brava la cri sa voltivare i rapporti con le varie istituzioni


  • misericordia

    Non riescono a d aggiudicarsi un appalto senza b……. Erano il vice vicario prefetto di Gorizia, …………., e il responsabile dell’Ufficio ragioneria della medesima prefettura, ………, a …….sui mandati di pagamento delle fatture emesse dalla “Connecting people” di Trapani per le forniture di servizi.

    Perquisizioni erano state eseguite anche nelle stesse strutture di Gradisca e nelle abitazioni di tre medici finiti a loro volta sotto indagine per i casi di scabbia accertati al Cie e al Cara il 30 novembre scorso. Ma si sà gli operatori Connecting sono umani e specialisti nel trattare la gente in difficoltà. L’accusa contestata ai tre professionisti, tutti coinvolti in qualità di sanitari operanti all’interno dei due centri per conto del gestore, è l’omessa denuncia alle competenti autorità del manifestarsi di episodi o di sospetti episodi tra gli ospiti.Stando al castello accusatorio formulato dai magistrati, ciascuno per la propria parte avrebbero falsamente attestato l’avvenuto “controllo di congruità” dell’importo indicato in fattura. Attestazione che la Procura ritiene non conforme al vero, alla luce degli accertamenti che avrebbero già dimostrato una sovraffatturazione e cioè l’indicazione in fattura di un numero di ospiti superiore a quello reale. Con conseguente liquidazione di importi forfettari (che la convenzione tra ente gestore e Prefettura aveva fissato in 42 euro per ospite) più alti di quelli dovuti.PRETE ASSOLVI I TUOI CORREGIONALI!!!!!!. I fatti sono quelli riportati dalle indagini e non dalle dicerie…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This